Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 06 LUGLIO 2022
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Salute mentale. “Nel 2019 quasi 1 miliardo di persone viveva con un disturbo. Sono la principale causa di disabilità”. Il monito Oms ai governi per invertire la rotta


Il suicidio è stato responsabile di oltre 1 decesso su 100 e il 58% dei suicidi è avvenuto prima dei 50 anni.  Le persone con gravi condizioni di salute mentale muoiono in media da 10 a 20 anni prima rispetto alla popolazione generale, soprattutto a causa di malattie fisiche prevenibili. Le disuguaglianze sociali ed economiche, le emergenze sanitarie, la guerra e la crisi climatica sono tra le minacce strutturali globali alla salute mentale. Depressione e ansia sono aumentate di oltre il 25% solo nel primo anno della pandemia. IL RAPPORTO

17 GIU -

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato oggi la più ampia revisione della salute mentale mondiale dall'inizio del secolo. Il lavoro dettagliato fornisce un progetto per i governi, gli accademici, gli operatori sanitari, la società civile e altri soggetti che hanno l'ambizione di sostenere il mondo nella trasformazione della salute mentale.

Nel 2019, quasi un miliardo di persone - tra cui il 14% degli adolescenti del mondo - viveva con un disturbo mentale.  Il suicidio è stato responsabile di oltre 1 decesso su 100 e il 58% dei suicidi è avvenuto prima dei 50 anni. I disturbi mentali sono la principale causa di disabilità, in quanto provocano un anno di disabilità su sei. Le persone con gravi condizioni di salute mentale muoiono in media da 10 a 20 anni prima rispetto alla popolazione generale, soprattutto a causa di malattie fisiche prevenibili. L'abuso sessuale infantile e il bullismo sono le principali cause di depressione. Le disuguaglianze sociali ed economiche, le emergenze sanitarie, la guerra e la crisi climatica sono tra le minacce strutturali globali alla salute mentale. Depressione e ansia sono aumentate di oltre il 25% solo nel primo anno della pandemia.


Lo stigma, la discriminazione e le violazioni dei diritti umani nei confronti delle persone con problemi di salute mentale sono diffusi ovunque nelle comunità e nei sistemi di assistenza; 20 Paesi criminalizzano ancora il tentativo di suicidio. In tutti i Paesi, sono le persone più povere e svantaggiate della società ad essere maggiormente a rischio di malattie mentali e ad avere meno probabilità di ricevere servizi adeguati.

Anche prima della pandemia di Covid, solo una piccola parte delle persone bisognose aveva accesso a cure mentali efficaci, economiche e di qualità. Ad esempio, il 71% delle persone affette da psicosi nel mondo non riceve servizi di salute mentale. Mentre il 70% delle persone affette da psicosi viene trattato nei Paesi ad alto reddito, solo il 12% delle persone affette da psicosi riceve cure mentali nei Paesi a basso reddito. Per quanto riguarda la depressione, le lacune nella copertura dei servizi sono ampie in tutti i Paesi: anche nei Paesi ad alto reddito, solo un terzo delle persone affette da depressione riceve assistenza formale per la salute mentale e si stima che il trattamento minimamente adeguato per la depressione vada dal 23% nei Paesi ad alto reddito al 3% nei Paesi a basso e medio reddito.

Attingendo alle più recenti evidenze disponibili, mostrando esempi di buone pratiche e dando voce all'esperienza vissuta delle persone, l'esauriente rapporto dell'Oms evidenzia perché e dove è più necessario un cambiamento e come è possibile ottenerlo al meglio. Invita tutte le parti interessate a lavorare insieme per dare maggior valore e impegno alla salute mentale, rimodellare gli ambienti che influenzano la salute mentale e rafforzare i sistemi che si occupano della salute mentale delle persone.

Il Direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato: "La vita di ognuno di noi tocca qualcuno con una condizione di salute mentale. Una buona salute mentale si traduce in una buona salute fisica e questo nuovo rapporto è una convincente argomentazione per il cambiamento. I legami inestricabili tra la salute mentale e la salute pubblica, i diritti umani e lo sviluppo socioeconomico significano che la trasformazione delle politiche e delle pratiche in materia di salute mentale può produrre benefici reali e sostanziali per gli individui, le comunità e i Paesi ovunque. Investire nella salute mentale significa investire in una vita e in un futuro migliori per tutti".

Tutti i 194 Stati membri dell'Oms hanno sottoscritto il Piano d'azione globale per la salute mentale 2013-2030, che li impegna a raggiungere obiettivi globali per la trasformazione della salute mentale. I progressi compiuti nell'ultimo decennio dimostrano che il cambiamento è possibile. Ma il cambiamento non è abbastanza rapido e la storia della salute mentale rimane una storia di bisogno e di abbandono, con 2 dollari su 3 della scarsa spesa governativa per la salute mentale destinati a ospedali psichiatrici autonomi piuttosto che a servizi di salute mentale basati sulla comunità, dove le persone sono meglio servite. Per decenni la salute mentale è stata una delle aree più trascurate della sanità pubblica, ricevendo una minima parte dell'attenzione e delle risorse di cui ha bisogno e che merita.

Dévora Kestel, Direttore del Dipartimento Salute Mentale e Uso di Sostanze dell'Oms, ha chiesto un cambiamento: "Ogni Paese ha ampie possibilità di compiere progressi significativi verso una migliore salute mentale della propria popolazione. Che si tratti di sviluppare politiche e leggi più incisive in materia di salute mentale, di includere la salute mentale nei programmi assicurativi, di sviluppare o rafforzare i servizi di salute mentale nelle comunità o di integrare la salute mentale nell'assistenza sanitaria generale, nelle scuole e nelle carceri, i numerosi esempi riportati in questo rapporto dimostrano che i cambiamenti strategici possono fare una grande differenza".

Il rapporto esorta tutti i Paesi ad accelerare l'attuazione del Piano d'azione globale per la salute mentale 2013-2030. Il rapporto formula diverse raccomandazioni per l'azione, raggruppate in tre "percorsi di trasformazione" che si concentrano sul cambiamento degli atteggiamenti nei confronti della salute mentale, sulla gestione dei rischi per la salute mentale e sul rafforzamento dei sistemi di assistenza per la salute mentale. 

Queste azioni sono:

1. Approfondire il valore e l'impegno che diamo alla salute mentale. Ad esempio:

Aumentare gli investimenti nella salute mentale, non solo assicurando fondi e risorse umane adeguate in tutto il settore sanitario e in altri settori per soddisfare i bisogni di salute mentale, ma anche attraverso una leadership impegnata, perseguendo politiche e pratiche basate sull'evidenza e istituendo solidi sistemi di informazione e monitoraggio.

Includere le persone con problemi di salute mentale in tutti gli aspetti della società e del processo decisionale per superare lo stigma e la discriminazione, ridurre le disparità e promuovere la giustizia sociale.

2. Rimodellare gli ambienti che influenzano la salute mentale, comprese le case, le comunità, le scuole, i luoghi di lavoro, i servizi sanitari e gli ambienti naturali. Ad esempio:

Intensificare l'impegno in tutti i settori, anche per comprendere i determinanti sociali e strutturali della salute mentale e intervenire in modo da ridurre i rischi, costruire la resilienza e smantellare le barriere che impediscono alle persone con problemi di salute mentale di partecipare pienamente alla società.

Attuare azioni concrete per migliorare l'ambiente per la salute mentale, ad esempio intensificando le azioni contro la violenza nelle relazioni di intimità, gli abusi e l'abbandono dei bambini e degli anziani, consentendo un'assistenza nutriente per lo sviluppo della prima infanzia, rendendo disponibile un sostegno ai mezzi di sussistenza per le persone con condizioni di salute mentale, introducendo programmi di apprendimento sociale ed emotivo e contrastando il bullismo nelle scuole, modificando gli atteggiamenti e rafforzando i diritti nella cura della salute mentale, aumentando l'accesso agli spazi verdi e vietando i pesticidi altamente pericolosi che sono associati a un quinto di tutti i suicidi nel mondo.

3. Rafforzare l'assistenza alla salute mentale cambiando dove, come e da chi viene erogata e ricevuta l'assistenza alla salute mentale.

Costruire reti di servizi interconnessi basati sulla comunità, che si discostino dall'assistenza detentiva negli ospedali psichiatrici e coprano uno spettro di cure e supporto attraverso una combinazione di servizi di salute mentale integrati nell'assistenza sanitaria generale, servizi di salute mentale comunitari e servizi al di fuori del settore sanitario.

Diversificare e aumentare le opzioni di cura per le condizioni di salute mentale più comuni, come la depressione e l'ansia, che hanno un rapporto benefici/costi di 5 a 1. Questo aumento di scala include l'adozione di un approccio di condivisione dei compiti che espande l'assistenza basata sulle evidenze anche agli operatori sanitari generici e ai fornitori della comunità. Include anche l'utilizzo di tecnologie digitali per supportare l'auto-aiuto guidato e non guidato e per fornire assistenza a distanza.



17 giugno 2022
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy