Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 30 LUGLIO 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Morbillo in calo in tutta Europa. In Italia a novembre 2019 “solo” 9 casi (erano 7 a ottobre) rispetto al picco di 311 di aprile


In totale, tra il 1° dicembre 2018 e il 30 novembre 2019 sono stati segnalati 13.460 casi di morbillo. A novembre, la Romania e la Francia hanno registrato il numero massimo di casi, rispettivamente con 79 e 48 casi. L'Italia ha registrato 9 casi a novembre (erano 7 a ottobre), il numero più basso degli ultimi anni, anche se rispetto al totale resta tra i paesi col maggior numero di casi. Ancora troppo basse le vaccinazioni. IL RAPPORTO.

15 GEN - Gli ultimi dati provenienti dal Sistema europeo di sorveglianza (TESSy) per il periodo dal 1* dicembre 2018 al 30 novembre 2019, riportati nel Rapporto di gennaio 2020 dell'ECDC (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) mostrano che i numeri dei casi di morbillo continuano a diminuire in Europa. A novembre 2019, Romania e Francia hanno registrato il numero più alto di casi, rispettivamente con 79 e 48 casi. In totale, tra il 1° dicembre 2018 e il 30 novembre 2019 sono stati segnalati 13.460 casi di morbillo.

L'ECDC  monitora le epidemie di morbillo e rosolia in Europa attraverso l'intelligence epidemica e pubblica gli aggiornamenti nel Rapporto sulle malattie trasmissibili (CDTR) lo stesso giorno del rapporto di monitoraggio. 
 
Morbillo a novembre 2019
 
Ventisette paesi hanno riportato dati sul morbillo per novembre 2019, di cui 232 casi sono stati segnalati da 17 paesi e 10 paesi non hanno riportato casi.
 
Complessivamente, il numero di casi ha continuato a diminuire rispetto ai due mesi precedenti. La Romania e la Francia hanno registrato il numero più alto di casi, rispettivamente con 79 e 48 casi.
 
 
 
Notevoli riduzioni sono state segnalate in Romania e nel Regno Unito.
 
- La Romania ha segnalato 79 casi a novembre, rispetto ai 100 di ottobre e ai 112 di settembre.
 
- Il Regno Unito ha segnalato cinque casi a novembre, rispetto ai 46 di ottobre e al 28 di settembre.
 
In Italia, dove dall’inizio dell’anno i casi erano andati aumentando dai 76 di dicembre 2018 fino ai 311 di aprile 2019, si conferma il calo già registrato fino a settembre 2019 quando i casi erano 19 e il numero di casi di morbillo è ulteriormente crollato a 7 a ottobre 2019 per risalire però a 9 a novembre scorso. Ma il nostro Paese resta comunque tra quelli col numero complessivo maggiore di casi anche rispetto al milione di abitanti. 
Il numero più elevato di casi è stato segnalato da Francia (2.674), Romania (1.746), Italia (1.689), Polonia (1.532) e Bulgaria (1.201), pari rispettivamente al 20%, 13%, 12%, 11 % e 9% di tutti i casi. 
 
 
 
Tassi di notifica per milione di abitanti al di sopra della media UE / SEE di 26,0 sono stati segnalati da Lituania (304,0), Bulgaria (170,3), Romania (89,4), Slovacchia (67,8), Malta (67,3), Repubblica Ceca (57,1), Belgio (42,1 ), Lussemburgo (41,5), Polonia (40,3), Francia (40,0) e Italia (27,9).
 
Un notevole aumento è stato segnalato in Slovenia, con sette casi segnalati a novembre, rispetto allo zero di ottobre e allo zero di settembre.
La Repubblica Ceca, la Croazia e la Lettonia non hanno comunicato dati sul morbillo per novembre 2019. 
 
Belgio e Polonia hanno riportato dati aggregati, mentre tutti gli altri paesi hanno riportato dati basati su casi. I casi classificati come scartati non sono inclusi nelle cifre presentate nel rapporto.
 
 
 
Casi di morbillo da dicembre 2018 a novembre 2019
 
Dal 1° dicembre 2018 al 30 novembre 2019, 30 Stati membri UE / SEE hanno segnalato 13 460 casi di morbillo, di cui 10.589 (79%) confermati in laboratorio. 
 
Nessun paese ha segnalato zero casi durante il periodo di 12 mesi. 
 
Il numero di casi di morbillo segnalati a TESSy può essere una sottovalutazione in alcuni paesi. In particolare, ciò può valere per la Romania. Lo scoppio prolungato nel paese ha causato ritardi nella segnalazione basata sui casi a TESSy e i dati più aggiornati sono disponibili presso l'Istituto nazionale rumeno di sanità pubblica.
 
Dieci decessi attribuibili al morbillo sono stati segnalati a TESSy durante il periodo di 12 mesi in Romania (5), Francia (2), Ungheria (1), Italia (1) e Regno Unito (1).
 
 
 
Lo stato dell’importazione del virus è stato segnalato da 30 paesi e noto per 10 123 casi (75%), 815 (8%) dei quali sono stati importati e 442 (4%) dei quali erano correlati all'importazione.
 
Dei 12.731 casi con età nota, 3.568 (28%) erano bambini di età inferiore ai cinque anni e 7.037 (55%) avevano un’età pari o superiore a 15 anni. 
I più alti tassi di notifica sono stati osservati nei bambini di età inferiore a un anno (278 casi per milione) e nei bambini di età compresa tra 1 e 4 anni (102,8 casi per milione).
 
Un totale di 2.988 casi (22%) presentavano uno stato di vaccinazione sconosciuto. 
 
La percentuale di casi con stato di vaccinazione sconosciuto era più alta negli adulti di età pari o superiore a 30 anni (1.614 di 4.053 casi, 40%). 
 
Di 9.743 casi (72% di tutti i casi) con età e stato di vaccinazione noti, 6.879 (71%) non sono stati vaccinati, 1.726 (18%) sono stati vaccinati con una dose di un vaccino contenente morbillo, 977 (10%) sono stati vaccinati con due o più dosi e 161 (2%) sono stati vaccinati con un numero sconosciuto di dosi.
 
La percentuale di casi non vaccinati era più alta tra i bambini di età inferiore a un anno (1.211 di 1.416 casi, 86%). 
 
I bambini di età inferiore a un anno sono particolarmente vulnerabili alle complicanze del morbillo e sono meglio protetti dall’immunità di mandria poiché la prima dose di un vaccino contenente morbillo viene somministrata dopo 12 mesi nella maggior parte dei paesi UE / SEE. 
 
Tra 2.152 casi di età compresa tra 1 e 4 anni, 1.364 (63%) non erano vaccinati, 465 (22%) sono stati vaccinati con una dose di vaccino contenente morbillo, 28 (1%) sono stati vaccinati con due o più dosi e sei (<1%) sono stati vaccinati con un numero sconosciuto di dosi.
 
Il morbillo continua a diffondersi in tutta Europa perché la copertura vaccinale in molti paesi non è ottimale. 
 
Ecdc raccomanda una copertura sostenuta di almeno il 95% per due dosi di un vaccino contenente morbillo a tutti i livelli subnazionali. 
 
Tuttavia, le ultime stime dell’Oms-UNICEF sulla copertura nazionale delle vaccinazioni mostrano che solo cinque paesi UE / SEE (Ungheria, Malta, Portogallo, Slovacchia e Svezia) hanno riportato una copertura vaccinale di almeno il 95% sia per la prima  che per la seconda dose nel 2018. 
 
Se si vuole raggiungere l’obiettivo dell’eliminazione, molti paesi devono apportare forti miglioramenti nella copertura dei loro programmi di immunizzazione infantile di routine e anche colmare le lacune immunitarie negli adolescenti e negli adulti che in passato hanno perso opportunità di vaccinazione.
 


15 gennaio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy