Quotidiano on line
di informazione sanitaria
03 LUGLIO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Latte artificiale. Aziende sempre più aggressive sul web per convincere le mamme a non allattare al seno. In campo anche influencer e concorsi a premi. Rapporto/denuncia dell’Oms


Le aziende di latte artificiale pubblicano contenuti sui loro account sui social media circa 90 volte al giorno, raggiungendo 229 milioni di utenti che rappresentano il triplo delle persone raggiunte da post informativi sull'allattamento al seno da account non commerciali. "Il fatto che le aziende di latte artificiale stiano ora impiegando tecniche di marketing ancora più potenti e insidiose per aumentare le loro vendite è imperdonabile e deve essere fermato", dice l’Oms. IL RAPPORTO.

02 MAG -

“Le aziende di latte artificiale stanno pagando piattaforme di social media e influencer per ottenere l'accesso diretto alle donne incinte e alle madri in alcuni dei momenti più vulnerabili della loro vita”. La denuncia è dell’Oms che ha presentato nei giorni scorsi un nuovo rapporto sulle tecniche invasive di marketing dell’industria del latte artificiale.

Un comparto che fattura circa 55 miliardi di dollari e che, sempre secondo l’Oms, si rivolge alle neomamme con contenuti personalizzati sui social media che spesso non sono riconoscibili come pubblicità.

Il rapporto è intitolato Ambito e impatto delle strategie di marketing digitale per promuovere i sostituti del latte materno e racconta nel dettaglio le tecniche di marketing digitale progettate per influenzare le decisioni che le nuove famiglie prendono su come nutrire i propri bambini.

Attraverso strumenti come app, gruppi di supporto virtuale o "baby-club", influencer dei social media a pagamento, promozioni e concorsi e forum o servizi di consulenza, le aziende di latte artificiale possono acquistare o raccogliere informazioni personali e inviare promozioni personalizzate a nuove donne incinte e madri.

Il rapporto riassume i risultati di una nuova ricerca che ha campionato e analizzato 4 milioni di post sui social media sull'alimentazione infantile pubblicati tra gennaio e giugno 2021 utilizzando una piattaforma di ascolto sociale commerciale. 

L’indagine ha catturato le interazioni digitali che si sono verificate tra il 1 gennaio e il 30 giugno 2021, che facevano riferimento all'alimentazione infantile in 11 lingue e 17 paesi, che insieme rappresentano il 61% della popolazione globale e abbracciano tutte e sei le regioni dell'OMS.

Questi post hanno raggiunto 2,47 miliardi di persone e generato oltre 12 milioni di Mi piace, condivisioni o commenti.

Le aziende di latte artificiale pubblicano contenuti sui loro account sui social media circa 90 volte al giorno, raggiungendo 229 milioni di utenti; che rappresentano il triplo delle persone raggiunte da post informativi sull'allattamento al seno da account non commerciali. 

Questo marketing pervasivo, sottolinea Oms, sta aumentando gli acquisti di sostituti del latte materno e quindi dissuade le madri dall'allattamento al seno esclusivamente come raccomandato dall'OMS.

"La promozione delle formule commerciali di latte avrebbe dovuto essere interrotta decenni fa", ha affermato il dott. Francesco Branca, direttore del dipartimento dell'Oms per la nutrizione e la sicurezza alimentare che ha rimarcato "il fatto che le aziende di latte artificiale stiano ora impiegando tecniche di marketing ancora più potenti e insidiose per aumentare le loro vendite è imperdonabile e deve essere fermato".

Il rapporto ha raccolto prove dalla ricerca sull'ascolto sociale sulle comunicazioni pubbliche online e dai rapporti sui singoli paesi della ricerca che monitora le promozioni dei sostituti del latte materno, oltre a attingere a un recente studio multinazionale delle esperienze di marketing del latte artificiale delle madri e degli operatori sanitari . Gli studi mostrano come il marketing ingannevole rafforzi i miti sull'allattamento al seno e sul latte materno e minacci la fiducia delle donne nella loro capacità di allattare al seno con successo. 

La proliferazione del marketing digitale globale del latte artificiale, sottolinea ancora Oms, viola inoltre palesemente il Codice internazionale per la commercializzazione dei sostituti del latte materno (il Codice), adottato dall'Assemblea mondiale della sanità del 1981. Il Codice è un importante accordo sulla salute pubblica progettato per proteggere il pubblico in generale e le madri dalle pratiche di marketing aggressive dell'industria degli alimenti per l'infanzia che hanno un impatto negativo sulle pratiche di allattamento al seno.

Nonostante la chiara evidenza che l'allattamento al seno esclusivo e continuato siano determinanti per il miglioramento della salute permanente di bambini, donne e comunità, troppo pochi bambini vengono allattati al seno come raccomandato, ricorda ancora Oms che sottolinea che se le attuali strategie di marketing del latte formulato proseguiranno, tale percentuale potrebbe diminuire ulteriormente, aumentando i profitti delle aziende.

Il fatto che queste forme di marketing digitale possano eludere il controllo del monitoraggio nazionale e delle autorità sanitarie significa che sono necessari nuovi approcci alla regolamentazione e all'applicazione del codice di attuazione anche perché, sostiene ancora Oms, attualmente la legislazione nazionale può essere elusa da un marketing che ha origine oltre i confini.

L' OMS ha chiesto all'industria degli alimenti per l'infanzia di porre fine allo sfruttamento del marketing del latte artificiale e ai governi di proteggere i nuovi bambini e le famiglie emanando, monitorando e facendo rispettare le leggi per porre fine a tutta la pubblicità o altra promozione di prodotti a base di latte artificiale.

 



02 maggio 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il rapporto

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy