Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 01 OTTOBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Epatiti sconosciute tra i bambini. I casi in UK salgono a 108 e 8 già sottoposti a trapianto. Adenovirus il maggiore indiziato ma non si escludono il Covid o altre cause


Mentre è del tutto esclusa l’ipotesi di un nesso con la vaccinazione anti Covid considerando che nessuno dei bambini coinvolti è stato vaccinato. Il 77% dei casi è risultato positivo all’adenovirus ma si stanno comunque studiando altri possibili fattori, come un'altra infezione (incluso COVID-19) o una causa ambientale.

21 APR - La UK Health Security Agency (UKHSA) insieme a Public Health Scotland, Public Health Wales e Public Health Agency stanno continuando a indagare sull'aumento dei casi di epatite a insorgenza improvvisa (infiammazione del fegato) nei bambini di età pari o inferiore a 10 anni da gennaio 2022, per le quali non stati rilevati i virus oggi conosciuti che causano l'epatite infettiva (epatiti da A a E). 

L’ultimo aggiornamento dei casi odierno segnala ulteriori 34 portando il numero totale di casi a 108. Tutti i bambini colpiti si sono presentati ai servizi sanitari tra gennaio 2022 e il 12 aprile 2022.

Dei casi confermati, 79 sono in Inghilterra, 14 in Scozia e il resto in Galles e Irlanda del Nord.

Di questi casi, 8 bambini hanno ricevuto un trapianto di fegato.

Le autorità britanniche hanno innanzitutto sottolineato che non vi è alcun legame con il vaccino contro il coronavirus (COVID-19) come evidente dal fatto che nessuno dei casi attualmente confermati nel Regno Unito è noto per essere stato vaccinato.

L'indagine, comprese le informazioni dai campioni dei pazienti e dai sistemi di sorveglianza, continua invece a indicare un collegamento con l'infezione da adenovirus tant’è che il 77% dei casi testati è risultato positivo all'adenovirus. 

Tuttavia, sottolineano le autorità sanitarie, poiché non è normale vedere questo modello di malattia da adenovirus, si stanno comunque studiando altri possibili fattori, come un'altra infezione (incluso COVID-19) o una causa ambientale.

Allo studio anche un possibile cambiamento nel genoma dell'adenovirus.

Le normali misure igieniche come il lavaggio accurato delle mani e una buona igiene respiratoria completa, ricordano le autorità britanniche, aiutano in ogni caso a ridurre la diffusione di molte infezioni comuni, incluso l'adenovirus.

21 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy