Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 21 MAGGIO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Quante volte si va dal medico in Europa? In Italia molto poco. Ecco gli ultimi dati Eurostat sul ricorso a Mmg, dentisti e chirurghi

A livello Ue, la frequenza delle consultazioni dei medici generici è stata più alta per le donne che per gli uomini. Così anche per le visite a dentisti o chirurghi generali. L’Italia è in linea con la media Ue anche se la frequenza delle visite non è elevata. La maggior parte degli italiani va infatti dai professionisti una o due volte l’anno mentre è agli ultimi posti per la costanza nel ripetere le visite.

26 FEB - Il medico di base è quello da cui i cittadini europei, soprattutto le donne, si recano di più. Sono infatti 3 su 4 quelli che nell’ultimo anno si sono fatti visitare. Ma sulla frequenza delle visite sono molte le differenze. A fornire il quadro è l’Eurostat che ha analizzato la frequenza con cui i cittadini chiedono un consulto ai medici di base, dentisti e chirurghi. Per quanto riguarda i dentisti e i chirurghi il 55% dei cittadini europei vi ha fatto ricorso negli ultimi 12 mesi.
 
Medico di base: il 75% dei cittadini Ue vi ha fatto ricorso nell’ultimo anno.
Nel 2017, quasi quattro persone su dieci (38%) nell'Unione europea sono andate dal medico generalista una o due volte nei 12 mesi precedenti l'indagine Eurostat sulla frequentazione dei medici. 

Un quarto (25%) ha consultato il proprio medico generalista da 3 a 5 volte, mentre quasi un quarto (il 24%) non è andato a vedere un medico generalista. Il 14% ha riferito di aver visto il proprio medico generalista 6 volte o più.

A livello Ue, la frequenza delle consultazioni dei medici generici è stata più alta per le donne che per gli uomini. Questo è stato anche il caso delle visite a dentisti o chirurghi generali. 

L’Italia è da “toccata e fuga” con il primato in tutti e tre i casi per chi ha frequentato tra una o due volte le tre tipologie di medico, ma poi gli ultimi posti per la costanza nel ripetere le visite.

La Danimarca ha avuto la più grande percentuale di persone che hanno visto il loro medico generalista 6 volte o più (49%) nei precedenti 12 mesi, mentre la Francia ha avuto la percentuale più alta di persone (34%) dal medico 3 o 5 volte. La percentuale di persone che consultavano il proprio medico una o due volte era maggiore in Slovacchia (47%) e la percentuale di persone che non erano andate dal medico era più alta in Grecia (61%).

Per quanto riguarda l’Italia è sestultima per persone che non sono mai andate dal medico di medicina generale, ma è al primo posto per percentuale di persone che in un anno hanno visto il Mmg da una a due volte, mentre finisce a nove posti dal fondo classifica nella fascia da 3 a 5 volte, a sette posti dall’ultima da 6 a 9 volte ed è terzultima nella fascia di chi ha visto il suo medico di medicina generale oltre 10 volte in una anno. 

  

 

 
Dentista: Nell’ultimo anno il 55% degli europei lo ha consultato
 
Il 45% delle persone nell'Ue non ha consultato un dentista nei 12 mesi precedenti l'indagine, mentre il 42% è andato una o due volte da un dentista. Il 10% ha riferito di essere andato dal dentista da 3 a 5 volte e 3% 6 volte o più. 

La Slovenia ha avuto la maggior parte di persone che sono andate dal dentista 6 volte o più (6%) durante i precedenti 12 mesi, mentre la Germania ha avuto la più alta percentuale di persone (17%) dal dentista 3 o 5 volte. La percentuale di persone che non sono andate dal dentista è stata la più alta in Romania (82%). 

Gli italiani che non sono mai andati da un dentista in un anno sono il 39,3% ponendo l’Italia al sestultimo posto in classifica, mentre l’Italia è ancora al primo posto per percentuale di popolazione andata dal dentista da una a due volte in un anno (oltre il 48%, quasi la metà degli italiani). Ancora in bassa classifica (a nove posti dalla fine) per la fascia che ha frequentato un dentista da 3 a 5 volte e scende ancora a sette posti dal fondo per chi ha consultato un dentista tra 6 e nove volte ed è ancora terzultima oltre le dieci volte.  

  

 

 
Chirurghi generali: Negli ultimi 12 mesi il 55% degli europei li hanno interpellati.
Mentre il 45% delle persone nell'Ue non ha consultato un chirurgo generale nei 12 mesi precedenti l'indagine, il 34% ha fatto una o due volte. Il 14% ha riferito che sono andati a vedere un chirurgo generale da 3 a 5 volte e il 7% a 6 volte o più.

La Germania ha avuto la maggior parte di persone che hanno consultato un chirurgo generale da 3 a 5 volte (23%). La percentuale di persone che ha visto un chirurgo generale una o due volte maggiore in Italia (48%) e la percentuale di persone che non sono andate a vedere un chirurgo generale è stata la più alta in Romania (88%). 

Oltre il primato confermato nella fascia di chi ha consultato un chirurgo generale tra una e due volte, l’Italia è ancora sestultima per chi non c’è mai andato, a nove posti dal fondo tra le 3 e le 5 volte, a sette sempre dal fondo tra le 6 e le nove volte e ancora una volta terzultima per chi ha consultato in percentuale un chirurgo generale oltre 10 volte in un anno. 

  
 

 

 

26 febbraio 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy