Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 04 MARZO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Vaccini Covid. Efficacia richiami contro ospedalizzazioni e decessi scende di molto dopo 3 mesi. Ecdc: “Fornire booster periodicamente per mantenere alta la protezione per over 80”

di Giovanni Rodriquez

Complessivamente, i risultati dello studio condotto dall'Ecdc su sei paesi europei (Belgio, Danimarca, Lussemburgo, Navarra (Spagna), Norvegia, e Portogallo) hanno indicato che le dosi di richiamo hanno ripristinato la protezione poco dopo la somministrazione, ma questa è diminuita rapidamente nel periodo fino a 24 settimane dopo la vaccinazione. "Questi risultati supportano chiaramente la politica di fornire booster aggiuntivi periodicamente per mantenere la protezione, soprattutto per le persone di età ≥80 anni". LO STUDIO

30 NOV -

L'intervallo di tempo trascorso dall'ultima dose di vaccino ricevuto è più importante del numero totale di dosi somministrate nel livello di protezione contro il rischio di ospedalizzazione e decesso a causa del Covid. Questa in sintesi la conclusione di uno studio condotto dall'Ecdc per valutare l'efficacia delle terze, quarte e quinte dosi di richiamo dei vaccini contro il Covid.

Lo studio, come dicevamo, presenta dunque le stime di efficacia del vaccino Covid a seguito della somministrazione della terza, quarta e quinta dose (prima, seconda e terza dose booster), contro i ricoveri ospedalieri e il rischio di morte nella popolazione over 50 di sei paesi europei: Belgio, Danimarca, Lussemburgo, Navarra (Spagna), Norvegia, e Portogallo.

Tra aprile 2022 e marzo 2023, il numero di individui inclusi nell'analisi in ciascun periodo di studio variava tra 500 mila e 1,3 milioni di persone che avevano concluso solo la vaccinazione primaria da almeno 24 settimane, ma che non avevano ricevuto la terza dose; tra 3,1 milioni e 13,2 milioni di individui vaccinati con la terza dose; tra 0 e 6,8 milioni di persone vaccinati con anche la quarta dose; e tra 0 e 700 mila persone vaccinate con una quinta dose.

Durante il periodo preso in esame dallo studio sono stati registrati circa 31.900 ricoveri ospedalieri dovuti e 13.100 decessi correlati a Covid nei diversi paesi oggetto di indagine.

Rispetto alla vaccinazione primaria completa, l’efficacia della terza dose contro l'ospedalizzazione dovuta a Covid è stata per lo più ≤50% tra aprile 2022 e marzo 2023 in tutti i gruppi di età (con alcune stime puntuali >50%). L’effetto è diminuito 12 settimane dopo la somministrazione e si è ridotto ulteriormente dopo 24 settimane. Nella stima più recente, tra febbraio e marzo 2023, la terza dose (per lo più somministrata a più di 24 settimane) ha mostrato una protezione aggiuntiva minima o nulla: le stime di efficacia variavano tra -13 e -17%, tra i diversi gruppi di età. Le stime di efficacia contro la mortalità legata al Covid erano simili, anche se queste presentavano un'elevata incertezza a causa del basso numero di eventi, in particolare nei gruppi <65 anni.

Rispetto alla vaccinazione primaria completa, la somministrazione di una quarta dose ha ripristinato la protezione al 76-79% contro l'ospedalizzazione dovuta a Covid e al 76-85% contro il rischio di morte. Anche l'efficacia della quarta dose è diminuita con il passare del tempo, scendendo a ≤50% dopo 24 settimane. Nella stima più recente, tra febbraio e marzo 2023, l’efficacia della quarta dose variava tra il 33 e il 49% contro l'ospedalizzazione e tra il 50 e il 63% contro il rischio di morte tra le 12-24 settimane dopo la somministrazione; e l’efficacia era tra il 3,5 e il 43% contro l'ospedalizzazione e il 50% contro il rischio di morte (stimata solo nei soggetti di età ≥80 anni) dopo le 24 settimane.

Rispetto alla vaccinazione primaria completa, è stato possibile stimare l’efficacia della quinta dose solo nei soggetti di età ≥80 anni in Portogallo e Belgio. L'efficacia relativa del vaccino contro l'ospedalizzazione dovuta a Covid è stata del 72% poco dopo la somministrazione, ma è rapidamente diminuita scendendo a zero oltre le 12 settimane di somministrazione. La minore efficacia, si spiega nello studio, è imputabile al basso numero di Paesi che hanno contribuito alle stime (Portogallo e Belgio), alla maggiore proporzione di individui con comorbilità tra i soggetti che hanno ricevuto la quinta dose e per via del fatto che alcuni soggetti del gruppo di confronto erano stati vaccinati durante la campagna dell'autunno 2022. L'efficacia relativa del vaccino contro il rischio di decesso è stata inizialmente del 64% (<12 settimane dopo la somministrazione) e in seguito è diminuita rapidamente (<50% 12-24 settimane dopo la somministrazione con ampi intervalli di confidenza). Nel periodo febbraio-marzo 2023, l’efficacia della quinta dose 12-24 settimane dopo la somministrazione era del 3%.

Complessivamente, i risultati dello studio hanno indicato che le dosi di richiamo hanno ripristinato la protezione poco dopo la somministrazione, ma questa è diminuita nel periodo fino a 24 settimane dopo la vaccinazione.

Nell'autunno del 2022, l'efficacia delle quinte dosi in Portogallo e in Belgio, dove erano state somministrate le quarte dosi di richiamo nella primavera del 2022, e delle quarte dosi di richiamo negli altri Paesi partecipanti, sono risultate essere simili. Questo risultato, spiega l'Ecdc, "suggerisce che l'intervallo di tempo trascorso dall'ultima dose è più importante del numero totale di dosi somministrate nel livello di protezione contro l'ospedalizzazione e il decesso per Covid. Questi risultati supportano chiaramente la politica di fornire booster aggiuntivi periodicamente per mantenere la protezione, soprattutto per le persone di età ≥80 anni".

Giovanni Rodriquez



30 novembre 2023
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Studio

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy