Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 07 DICEMBRE 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

“Long Life for All”. Al via la settimana europea e mondiale della vaccinazione


“Anche le centinaia di migliaia di vite salvate dalla vaccinazione contro il COVID-19 nella regione europea dell'OMS sono un ottimo motivo di festa”, sottolinea l’Oms che ricorda però come, allo stesso tempo, siano in atto altre “sfide per mantenere questi risultati, che richiedono vigilanza e un nuovo percorso da seguire”.

26 APR -

Il 24 aprile è iniziata la Settimana europea dell'immunizzazione (EIW) nell’ambito dell’analoga settimana mondiale promossa dall’Oms.

Il tema del 2022 è “Long Life for All” e, spiega l’Oms, mira a rafforzare l'importanza di un accesso equo e ampliato ai vaccini, per contribuire a una vita lunga e sana per tutti.

“Un momento opportuno – sottolinea l’Oms - per celebrare i risultati storici nella protezione delle vite e dei mezzi di sussistenza resi possibili dai vaccini e per riconoscere il loro ulteriore potenziale per proteggere la salute pubblica”.

“Anche le centinaia di migliaia di vite salvate dalla vaccinazione contro il COVID-19 nella regione europea dell'OMS sono un ottimo motivo di festa”, sottolinea l’Oms che ricorda però come, allo stesso tempo, siano in atto altre “sfide per mantenere questi risultati, che richiedono vigilanza e un nuovo percorso da seguire”.

Progressi nella regione europea in tema di vaccinazione
Grazie all'elevata copertura con il vaccino contenente difterite-tetano-pertosse (DTP), la regione non ha registrato grandi focolai di difterite dagli anni '90.

La Regione è stata dichiarata indenne da poliomielite endemica (polio) nel 2002. Negli anni successivi sono state rilevate diverse importazioni di poliovirus nella Regione, ma ogni volta i focolai sono stati fermati e la Regione ha mantenuto il suo stato.

I rilevamenti di poliovirus di derivazione vaccinale (cVDPV) di tipo 2 in circolazione in Tagikistan nel 2020 e in Ucraina nel 2021 e di cVDPV di tipo 3 in Israele nel 2022 hanno innescato risposte a focolai di polio su larga scala. L'OMS sta lavorando a stretto contatto con le autorità sanitarie per garantire che il vaccino raggiunga tutti coloro che sono ancora vulnerabili. La risposta all'epidemia in Ucraina è stata interrotta dalla guerra nel paese ed è ripresa per quanto possibile nel mezzo del conflitto in corso.

I 53 Stati membri della Regione Europea hanno deciso all'unanimità di eliminare il morbillo e la rosolia come malattie endemiche. Secondo le conclusioni della Commissione regionale di verifica per l'eliminazione del morbillo e della rosolia, che si basano sui rapporti nazionali presentati per il 2019, finora 29 Stati membri hanno eliminato il morbillo endemico e 45 hanno eliminato la rosolia endemica. Un totale di 29 hanno dimostrato l'eliminazione di entrambe le malattie.

I progressi nell'eliminazione del cancro cervicale sono particolarmente incoraggianti, con 38 dei 53 paesi della regione che ora forniscono vaccinazioni di routine contro il papillomavirus umano (HPV). Gli ultimi dati provenienti da Inghilterra, Regno Unito, uno dei primi paesi a introdurre il vaccino contro l'HPV, mostrano che il programma di immunizzazione contro l'HPV in Inghilterra ha quasi eliminato il cancro cervicale nelle donne nate lì dal 1 settembre 1995.

Aumento delle disparità

Pur celebrando i progressi compiuti, è anche necessario affrontare le potenziali minacce a questi risultati. Questi includono le nuove sfide poste dalla pandemia di COVID-19 e dalla guerra in Ucraina.

Mentre alcuni paesi della regione hanno subito interruzioni a livello nazionale nei servizi di immunizzazione di routine all'inizio della pandemia nel 2020, la maggior parte è stata in grado di recuperare il tempo perso una volta che i servizi sono ripresi e alla fine hanno raggiunto un livello elevato di copertura. Per la Regione nel suo insieme, la copertura con la terza dose del vaccino DTP (DTP3) è diminuita solo dell'1% nel 2020.

Ma questo numero nasconde una realtà molto più complessa a livello nazionale e subnazionale. Le disparità esistenti nell'adozione del vaccino, e quindi nelle opportunità di buona salute e benessere, sono aumentate durante la pandemia. Undici paesi hanno riportato un calo di oltre il 5% nella copertura nazionale sia con DTP3 che con la prima dose di vaccino contenente il morbillo (MCV1), e circa un quinto dei paesi della regione ha registrato un sostanziale aumento della disparità tra il più alto e il più basso -aree di copertura.

La guerra in Ucraina ha costretto milioni di persone a fuggire all'interno del paese o oltre. Quasi la metà dei 5 milioni che sono fuggiti dal Paese sono bambini. Ognuno di loro alla fine avrà bisogno di accedere alla prossima vaccinazione programmata e molti di loro hanno saltato le vaccinazioni in passato che devono urgentemente recuperare per assicurarsi di essere protetti da malattie come il morbillo e la poliomielite.

Il futuro
Nei mesi e negli anni a venire, i programmi di immunizzazione nella Regione europea dell’Oms dovranno mantenere un'elevata copertura vaccinale a tutti i livelli amministrativi. Ciò significa garantire un'elevata diffusione dei servizi di immunizzazione regolari, facilitare l'immunizzazione di recupero per i bambini e gli adulti che hanno perso dosi in un passato recente o lontano e integrare in questi servizi tutti i nuovi arrivati, inclusi migranti e rifugiati.

L'Agenda Europea di Immunizzazione 2030 (VIA2030) è stata adottata a settembre 2021 da tutti gli Stati Membri della Regione. Aiuterà a guidare i programmi nazionali di immunizzazione per offrire i benefici dei vaccini alle popolazioni nel corso della vita e per superare le sfide locali identificate fornendo un approccio rivitalizzato incentrato su soluzioni locali su misura e basato sul principio di non lasciare indietro nessuno.

“I progressi che abbiamo fatto come Regione nella protezione di bambini e adulti da malattie potenzialmente letali meritano di essere celebrati, ma non dobbiamo darlo per scontato. Mantenere questo progresso è responsabilità di tutti e richiederà uno sforzo collettivo durante questo decennio”, il messaggio finale dell’Oms per la settimana delle vaccinazioni.

 



26 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy