Quotidiano on line
di informazione sanitaria
17 NOVEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Cancro della mammella metastatico. L’EMA approva pertuzumab

04 GIU - È stato approvato in Europa in combinazione con trastuzumab e docetaxel per il trattamento di pazienti adulte affette da cancro della mammella metastatico (mBC) o localmente ricorrente non resecabile HER2-positivo non sottoposte precedentemente a una terapia anti-HER2 o chemioterapia per il tumore metastatico: l’ok dell’EMA arriva nel corso del 49esimo Congresso ASCO, che si conclude oggi a Chicago.
 
L'approvazione europea giunge dopo che lo studio di fase III CLEOPATRA ha dimostrato che la combinazione di pertuzumab, trastuzumab e chemioterapia fornisce alle pazienti una mediana di 6,1 mesi sopravvivenza senza peggioramento della malattia (Sopravvivenza Libera da Progressione, PFS) e una riduzione pari al 34% del rischio di mortalità (sopravvivenza totale) rispetto alla sola combinazione di trastuzumab e chemioterapia. "La combinazione di pertuzumab, trastuzumab e chemioterapia è la prima a estendere in maniera significativa la sopravvivenza rispetto al precedente standard terapeutico, costituito solo da trastuzumab e chemioterapia", ha dichiarato Hal Barron, M.D., Chief Medical Officer e Head, Global Product Development di Roche.

                                                                                                            
Il farmaco è mirato al recettore HER2, una proteina presente in quantità elevate sulla superficie esterna delle cellule in una categoria di carcinomi della mammella che vengono pertanto definiti HER2-positivi. Un test diagnostico per l'HER2 viene utilizzato per determinare la positività delle cellule tumorali. Pertuzumab agisce in maniera complementare a trastuzumab, poiché i due farmaci bersagliano regioni diverse del recettore HER2. Trastuzumab è stato il primo anticorpo monoclonale sviluppato per il trattamento del cancro della mammella HER2-positivo e ha aumentato la sopravvivenza per le pazienti tanto da renderla analoga a quella delle pazienti con tumore mammario HER2-negativo. Prima del trattamento con trastuzumab, gli esiti di sopravvivenza attesi per le pazienti con diagnosi di tumore mammario HER2-positivo erano inferiori rispetto a quelli delle pazienti con malattia HER2-negativa. Nello studio CLEOPATRA, pertuzumab in combinazione con trastuzumab e chemioterapia ha dimostrato di estendere ulteriormente i tempi di sopravvivenza per le pazienti affette da questa forma aggressiva di tumore. 
 
Pertuzumab è oggi approvato nell'Ue, negli USA e in Svizzera per il trattamento di pazienti affette da mBC HER2-positivo non sottoposte precedentemente a terapia per la malattia metastatica. Ulteriori approvazioni sono previste per il 2013.

04 giugno 2013
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy