Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 23 OTTOBRE 2017
Cronache
segui quotidianosanita.it

Usa. Ennesima sconfitta per Trump. Respinta anche la “skinny repeal” con la quale si puntava ad abrogare parte dell'Obamacare

Altra pesante battuta d'arresto per il GOP. Dopo l'affossamento delle diverse versioni della Better Care Reconciliation Act (BCRA) voluta dal presidente Trump, non passa neanche la nuova proposta con la quale si voleva abrogare almeno una parte della legge vigente. La votazione finisce con 51 voti contrari e 49 a favore. Decisiva l'opposizione di John McCain. Senza un progetto di riforma condivisa i repubblicani si trovano ora in un vicolo cieco.

28 LUG - I repubblicani subiscono al Senato l'ennesima pesante battuta d'arresto nel tentativo di superare l'Obamacare. Dopo la bocciatura delle diverse versioni della Better Care Reconciliation Act (BCRA), fortemente voluta dal presidente Donald Trump, è stata ora respinta anche la proposta di "skinny repeal" sulla quale si pensava di poter raccogliere un sufficiente numero di consensi. Con questa misura si puntava esclusivamente ad abrogare una parte della legge vigente, dal momento che i repubblicani non sono ancora riusciti a trovare un accordo su una nuovo proposta di riforma sanitaria.
 
A questo punto anche l'ultimo sforzo repubblicano di  ridisegnare l'Affordable Care Act (ACA) è fallito. Decisiva è stata la decisione del senatore John McCain di schierarsi contro il Presidente Trump ed i leader del GOP. Il veterano repubblicano dell'Arizona, a cui è stato diagnosticato un cancro al cervello la scorsa settimana, dopo esser tornato a Washington lo scorso martedì ha duramente criticato il disegno di legge del GOP contestando, in particolare, il fatto che sia stato scritto in segreto solo da un piccolo numero di senatori. È stato il suo discorso a porre le basi per il voto rivelatosi drammatico per i repubblicani. 

La votazione si è conclusa con 49 favorevoli e 51 contrari - tutti i 48 membri del gruppo democratico si sono uniti a McCain ed alle senatrici Susan Collins (R-Maine) e Lisa Murkowski (R-Alaska) per bloccare il provvedimento.

Il capo della maggioranza al senato Mitch McConnell (R-Ky.) aveva sperato di veder approvata la nuova e più ristretta riscrittura dell'Obamacare, dopo aver affrontato le decine di emendamenti presentati dai democratici. In assenza di una riforma sanitaria condivisa, questa per il GOP era la più semplice - se non l'unica - strada possibile da percorrere. Questa bocciatura mette ora McConnell in un vicolo cieco.
 
"A questo punto dobbiamo tornare ad un modo corretto di legiferare. Far tornare il disegno di legge al comitato, tenere udienze, ricevere input da entrambi i lati della navata, rispettare le raccomandazioni dei governatori della nazione ed elaborare un provvedimento che finalmente possa davvero offrire assistenza sanitaria a prezzi accessibili per gli americani", ha dichiarato McCain in una dichiarazione nella quale ha spiega il suo voto. "Dobbiamo tornare a fare quel duro lavoro che i cittadini si aspettano da noi e che meritano".
 
Pochi minuti dopo la sconfitta, il presidente Trump ha commentato l'accaduto in maniera lapidaria: "Tre repubblicani e 48 democratici hanno deluso l'America!". Ma poi rilancia, ancora una volta: "Facciamo fallire l'Obamacare e poi trattiamo". 

 
Alcuni senatori in entrambi di entrambe le fazioni hanno affermato di sperare che le due parti possano iniziare i colloqui per discutere la riforma dell'attuale sistema sanitario. Un dibattito che dovrebbe essere gestito dai comitati del Senato che sovrintendono al bilancio, alla politica fiscale ed a quella sanitaria. "Forse era necessario arrivare a questo punto per poter iniziare ad avere un vero dibattito", ha detto il senatore Bill Cassidy (R-La.), che aveva cercato di mediare un accordo bipartisan nelle ultime settimane.
 
Giovanni Rodriquez

28 luglio 2017
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Tweet Trump

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy