Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 19 AGOSTO 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale del donatore di sangue. L'appello dell'Oms: "Necessari più volontari"

L'obiettivo è quello di arrivare a coprire entro il 2020 il 100% del fabbisogno degli approviggionamenti da donatori volontari in tutti i Paesi. In 73 Paesi più del 50% dell'apporto proviene ancora da donatori retribuiti. Dal 2004 si è registrato un incremento di quasi 8 milioni di donazioni.

13 GIU - L'Oms, in occasione del World Blood Donor Day che viene celebrato domani, chiede a tutti i Paesi uno sforzo maggiore per riuscire ad ottenere, entro il 2020, il 100% degli approviggionamenti di sangue da donatori volontari. Il bisogno di sangue è in aumento ogni anno, e molti pazienti che necessitano di trasfusioni salvavita non riescono ancora ad avere garantito un accesso tempestivo. Nel 2011, si sono registrate quasi 83 milioni di donazioni di sangue in tutto il mondo da parte di donatori volontari, con un incremento di quasi 8 milioni di donazioni dal 2004.

"Il prelievo di sangue da donatori volontari e non remunerati è la pietra angolare di un apporto sicuro e sufficiente alle richieste in tutti i Paesi. Sono necessari più donatori per soddisfare le crescenti esigenze e per migliorare l'accesso a questa terapia salva-vita - ha affermato Neelam Dhingra, coordinatore Blood Transfusion Safety presso l'Oms - Inoltre, la sicurezza e la qualità del sangue e dei suoi prodotti non devono mai essere compromesse."

Utilizzare donatori regolari è, in tal senso, la fonte più sicura in quanto vi è una minore incidenza di infezioni trasmissibili per via ematica tra queste persone rispetto a coloro danno il sangue in cambio di denaro o per situazioni di emergenza spesso legate alla propria famiglia.

Attualmente, 60 paesi raccolgono il 100% del loro apporto di sangue da donatori volontari non retribuiti (35 sono i paesi ad alto reddito, 18 paesi a reddito medio e 7 paesi a basso reddito). Sei di questi hanno raggiunto questo obiettivo partendo da una percentuale inferiore al 75% registrata nel 2004: Isole Cook (dal 40%), Kenya (dal 53%), Nicaragua (dal 41%), Turchia (dal 40%), Emirati Arabi Emirates (dal 59%) e Zambia (dal 72%).
Tuttavia, sono necessari ulteriori sofrzi, visto che 73 paesi stanno ancora raccogliendo più del 50% del loro apporto di sangue da donatori retribuiti.
Nei paesi a basso e medio reddito, la trasfusione di sangue è di solito utilizzata per la gestione delle complicanze della gravidanza e del parto e il trattamento di anemia grave nell'infanzia.Nei paesi ad alto reddito, la trasfusione è più comunemente usata per la terapia di supporto in cardiochirurgia, chirurgia dei trapianti, per i traumi e la terapia del cancro.
Fornire forniture sicure e adeguate di sangue e dei suoi prodotti, per l'Oms dovrebbe essere parte integrante della politica sanitaria nazionale di ogni Paese.

13 giugno 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy