Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 21 GIUGNO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Riabilitazione, garantire le nessarie sinergie con il fisiatria

di Donatella Bonaiuti

22 DIC -

Gentile Direttore,
l’intervento di Saverio Proia su QS del 12 dicembre scorso è stato importante come richiamo di alcuni punti essenziali per la salute pubblica che non sempre sono presenti nella mente dei nostri legislatori. Il rapporto OMS Europa citato, poiché la metà degli abitanti del nostro Paese avrebbe bisogno di interventi riabilitativi, sottolinea la necessità che la riabilitazione sia disponibile nelle strutture sanitarie primarie, laddove viene gestita la maggior parte dei casi di malattia cronica.

E’ giusto e importante che tutto ciò venga richiamato dal neo Ordine dei Fisioterapisti, a cui noi fisiatri diamo il benvenuto, e che apprezziamo come iniziativa, in quanto i fisioterapisti sono nostri importanti collaboratori nella quotidianità.

Nell’intervento di Proia viene giustamente sottolineato come sia ancora troppo poco diffusa la conoscenza dei benefici della riabilitazione per il guadagno di anni di vita in salute, ma soprattutto, io aggiungo, in funzionalità e in attività e partecipazione alla vita sociale.

Fa bene Proia a stupirsi che non venga sufficientemente considerata la carenza attuale, oltre che di figure mediche, sia Medici di Medicina Generale che specialisti, anche di fisioterapisti, logopedisti, di terapisti occupazionali ecc. in relazione alle nuove esigenze della popolazione italiana, legate cioè all’invecchiamento e alle attuali e migliori possibilità di sopravvivenza alle malattie e ai traumi.

Ovviamente sono tutte professioni importanti e carenti, estremamente necessarie per la riabilitazione.

Siamo tutti d’accordo che sia necessario che la riabilitazione diventi parte integrante e centrale nei LEA e che rappresenti un investimento, e non una spesa per il nostro Paese, diventandone un servizio sanitario essenziale disponibile a tutti, indipendentemente dall’area geografica e dal reddito, cioè accessibile in uguale misura in tutto il Paese, soprattutto nel territorio, come ci si augura sia nella mente dei programmatori sanitari e dei legislatori, soprattutto in questi momenti di progettazione del PNRR.

Occorre allearci in questo progetto.

Ma non si trascuri una fondamentale visione d’insieme di questi interventi per la salute nella cronicità: in riabilitazione si lavora in team, per non cadere nell’inappropriatezza, nello spezzettamento e nella discontinuità degli interventi, con il rischio di costi maggiori e, più importante, della perdita di efficacia e di efficienza degli interventi, sia pure individualmente ben condotti.

Occorrono buoni professionisti, preparati e formati, ognuno per le proprie competenze, a costituire il team riabilitativo, che rappresenta la modalità di approccio qualificante e propria della riabilitazione, lavoro assai complesso che viene coordinato dal fisiatra, lo specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa che è l’unica disciplina medica focalizzata nel superamento dei disturbi di funzionamento, nella disabilità.

Il team e il fisiatra devono garantire ai cittadini, con la necessaria informazione e trasparenza, la validità scientifica e clinica dell’offerta riabilitativa evitando la frammentazione del percorso riabilitativo e l’autoreferenzialità.

Il compito del fisiatra, come responsabile e garante dell’appropriatezza delle prestazioni in ogni fase del percorso riabilitativo delle persone con disabilità, deve sempre svolgersi in stretto collegamento col Medico di Medicina Generale, per costituire la rete territoriale, che è quella più vicina alle persone affette da malattie croniche e con disabilità di qualsiasi gravità, in naturale e stretta continuità col contesto di vita del paziente.

E ‘importante il lavoro sinergico di tutti i professionisti della riabilitazione e del fisiatra con tutti i professionisti della riabilitazione e con i Medici di Medicina Generale, per svolgere nel migliore dei modi, efficacemente ed efficientemente, l’importante compito della riabilitazione.

Donatella Bonaiuti

Fisiatra, Associazione Nazionale Fisiatri, ANF



22 dicembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy