Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

L’indagine: “Oltre il 90% degli specializzandi è favorevole al Decreto Calabria”


28 APR -

Oltre il 90% degli specializzandi è favorevole all’adozione del Decreto Calabria (71,2% molto favorevole, 19,2% moderatamente favorevole) e oltre l’80% (81,8%) si è espresso a favore di una stabilizzazione oltre il 31 dicembre 2022.

Questi i risultati della Survey Anaao Giovani presentata oggi con 1.645 risposte uniche, di cui 1.468 specializzandi, 48 neolaureati e 129 neospecialisti.

Il Decreto Calabria è stata una delle prime mosse eversive, per di più in tempi pre-COVID, che hanno cercato di sollevare il ruolo degli specializzandi da studenti a giovani dirigenti medici. In uno scenario di carenze di medici specialisti, il graduale inserimento negli ospedali del territorio, dopo regolare procedura concorsuale, è stato apparentemente ben accolto dagli specializzandi e dai colleghi senior come una ulteriore opportunità di professionalizzazione e un modo più rapido e intensivo di trasferimento di conoscenze al fine dell’autonomia definitiva al termine del percorso di specializzazione.

Con questa survey – commenta Marco Evangelista Anaao Giovani Campania curatore della Survey - abbiamo voluto sondare proprio con i giovani medici, la percezione del DL Calabria, in scadenza al 31 dicembre 2022, al fine di comprendere l’effettivo gradimento del meccanismo.

Alla domanda se il DL Calabria abbia impattato sulla qualità dell’offerta formativa nelle mura universitarie, il 34,6% degli intervistati ha ritenuto che non vi fosse alcuna variazione, e addirittura il 43,9% ha rilevato addirittura un miglioramento dell’offerta stessa.

Degli intervistati, il 14,5% ha effettivamente usufruito del DL Calabria (il 31,1% degli aventi diritto, ovvero gli iscritti dal terzo anno in poi), ritenendo l’esperienza fruttuosa nell’84.6% dei casi (61.4% estremamente positiva, 23,2% positiva).

Alla domanda conclusiva, se si ritenesse opportuna una riforma del contratto di formazione specialistica in contratto di formazione-lavoro, l’88,8% degli intervistati ne ha un’opinione positiva (66,7% estremamente positiva, 22,1% positiva).

Appare cristallino, dunque, che i tempi sono finalmente maturi per mettere sul tavolo il tema specializzandi e svolgerlo, con responsabilità e rispetto, nei più brevi tempi possibile.



28 aprile 2022
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy