Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 GIUGNO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale delle epatiti. I cinque messaggi chiave dell’Oms


Si celebrerà il prossimo 28 luglio la giornata mondiale per sensibilizzare su una patologia che causa nel mondo 1,1 mln di morti e 3 mln di nuove infezioni ogni anno. Ogni giorno si verificano oltre 8.000 nuove infezioni da epatite B e C, più di 5 infezioni al minuto. Se non si inverte la rotta attuale, entro il 2040 l’epatite virale ucciderà più persone di malaria, tubercolosi e HIV/AIDS messi insieme

26 LUG -

Cinque messaggi chiave per celebrare la Giornata mondiale delle epatiti del prossimo 28 luglio. Una patologia, tra epatite B e C , che causa 1,1 milioni di morti e 3 milioni di nuove infezioni ogni anno.

A lanciarli è l’Organizzazione mondiale della sanità per sensibilizzare la popolazione sull’importanza di preservare la salute del proprio fegato e sollecitare i servizi di assistenza primaria nel garantire diagnosi e cure, a partire dalle donne incinte che convivono con l’epatite B cronica per garantire ai loro bambini accesso alla nascita ai vaccini dell’epatite B per prevenire l’infezione. Il traguardo da raggiungere è quello di realizzare un mondo libero dall’epatite,

“Una vita, un fegato. Hai solo una vita e hai solo un fegato. L’epatite può devastare entrambi” ricorda l’Oms che spiega:
“Il tuo fegato svolge silenziosamente oltre 500 funzioni vitali ogni singolo giorno per mantenerti in vita. Ma anche l’infezione da epatite virale è silente, con i sintomi che compaiono solo quando la malattia è avanzata. Sebbene esistano molti tipi diversi di virus dell’epatite (da A a E), l’epatite B e C sono i più preoccupanti e causano quasi 8000 nuove infezioni ogni giorno, che per lo più non vengono rilevate. Il risultato? Oltre un milione di decessi correlati all’epatite ogni anno e una nuova infezione cronica ogni dieci secondi. Ed è per questo che la salute del fegato è fondamentale per la salute umana. Così tante morti per epatite potrebbero essere evitate. Poiché esistono vaccini e trattamenti efficaci per l’epatite B e persino una cura per l’epatite C, puoi proteggere te stesso e i tuoi cari. Parla con il tuo medico locale per scoprire come proteggerti dall’epatite”.

Vediamo quali sono i cinque messaggi chiave:


Abbiamo solo una vita e abbiamo solo un fegato. L’epatite può devastare entrambi
Un fegato svolge silenziosamente oltre 500 funzioni vitali ogni singolo giorno per mantenerci in vita. Ecco perché dare la priorità alla salute del fegato e conoscere il nostro stato sull’epatite è così importante. Oltre a conoscere il nostro stato di epatite e cercare cure, sono fondamentali per un fegato, ridurre il consumo di alcol, raggiungere un peso sano, curare l’ipertensione e gestire il diabete.

I benefici di un fegato sano includono: vivere più a lungo; proteggere i propri cari dall’epatite; proteggere altri organi vitali, inclusi cuore, cervello e reni, che dipendono dal fegato per funzionare.

L’epatite virale uccide ancora oltre un milione di persone ogni anno.
Insieme, l’epatite B e l’epatite C causano 1,1 milioni di morti e 3 milioni di nuove infezioni ogni anno. 350 milioni di persone convivono con un’infezione da epatite virale cronica. 3.000 persone muoiono di epatite ogni giorno, un morto per epatite ogni trenta secondi.
Ogni giorno si verificano oltre 8.000 nuove infezioni da epatite B e C. Sono più di 5 infezioni al minuto.
Se la traiettoria attuale continua, l’epatite virale ucciderà più persone ogni anno di malaria, tubercolosi e HIV/AIDS messi insieme entro il 2040.

A livello globale, c’è un numero enorme di persone non diagnosticate e non trattate che convivono con l’epatite. Questo deve cambiare.
L’infezione da epatite è silenziosa e la consapevolezza della salute del fegato è bassa. La maggior parte dei sintomi compare solo una volta che la malattia è avanzata, determinando un enorme volume di persone non diagnosticate che vivono con l’epatite. Anche quando viene diagnosticata l’epatite, il numero di persone che continuano a ricevere cure è incredibilmente basso.
La maggior parte delle persone scopre di avere l’epatite B o C dopo molti anni di infezione silenziosa e solo quando sviluppa una grave malattia del fegato o un cancro.

Anche dopo la diagnosi, il livello di trattamento e assistenza per le persone che vivono con l’epatite è sorprendentemente basso. Viene diagnosticato solo il 10% delle persone con epatite B cronica. Solo il 22% di questi riceve cure, ovvero solo il 2% del carico sanitario globale totale.
Solo il 21% delle persone con epatite C viene diagnosticato. Il 62% delle persone diagnosticate riceve cure per curarle, solo il 13% del carico sanitario globale totale.

Così tante infezioni da epatite e decessi possono essere prevenute.
Offrire servizi di facile ”navigazione” presso le strutture sanitarie locali è la chiave per porre fine con successo all’epatite.
Per eliminare l’epatite e raggiungere gli ambiziosi obiettivi dell’Oms entro il 2030, i servizi di assistenza primaria semplificati per l’epatite virale dovrebbero garantire che:
tutte le donne incinte che convivono con l’epatite B cronica abbiano accesso alle cure e i loro bambini abbiano accesso alla nascita ai vaccini dell’epatite B per prevenire l’infezione;
il 90% delle persone che convivono con l’epatite B e/o l’epatite C venga diagnosticato;
l’80% delle persone diagnosticate venga curato o trattato secondo criteri più recenti di ammissibilità.

L’epatite C possa essere prevenuta controllando adeguatamente tutto il sangue donato, garantendo pratiche di iniezione sicure nelle strutture sanitarie, a casa e soprattutto tra le persone che si iniettano droghe.
Dopo anni di numero crescente di cure, i dati attuali mostrano che il numero di persone che accedono alla cura dell’epatite C sta rallentando.

Un corso di 12 settimane di farmaci per curare l’epatite C ora costa 60 dollari, in calo rispetto ai costi originali di oltre 90.000 dollari quando è stato introdotto per la prima volta. L’epatite B può essere prevenuta attraverso la vaccinazione e gestita efficacemente attraverso il trattamento. Il trattamento per l’epatite B ora costa meno di 30 USD all’anno (2,4 USD al mese).

Queste riduzioni di prezzo dovrebbero aumentare i tassi di trattamento

Il Covid-19 non più un’emergenza sanitaria globale, ora è il momento di eliminare l’epatite virale e raggiungere i nostri obiettivi per il 2030.
Il Covid 19 ha rallentato il progresso della risposta globale all’epatite negli ultimi anni. Tuttavia, il continuo successo nella riduzione delle infezioni da epatite B nei bambini dimostra che il progresso è possibile. Ora è il momento di dare la priorità ai test e alle cure per realizzare un mondo libero dall’epatite e raggiungere i nostri obiettivi per il 2030.

La riduzione delle infezioni da epatite B nei bambini mediante un’efficace pratica di vaccinazione è uno dei pochi obiettivi sanitari degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) che è sulla buona strada. È anche l’unico bersaglio dell’epatite in pista.

Tuttavia, ci sono ancora troppo pochi paesi in Africa che hanno accesso al “vaccino a dose tempestiva alla nascita” contro l’epatite B, che viene somministrato nelle prime 24 ore dopo la nascita. Gli sforzi per ridimensionarlo si sono bloccati a causa di Covid-19.

È urgentemente necessario somministrare più vaccini contro l’epatite B alla nascita per raggiungere l’obiettivo SDG di prevenire la trasmissione da madre a figlio.



26 luglio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy