Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 30 NOVEMBRE 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Sciopero Pa. Lettera150 ai sindacati: “Ci ripensino, è inopportuno e dannoso”


Il think tank che riunisce circa 250 accademici di diverse discipline commenta l'astensione dal lavoro proclamata per la giornata del 9 dicembre dai sindacati della Pa. “Comprendiamo le ragioni del grave disagio ma al contempo non intendiamo ignorare che, mentre molti lavoratori del settore privato oggi versano in condizioni di particolare difficoltà quando non di nuova povertà appare  inopportuno bloccare il Paese da parte di chi, sin dall'inizio della pandemia, non ha mai cessato di ricevere regolarmente il proprio stipendio”. 

23 NOV - "Uno sciopero inopportuno per i lavoratori e dannoso per il Paese. Che i sindacati ci ripensino". Così Lettera150, il think tank che riunisce circa 250 accademici di diverse discipline, in merito all'astensione dal lavoro proclamata per la giornata del 9 dicembre dai sindacati confederali.
 
Per il think tank “visto il grave momento che attraversa il Paese, ricordato il forte richiamo alla collaborazione tra tutte le sue componenti, più volte espresso, e anche assai di recente, dal Presidente della Repubblica, ritenendo che quelli in corso siano giorni in cui si debbano far funzionare al meglio e al massimo  - non già 'al minimo' -  tutti i servizi pubblici (e in particolare quelli relativi ai trasporti e alla scuola), si reputa che il metodo di protesta dello sciopero risulta, allo stato, inopportuno e gravemente errato”.
 
Lettera 150 “comprende le ragioni del grave disagio che caratterizza diversi ambiti della p.a., nè condivide che il Governo non abbia inteso  aprire un dialogo con le Confederazioni per risolvere le vertenze in atto, ma al contempo non intende ignorare che, mentre molti lavoratori del settore privato oggi versano in condizioni di particolare difficoltà quando non di nuova povertà, appare  inopportuno bloccare il Paese da parte di chi, sin dall'inizio della pandemia, non ha mai cessato di ricevere regolarmente il proprio stipendio”.
 
Da qui l'auspicio di “un immediato ripensamento da parte di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Pa, suggerendo un cambio di metodo che risulterebbe epocale: scioperare... ma lavorando, con rinuncia di una quota simbolica dello stipendio a favore del comparto Sanità e contestuale svolgimento della propria consueta attività lavorativa".

23 novembre 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy