Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 MAGGIO 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Sessualità. Perdite ematiche spaventano 1 ragazza su 3

Vengono chiamate "spotting" e sono le perdite di sangue che si verificano al di fuori del ciclo mestruale. Ne soffre il 30% delle ragazze, che ne è colpita e spaventata, non riuscendo a capisce cosa accade al suo corpo. Oggi gli esperti dell'Ido ne parleranno in video-chat su su www.diregiovani.it.

02 NOV - Circa una ragazza su tre ha perdite ematiche fuori dal periodo mestruale e non riesce a comprenderne le cause. Queste manifestazioni vengono definite ‘spotting’, termine inglese(to spot) che significa ‘macchiare’, e spaventano il 30% delle  adolescenti italiane. Per questo motivo il secondo video di ‘Se sso è meglio Live’, disponibile oggi su Diregiovani.it, sarà dedicato allo spotting per offrire, attraverso l’aiuto di medici e psicoterapeuti, informazioni utili che possano contenere le paure dei giovani evitando che sviluppino preoccupazioni eccessive.

“Le perdite ematiche possono generare spavento, confusione e disorientamento nelle adolescenti indipendentemente dalla causa che le origina. Le ragazze avvertono come la sensazione di perdita di controllo del proprio corpo e di senso di estraneità, credendo spesso di essere incinta”, spiega in una nota l’équipe di psicoterapeuti e  medici dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) che curano la rubrica ‘Se sso è meglio!’ e rispondono alle domande che arrivano allo spazio di consulenza on line ‘Chiedilo agli Esperti’.


Lo spotting, precisano, anche quando rappresenta “un'anomalia nel fisiologico ciclo ormonale non deve spaventare, ma essere considerato come un sintomo che invita ad ascoltare ciò che nel nostro corpo, in quel momento, non funziona come dovrebbe. Questo ascolto del corpo permette infatti di entrare in contatto con il proprio mondo interno fatto di emozioni, affetti e fantasie e che spesso viene vissuto male poiché tra i giovani prevale la tendenza di vivere separatamente l’emotività e la sessualità”.

Dunque lo spotting è un fenomeno piuttosto frequente e nella maggior parte dei casi non preoccupante. “È comunque necessario sottolineare l'importanza della visita ginecologica già dalle prime perdite - hanno aggiunto i medici dell’IdO - sarà il ginecologo a individuarne la causa e a escludere, con la visita e ulteriori accertamenti clinici, la possibilità di eventuali disturbi da trattare in modo specifico”. Lo spotting non va quindi trascurato, né tantomeno “‘autodiagnosticato’ ma compreso e valutato, perché - ha concluso l’équipe di esperti - solo così sarà possibile rassicurare le giovani donne e intervenire nel modo più appropriato”.

 

02 novembre 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy