Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 17 MAGGIO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale Aids. Oms-Ecdc: “A causa della pandemia diagnosticati il 24% in meno di casi. Aumentano persone senza diagnosi”


È quanto emerge da un report. Kluge: “Con l'attenzione del mondo concentrata sulla pandemia di COVID-19, non possiamo dimenticare un altro virus mortale che ha devastato vite e comunità per quasi 40 anni. Da quando l'HIV è stato identificato per la prima volta nel 1984, ha causato più di 35 milioni di vittime, rendendola una delle pandemie più distruttive della storia”. IL RAPPORTO

30 NOV - Un nuovo rapporto in occasione della Giornata mondiale dell'AIDS, pubblicato congiuntamente dall'Ufficio regionale per l'Europa dell'OMS e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), mostra un calo del 24% del tasso di nuovi casi di HIV diagnosticati tra il 2019 e il 2020. Questo calo è in gran parte a causa della riduzione dei test HIV nel 2020 causata dalle restrizioni COVID-19 e dalle interruzioni del servizio.
 
Si tratta di una “situazione allarmante, considerando che nell'ultimo decennio le nuove infezioni da HIV hanno registrato un trend crescente nella regione europea dell'OMS. I dati del rapporto indicano che il numero di persone nella Regione che vivono con l'HIV non diagnosticato è in aumento”.
 
Nonostante la potenziale sottodiagnosi e sottosegnalazione nel 2020, sono state diagnosticate 104765 nuove infezioni da HIV in 46 dei 53 paesi della regione europea, di cui 14971 provenienti da paesi dell'Unione europea/Spazio economico europeo (UE/SEE). Ciò corrisponde a 11,8 infezioni di nuova diagnosi per 100.000 abitanti complessivi nella regione europea.
 
“Con l'attenzione del mondo concentrata sulla pandemia di COVID-19, non possiamo dimenticare un altro virus mortale che ha devastato vite e comunità per quasi 40 anni. Da quando l'HIV è stato identificato per la prima volta nel 1984, ha causato più di 35 milioni di vittime, rendendola una delle pandemie più distruttive della storia", ha affermato il dott. Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa.
 
“Negli ultimi anni, molti paesi della regione europea hanno lavorato per aumentare i test e le cure affrontando lo stigma sociale. Ma i nuovi dati raccolti dall'emergere di COVID-19 dipingono un quadro preoccupante, suggerendo che molte persone che vivono con l'HIV non vengono diagnosticate in tempo, il che potrebbe avere conseguenze a lungo termine sulla qualità della loro vita.
 
“Mentre continuiamo ad affrontare la pandemia di COVID-19, dobbiamo tornare in carreggiata nella nostra risposta all'HIV. C'è ancora troppa stigmatizzazione, discriminazione e disinformazione che circonda questo virus, con enormi disparità nella diagnosi e nel trattamento all'interno della Regione Europea. Insieme, possiamo porre fine all'AIDS entro il 2030", ha aggiunto Kluge.
 
Il direttore dell'ECDC, la dott.ssa Andrea Ammon, ha dichiarato: "Il 2020 è stato un anno chiave per l'HIV, quando dovevamo raggiungere gli obiettivi 90-90-90 di test, trattamento e soppressione virale per essere sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile entro il 2030. Mentre noi hanno visto un calo dei casi nel 2020, è probabile che una parte sostanziale di tale calo sia dovuta a un minor numero di casi rilevati in anticipo, dato che i servizi di test HIV sono stati ridotti o chiusi durante una parte del 2020 a causa delle misure COVID-19. In questo contesto, penso sia giusto dire che la maggior parte dell'Europa non raggiungerà gli obiettivi per il 2030 a meno che non affrontiamo alcune importanti lacune lungo il continuum di prevenzione, test e trattamento. Negli anni a venire, dobbiamo monitorare da vicino le tendenze per garantire che le battute d'arresto dovute al COVID-19 non abbiano peggiorato la situazione della diagnosi tardiva dell'HIV. Inoltre, dobbiamo aumentare la prevenzione primaria in tutta la regione, compresa la profilassi pre-esposizione, aumentare i test e rendere disponibili i trattamenti per l'HIV subito dopo la diagnosi al maggior numero possibile di persone. Infine, c'è un ulteriore aspetto che penso sia stato trascurato e che debba essere affrontato: abbiamo davvero bisogno di migliorare la nostra comprensione dello stigma dell'HIV”.
 
Diversi servizi HIV colpiti da COVID-19
I dati preliminari dell'ECDC mostrano che diversi tipi di servizi per l'HIV nel continuum della cura dell'HIV sono stati influenzati da COVID-19, dalla prevenzione e dalla fornitura di profilassi pre-esposizione (PrEP) ai test dell'HIV in clinica e basati sulla comunità, programmi di cura e cura.
 
I paesi devono concentrarsi sul raggiungimento delle popolazioni a rischio
I nostri risultati mostrano chiaramente che la pandemia dell'HIV non è finita e, sebbene siano stati compiuti progressi, gli obiettivi globali per il 2020 non sono stati raggiunti e c'è un pericolo reale che anche l'obiettivo del 2030 non venga raggiunto.
 
La modalità di trasmissione varia nella regione europea, con la trasmissione sessuale tra uomini come la modalità più comune nell'UE/SEE. La trasmissione eterosessuale e l'uso di droghe per via parenterale sono state le principali modalità di trasmissione segnalate nella parte orientale della Regione.
 
Alcuni gruppi e popolazioni importanti, compresi bambini e uomini, non sono stati sufficientemente raggiunti dai test HIV, dai servizi di prevenzione e cura. Queste disuguaglianze sono state ulteriormente aggravate dalle complicazioni causate dalla pandemia di COVID-19.
 
I paesi devono concentrarsi su servizi di prevenzione e test di facile utilizzo, con l'obiettivo di raggiungere le popolazioni chiave. Questi potrebbero essere la notifica assistita al partner, la PrEP, il test HIV eseguito da fornitori laici formati e l'autotest in linea con le linee guida dell'ECDC e le raccomandazioni dell'OMS.
 
In occasione della Giornata mondiale contro l'AIDS 2021, l'OMS chiede quindi “ai leader e ai cittadini globali di mobilitarsi per affrontare le disuguaglianze e raggiungere le persone rimaste indietro per superare le crescenti disparità nell'accesso ai servizi essenziali per l'HIV”.

30 novembre 2021
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il Rapporto

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy