Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 04 MARZO 2024
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Hiv/Aids. In Europa oltre 2,4 mln di persone diagnosticate, molti gli inconsapevoli. Necessarie azioni urgenti per contrastare lo stigma. I dati Ecdc/Oms Europa

di E.M.

Una persona su 10 con l’Hiv nell’Ue/See non è ancora a conoscenza del proprio stato. Solo nell’ultimo anno, 1 persona su 6 che vive con l’Hiv  ha evitato i servizi sanitari per paura di essere trattata in modo diverso. Lo stigma nelle strutture sanitarie provoca l’elusione dei servizi sanitari. È quanto emerge dalla relazione congiunta sulla sorveglianza dell’Hiv/Aids in Europa 2023 (dati 2022). IL REPORT

28 NOV -

Sebbene la regione europea abbia compiuto progressi nella lotta contro l’Hiv, permangono ancora sfide significative nell’identificazione e nel trattamento dei casi, ma soprattutto nella prevenzione dell’infezione. Ampliare l’accesso ai test e alle cure per l’Hiv, insieme al riconoscimento e la lotta allo stigma e la discriminazione persistenti legati all’Hiv che impediscono alle persone di cercare diagnosi e cure, sono i passi fondamentali per contrastare l’aumento dell’infezione nei Paesi.

Questa la fotografia scattata dal Rapporto di sorveglianza sui dati del 2022, che evidenzia progressi, sfide e tendenze dell’Hiv/Aids in tutta la regione europea. Dal report, pubblicato congiuntamente dall’Ufficio regionale per l’Europa dell’Oms e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), in vista della Giornata mondiale contro l’Aids 2023, emerge un messaggio è chiaro: bisogna agire con urgenza.

Il miglioramento dell’accesso ai test ha portato a un aumento del 4,2% delle diagnosi di Hiv, con 37 paesi su 49 che segnalano numeri in aumento. Diversi paesi hanno registrato il numero più alto di diagnosi in un solo anno. I dati rivelano che nel 2022 nella regione europea sono state effettuate 110.486 diagnosi di Hiv, portando il totale delle diagnosi a 2,4 milioni.

I fattori che hanno contribuito all’aumento delle diagnosi nel 2022 includono la ripresa dei normali servizi di test dopo la pandemia di Covid-19, l’ampliamento e l’obiettivo dei servizi di test dell’Hiv e l’implementazione di nuove strategie di test.

“Sebbene un aumento delle diagnosi nel 2022 possa sembrare una cosa negativa – ha dichiarato Il direttore dell’Ecdc, il dottor Andrea Ammon – è la prova che stiamo andando nella giusta direzione, con molte persone che vivono con l’Hiv in grado di accedere meglio ai test, al trattamento e ai servizi di supporto di cui hanno bisogno. Ma possiamo e dobbiamo fare di più. Più di 1 persona su 10 che vive con l’Hiv nell’UE/SEE non è ancora a conoscenza del proprio stato, cosa che contribuisce alle diagnosi tardive che stiamo vedendo, agli esiti peggiori e alla continua diffusione dell’Hiv”.

“Solo nell’ultimo anno, 1 persona su 6 che vive con l’Hiv – ha aggiunto Ammon – ha evitato i servizi sanitari per paura di essere trattata in modo diverso. Lo stigma nelle strutture sanitarie provoca l’elusione dei servizi sanitari, il che a sua volta contribuisce alla diagnosi e al trattamento tardivi dell’Hiv. Dobbiamo affrontare lo stigma in questi contesti per garantire che le persone che vivono con l’Hiv siano in grado di cercare assistenza senza temere di essere trattate in modo diverso a causa del loro stato”.

“Una diagnosi di Hiv non è una condanna a morte. Una volta diagnosticata, è disponibile un trattamento altamente efficace, che aiuta anche a ridurre la diffusione della malattia, mantenendo i tuoi cari al sicuro”, ha spiegato il dottor Hans Kluge, direttore regionale dell’Oms per l’Europa.

“Questo aumento delle diagnosi è un grande risultato e mi congratulo con coloro che lavorano duramente per rendere disponibili i test rapidi nelle comunità in cui vivono i pazienti – ha aggiunto – tuttavia, abbiamo ancora molta strada da fare per garantire che nessuno venga lasciato indietro. Sappiamo che nella nostra Regione c’è un numero significativo di persone che non si rendono conto di vivere con l’Hiv; infatti, solo il 72% è a conoscenza del proprio stato. La triste verità è che circa quarant’anni dopo l’identificazione dell’Hiv lo stigma persistente impedisce a molte persone di farsi avanti. Semplicemente non raggiungeremo tutti con le cure e i trattamenti di cui hanno bisogno fino a quando non supereremo lo stigma associato all’Hiv”.

Nel nuovo rapporto emergono le disparità regionali presenti nella regione europea dell’Oms, con il 71,6% (79.144) delle nuove diagnosi effettuate nell’Est, contro il 20,3% dell’Ovest (22.397) e solo l’8,1% nel centro della regione (8.945 ). Delle 110.486 diagnosi nel 2022, 22.995 sono state effettuate nell’UE/SEE.

Nella sub-regione orientale, i test per l’Hiv e il rilevamento dei casi sono migliorati rispetto all’anno precedente, raggiungendo un maggior numero di persone non diagnosticate con trattamento e assistenza. Il sesso eterosessuale rimane la via di trasmissione più comunemente segnalata in Oriente, anche se la trasmissione attraverso il sesso tra uomini è aumentata in modo significativo nell’ultimo decennio.

Il Report segnala che in Lettonia (64,2%), Italia (57,3%), Lituania (52,0%) e Norvegia (51,8%), la maggior parte dei casi di Hiv riguardavano gli over 40. Ed è stata osservata una forte diminuzione (oltre il 50%) tra i maschi in Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Portogallo. Tra le femmine, il calo maggiore tra il 2013 e il 2022 è stato osservato in Italia, Paesi Bassi, Portogallo e Romania. In particolare il numero di donne diagnosticate è diminuito del 26% della Regione Europea dell’Oms, da 52.788 nel 2013 a 39.070 nel 2022 e il numero di uomini diagnosticati è diminuito del 21%, da 90.208 a 71.118.

Anche il movimento di persone affette da Hiv nei paesi dell’UE/SEE ha contribuito all’aumento delle diagnosi. Un notevole 16,6% delle diagnosi nell’UE/SEE proveniva da persone arrivate in questi paesi con una diagnosi esistente. Questi dati, avverte il Report, indicano la necessità di servizi di prevenzione e test dell’Hiv sensibili ai migranti e di un rapido collegamento a un trattamento dell’Hiv accessibile per tutte le persone che vivono con l’HIV nella regione.

Solide strategie di sorveglianza, monitoraggio e valutazione svolgono un ruolo cruciale nell’individuare e affrontare le vulnerabilità all’interno delle popolazioni chiave, consentendo alle autorità sanitarie di adattare i loro interventi per colmare le lacune e adattare gli interventi ai cambiamenti osservati sul campo, come il notevole aumento della migrazione in tutta la regione europea.

In tutta Europa, più della metà delle diagnosi di Hiv arriva troppo tardi, con una conta dei CD4 inferiore a 350 cellule/mm3, un valore che indica l’urgente necessità di mettere in campo azioni incisive verso le persone incapaci o non disposte ad accedere a test e cure tempestive. Le variazioni regionali indicano la necessità di migliorare i programmi di test e affrontare gli ostacoli, compresa la riduzione dello stigma per evitare diagnosi tardive. Lo stigma assume diverse forme, da tutta la società all’interno dello stesso settore sanitario.

Ecdc e Oms ribadiscono quindi il loro impegno a sostenere i paesi dell’UE/SEE e la regione europea dell’Oms nell’accelerare i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile per l’Hiv. In stretta collaborazione con le organizzazioni partner dedicate alla riduzione dello stigma, l’attenzione si concentrerà su attività di test, trattamento e prevenzione, nonché sul miglioramento della sorveglianza e del monitoraggio attraverso linee guida dedicate, workshop, webinar e supporto tecnico.



28 novembre 2023
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il Report

Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy