Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 GIUGNO 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Eternit: condanna a 16 anni di carcere per i manager dell’azienda che ha intossicato l’Italia


Giunto al termine il processo per disastro ambientale doloso e omissione di cautele antinfortunistiche per i vertici dell’azienda che produceva amianto in quattro diversi stabilimenti in Italia. Entrambi gli imputati sono stati dichiarati colpevoli e dovranno scontare 16 anni di carcere.

13 FEB - La notizia è di poco fa: i due imputati per il processo Eternit, Stephan Schmidheiny e Louis De Cartier De Marchienne, sono stati condannati a 16 anni di carcere ciascuno. L’attesissimo verdetto è stato emanato dal tribunale di Torino, che ha leggermente ridotto le richieste dell’accusa, che chiedeva 20 anni di reclusione. L’accusa per la quale i due manager della Eternit AG sono stati dichiarati colpevoli era quella di aver continuato a mantenere operative le loro fabbriche di amianto a Cavagnolo (Torino), Casale Monferrato (Alessandria), Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli), nonostante sapessero che questo materiale fosse altamente cancerogeno e dunque letale.

I due imputati sono dunque stati processati dalla procura torinese per i reati di disastro ambientale doloso e di omissione di cautele antinfortunistiche, in un periodo di diversi decenni, a partire dal 1952. Come avevamo già raccontato, forse la situazione più emblematica si trova a Casale Monferrato, dove i morti e i malati di tumore individuati tra lavoratori e cittadini sono addirittura alcune migliaia, e non accennano a diminuire a distanza di anni da quando le fabbriche sono state chiuse.
La polvere di amianto prodotta dagli stabilimenti durante la produzione è infatti carcinogena, essendo stata riconosciuta causa, sul lungo periodo, del mesotelioma, una forma di tumore particolarmente aggressiva che colpisce in particolare la pleura. Questo tipo di patologia è particolarmente resistente ai farmaci e per questo presenta percentuali di sopravvivenza dal momento della diagnosi piuttosto basse.

I due manager sono stati dichiarati colpevoli proprio di aver continuato per profitto personale a produrre il materiale e a disperdere fumi tossici nel territorio per decenni nelle zone d’Italia, dove erano presenti gli stabilimenti di produzione. “È il più grande processo nella storia e nel mondo in materia di sicurezza sul lavoro”, aveva spiegato il pubblico ministero Raffaele Guariniello prima della conclusione del processo. “In questo modo abbiamo dimostrato che si può lavorare e ottenere giustizia”.

Laura Berardi

13 febbraio 2012
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy