Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 21 MAGGIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Ferie non godute, l’avvocato: “La sentenza della Corte di Giustizia apre una breccia per i dirigenti sanitari”

di Gloria Frezza

Intervista all’avvocato Consulcesi Francesco Del Rio sulla recente pronuncia della Corte di Giustizia europea sul caso di ferie non godute di un dipendente pubblico del comune di Copertino. Come cambiano le carte dopo la sentenza europea?

13 FEB -

Di recente la Corte di Giustizia Europea è intervenuta sulla spinosa materia dell’indennità sostitutiva per ferie annuali retribuite e non godute. LA CGUE ha condannato la normativa italiana sul tema perché in contrasto con il diritto comunitario, ritenendo nulle sia le ragioni di contenimento della spesa pubblica che le esigenze organizzative del datore di lavoro pubblico poste a fondamento della legge nazionale.

Inoltre, si è ritenuto che l’indennizzo debba essere riconosciuto persino a coloro che si dimettano volontariamente, da che si può dedurre che le cause della cessazione del rapporto (pensione di vecchiaia, dimissioni, pensione anticipata ecc.) non influiscono sul riconoscimento del diritto al lavoratore.

Sulla materia il dibattito è molto acceso e tante sono le proteste da parte dei dipendenti, specie dirigenti sanitari, del settore pubblico che non sono riusciti ad ottenere il pagamento dell’indennizzo reclamato. Abbiamo raggiunto l’avvocato Francesco Del Rio, legale del network Consulcesi, per un confronto su cosa sta succedendo.

L’avvocato Del Rio sarà presente il 28 febbraio alle ore 17 al webinar gratuito “Ferie non Godute: conosci i tuoi diritti” organizzato da Consulcesi Club.

Le disposizioni comunitarie

Sulla materia sono due le disposizioni di matrice europea:

L’articolo 7 della direttiva 2003/88/CE definisce il diritto alle ferie retribuite fondamentale e di fatto irrinunciabile, in quanto diretto al recupero delle energie psicofisiche spese dal lavoratore per la prestazione lavorativa svolta.

L’articolo 31, paragrafo 2, della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea, stabilisce che “ogni lavoratore ha diritto a una limitazione della durata massima del lavoro e a periodi di riposo giornalieri e settimanali e a ferie annuali retribuite”.

La vicenda

Lo scorso 18/01/2024, la CGUE ha pubblicato una sentenza con cui è nuovamente intervenuta riguardo alla giusta interpretazione che tutti gli stati membri (in particolare l’Italia) devono alla disciplina comunitaria sull’indennità finanziaria per le ferie annuali retribuite non godute.

Il caso su cui si è espressa riguarda un ex dipendente pubblico del Comune di Copertino che ha impugnato il rifiuto opposto dall’ente alla sua richiesta di liquidazione dell’indennità per i 79 giorni di ferie non godute, in quanto si era dimesso volontariamente.

L’indennizzo gli era stato rifiutato dal Comune che, facendo leva sull’art. 5, comma 8, del D.L. n. 95/12, riteneva la richiesta illegittima in quanto il lavoratore era consapevole dell’obbligo di fruire delle ferie già prima della fine del rapporto, concluso per scelta volontaria di quest’ultimo. Il magistrato italiano, dovendo decidere sulla questione, rilevava che già la Corte Costituzionale, con sentenza n. 95/2016, aveva confermato la legittimità dell’art. 5, comma 8, del D.L. n. 95/12, applicabile ai dipendenti pubblici, non ritenendo tale disposizione contraria né al diritto dell’Unione né a quello internazionale.

Nella stessa pronuncia venivano sottolineate anche le esigenze di contenimento della spesa pubblica e i vincoli organizzativi del datore di lavoro pubblico, rimarcando come il divieto mirasse a reprimere l’incontrollato ricorso alla monetizzazione, privilegiando l’effettiva fruizione dei periodi di riposo. Il Giudice italiano sospendeva quindi il giudizio, rimettendo alla Corte di Giustizia Europea l’interpretazione da dare.

Le conclusioni della Corte di Giustizia europea

Qual è stata la conclusione? “La CGUE – spiega Del Rio - ha concluso dichiarando che l’articolo 7 della direttiva 2003/88 e l’articolo 31, paragrafo 2, della Carta devono essere interpretati nel senso che si oppongono a una normativa nazionale che, per ragioni attinenti al contenimento della spesa pubblica e alle esigenze organizzative del datore di lavoro pubblico, prevede il divieto di versare al lavoratore un’indennità finanziaria per i giorni di ferie annuali retribuiti e non goduti alla data della cessazione del rapporto di lavoro, qualora egli ponga fine volontariamente a tale rapporto di lavoro e non abbia dimostrato di non aver goduto delle ferie nel corso di detto rapporto di lavoro per ragioni indipendenti dalla sua volontà”.

Si è quindi aperta una breccia, prosegue Del Rio, “ormai definitiva, che porta ad un rafforzamento delle garanzie del dirigente medico e dell’operatore sanitario pubblici che, dovendo spesso sacrificare il loro diritto al riposo per far fronte a cronici deficit organizzativi aziendali, possono perlomeno confidare nella residuale opportunità di ottenere, al momento della cessazione del rapporto lavorativo (senza distinzione di causa), il pagamento dell’indennità sostitutiva limitandosi ad allegare che il rapporto è cessato e che non hanno allora potuto godere dei giorni di ferie maturati”.

La prescrizione decennale, inoltre, consente “un’ampia finestra anche a coloro che, interrotto da tempo il loro rapporto di lavoro (a ritroso fino a coloro che hanno cessato il loro rapporto dal 2014 ad oggi), rammentano di aver lasciato sul campo numerosi giorni di ferie non fruite che, anche grazie alla Corte di Giustizia Europea, potranno trovare giusto e congruo ristoro economico”, conclude l’avvocato del network Consulcesi.

Gloria Frezza



13 febbraio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy