Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 FEBBRAIO 2023
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

I DSA tra normativa e clinica

di Lauro Mengheri

26 SET -

Gentile Direttore,
l’8/10/2010 nasce la Legge 170 “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico” che riconosce e definisce la dislessia, disgrafia, disortografia e la discalculia (i DSA appunto).

I DSA, rientrano nei Disturbi del Neurosviluppo e si presentano piuttosto frequentemente in concomitanza con uno o più disturbi del neurosviluppo come ad esempio il Disturbo del linguaggio o il Disturbo da deficit di attenzione con o senza iperattività (ADHD).

L’intelligenza di questi studenti è almeno in norma infatti, se messi in condizione di lavorare (fare i compiti e le verifiche) nei modi previsti dalle Linee Guida, possono proseguire gli studi laureandosi senza grandi problemi seppur faticando di più rispetto ai coetanei senza DSA e/o ADHD.  

Negli ultimi 15 anni la Scuola è stata “investita” da una “bordata” normativa. Molte sono le normative in materia di DSA e più in generale sui Disturbi del neurosviluppo ma, nello specifico, 3 valgono la pena di essere citate: la Legge 170/2010, il suo decreto attuativo 5669 del 2011 e la Direttiva Ministeriale sui Bisogni Educativi Speciali (BES) del 2012. Quest’ultime premono molto sul Piano Didattico Personalizzato, cioè una personalizzazione tanto della didattica quanto della valutazione.

A 12 anni dall’uscita della 170 si sente sempre parlare di “moda dei DSA” o “boom di DSA”, si sentono frasi “se si impegna di più può farcela”, “è troppo agitato, deve stare più fermo”. Colgo l’occasione per dire che gli studenti con diagnosi di ADHD e/o DSA spesso si impegnano tantissimo, frequentano doposcuola, fanno riabilitazione clinica. Senza nulla togliere all’impegnativo e poco remunerato lavoro dei docenti, questi studenti non vogliono agevolazioni o pietosismi, ma desiderano con tutto il cuore il successo scolastico e il rispetto dei loro diritti.

Questa gran quantità di norme potrebbe creare vincoli e poca libertà di scelta al mondo Istruzione; tuttavia, lo scopo di queste norme è mettere allo stesso tavolo la Scuola, la Famiglia e il mondo dei Clinici (Psicologi, Logopedisti e NPI).

Le stime ci dicono che gli studenti con DSA in Italia sono circa 350.000 e gli ultimi dati statistici disponibili dell’anno scolastico 2018/2019 del MI riferiscono che le certificazioni depositate di DSA sono 298.114. Mancano ancora circa 50.000 certificazioni all’appello che arriveranno piuttosto velocemente.

Il cambiamento culturale è cominciato, ci sono volute Leggi, Direttive, Circolari, Note e Conferenze Stato-Regioni.

L’auspicio è che in un prossimo futuro i diritti degli studenti vengano rispettati senza bisogno di normativa.

Lauro Mengheri

Psicologo clinico e psicoterapeuta
Responsabile Studio Verbavoglio di Livorno



26 settembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy