Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Epatite sconosciuta tra i bambini. Il punto dell’Oms: “169 casi in 11 paesi, in bambini tra 1 mese e 16 anni di vita. Un morto e 17 trapianti”


L’Oms ha effettuato una prima analisi dettagliata della nuova e tuttora misteriosa serie di episodi di epatiti tra i bambini di cui non si conosce la causa non essendo presente nessuno dei virus attualmente conosciuti (virus dell'epatite A, B, C, D ed E). Il paese più colpito è l’UK con 114 casi. In Italia 4 casi. L'adenovirus è stato rilevato in almeno 74 e SARS-CoV-2 è stato identificato in 20 casi di quelli testati. Inoltre, 19 sono stati rilevati con una coinfezione da SARS-CoV-2 e adenovirus. Ma gli esperti non si sbilanciano

25 APR -

Da quando il 15 aprile 2022 è stato pubblicato l'OMS Disease Outbreak News on Acute epatite of unknown eziology - Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord , sono continuate le segnalazioni di casi di epatite acuta di origine sconosciuta tra i bambini. 

Non è ancora chiaro se si sia verificato un aumento dei casi di epatite o un aumento della consapevolezza dei casi di epatite che si verificano al tasso previsto ma che non vengono normalmente rilevati. Mentre l'adenovirus è un'ipotesi possibile, le indagini sono in corso per l'agente eziologico.

Panoramica dell'epidemia
Al 21 aprile 2022, sono stati segnalati almeno 169 casi di epatite acuta di origine sconosciuta da 11 paesi nella regione europea dell'OMS e un paese nella regione delle Americhe dell'OMS (Figura 1). Sono stati segnalati casi nel Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (Regno Unito) (114), Spagna (13), Israele (12), Stati Uniti d'America (9), Danimarca (6), Irlanda (< 5), Paesi Bassi (4), Italia (4), Norvegia (2), Francia (2), Romania (1) e Belgio (1).

Figura 1. Distribuzione dei casi di epatite acuta grave di origine sconosciuta per paese, al 23 aprile 2022

I casi hanno un'età compresa tra 1 mese e 16 anni. Diciassette bambini (circa il 10%) hanno richiesto un trapianto di fegato; è stato segnalato almeno un decesso.

La sindrome clinica tra i casi identificati è l'epatite acuta (infiammazione del fegato) con enzimi epatici notevolmente elevati. Molti casi hanno riportato sintomi gastrointestinali inclusi dolore addominale, diarrea e vomito che hanno preceduto la presentazione con epatite acuta grave e livelli aumentati di enzimi epatici (aspartato transaminasi (AST) o alanina aminotransaminasi (ALT) maggiore di 500 UI/L) e ittero. 

La maggior parte dei casi non aveva la febbre. I virus comuni che causano l'epatite virale acuta (virus dell'epatite A, B, C, D ed E) non sono stati rilevati in nessuno di questi casi. I viaggi internazionali o i collegamenti ad altri paesi sulla base delle informazioni attualmente disponibili non sono stati identificati come fattori.

L'adenovirus è stato rilevato in almeno 74 casi e del numero di casi con informazioni sui test molecolari, 18 sono stati identificati come tipo F 41. SARS-CoV-2 è stato identificato in 20 casi di quelli testati. Inoltre, 19 sono stati rilevati con una coinfezione da SARS-CoV-2 e adenovirus.

Il Regno Unito, dove è stata segnalata la maggior parte dei casi fino ad oggi, ha recentemente osservato un aumento significativo delle infezioni da adenovirus nella comunità (in particolare rilevate nei campioni fecali nei bambini) a seguito di bassi livelli di circolazione all'inizio della pandemia di COVID-19. I Paesi Bassi hanno anche riferito di una concomitante crescente circolazione di adenovirus nella comunità.

Tuttavia, a causa del miglioramento dei test di laboratorio per l'adenovirus, questo potrebbe rappresentare l'identificazione di un raro esito esistente che si verifica a livelli non rilevati in precedenza che ora viene riconosciuto a causa dell'aumento dei test.

Risposta della salute pubblica
Sono in corso ulteriori indagini nei paesi che hanno identificato casi e includono storie cliniche ed esposizioni più dettagliate, test tossicologici (ad esempio test di tossicità ambientale e alimentare) e test virologici/microbiologici aggiuntivi. I paesi colpiti hanno anche avviato attività di sorveglianza rafforzata.

L'OMS e l'ECDC stanno supportando i paesi con le indagini in corso e raccogliendo informazioni dai paesi che segnalano casi. Tutte le informazioni disponibili sono ulteriormente diffuse dai paesi attraverso le loro reti per l'epatite e organizzazioni cliniche come l'Associazione europea per lo studio del fegato, la Società europea di microbiologia clinica e malattie infettive (ESCMID) e la Società europea di gastroenterologia, epatologia e nutrizione pediatrica (ESPGHAN).

Per i casi in Europa, la raccolta di dati congiunta OMS/ECDC sarà stabilita utilizzando il sistema europeo di sorveglianza (TESSy) .

La guida derivata dall'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito è stata rilasciata ai paesi colpiti per supportare un'indagine approfondita sui casi sospetti.

Valutazione del rischio dell'OMS e i dubbi sull’adenovirus
Il Regno Unito ha segnalato per la prima volta un aumento significativo inaspettato dei casi di epatite acuta grave di origine sconosciuta nei bambini giovani, generalmente precedentemente sani. Un aumento inaspettato di tali casi è stato ora segnalato da molti altri paesi, in particolare Irlanda e Paesi Bassi.

Sebbene l'adenovirus sia attualmente un'ipotesi come causa sottostante, non spiega completamente la gravità del quadro clinico. L'infezione da adenovirus di tipo 41, il tipo di adenovirus implicato, non è stata precedentemente collegata a tale presentazione clinica. 

Gli adenovirus sono agenti patogeni comuni che di solito causano infezioni autolimitanti. Si diffondono da persona a persona e più comunemente causano malattie respiratorie, ma a seconda del tipo, possono anche causare altre malattie come gastroenterite (infiammazione dello stomaco o dell'intestino), congiuntivite (occhio rosa) e cistite (infezione della vescica).

Esistono più di 50 tipi di adenovirus immunologicamente distinti che possono causare infezioni nell'uomo. L'adenovirus di tipo 41 si presenta tipicamente come diarrea, vomito e febbre, spesso accompagnati da sintomi respiratori.

Fattori come l'aumento della suscettibilità tra i bambini piccoli a seguito di un livello più basso di circolazione di adenovirus durante la pandemia di COVID-19, la potenziale comparsa di un nuovo adenovirus e la coinfezione da SARS-CoV-2 devono essere ulteriormente studiati. Le ipotesi relative agli effetti collaterali dei vaccini COVID-19 non sono attualmente supportate poiché la stragrande maggioranza dei bambini affetti non ha ricevuto la vaccinazione COVID-19. Altre spiegazioni infettive e non infettive devono essere escluse per valutare e gestire pienamente il rischio.

Con le continue nuove notifiche di casi di recente insorgenza, almeno nel Regno Unito, insieme a una ricerca più ampia dei casi, è molto probabile che vengano rilevati più casi prima che la causa possa essere confermata e possano essere implementate misure di controllo e prevenzione più specifiche.

L'OMS sta monitorando da vicino la situazione e collaborando con le autorità sanitarie del Regno Unito, altri Stati membri e partner.

La raccomandazione dell'OMS
Sono necessari ulteriori lavori per identificare ulteriori casi, sia nei paesi attualmente colpiti che altrove. La priorità è determinare la causa di questi casi per affinare ulteriormente le azioni di controllo e prevenzione. Le misure di prevenzione comuni per l'adenovirus e altre infezioni comuni comprendono il lavaggio regolare delle mani e l'igiene respiratoria.

Gli Stati membri sono fortemente incoraggiati a identificare, indagare e segnalare potenziali casi che corrispondono alla definizione del caso. Le informazioni epidemiologiche e sui fattori di rischio dovrebbero essere raccolte e presentate dagli Stati membri all'OMS e alle agenzie partner attraverso meccanismi di segnalazione concordati. 

Eventuali collegamenti epidemiologici tra o tra i casi potrebbero fornire indizi per rintracciare la fonte della malattia. Le informazioni temporali e geografiche sui casi, nonché i loro contatti stretti dovrebbero essere riesaminate per potenziali fattori di rischio.

L'OMS raccomanda di eseguire test su sangue (con esperienza aneddotica iniziale che il sangue intero è più sensibile del siero), siero, urina, feci e campioni respiratori, nonché campioni di biopsia epatica (se disponibili), con un'ulteriore caratterizzazione del virus che includa sequenziamento. Altre cause infettive e non infettive devono essere studiate a fondo.

L'OMS non raccomanda alcuna restrizione ai viaggi e/o al commercio con il Regno Unito o qualsiasi altro paese in cui vengono identificati casi, sulla base delle informazioni attualmente disponibili.

Definizione del caso di lavoro dell'OMS:

Se si attendono risultati sierologici per l'epatite AE, ma sono soddisfatti altri criteri, questi possono essere segnalati e saranno classificati come "classificazione in sospeso". I casi con altre spiegazioni per la loro presentazione clinica vengono scartati.

Ulteriori informazioni

 



25 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Grafico

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy