Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2019
Emilia Romagna
segui quotidianosanita.it

Interazioni farmacologiche. Federfarma Modena e Unimore promuovono raccolta dati nelle farmacie

L’obiettivo è fare luce sulla frequenza delle interazioni fra farmaci nei pazienti. I cittadini invitati a partecipare fornendo, in modo totalmente anonimo, le informazioni sulle proprie patologie e sui farmaci o altri prodotti farmaceutici in uso. “La consegna del farmaco è solo l'ultimo passaggio di una professionalità che si integra con il lavoro degli altri operatori sanitari nell'interesse della salute del paziente”.

11 NOV - Procede a pieno ritmo lo “Studio sull'intercettazione delle interazioni farmacologiche nelle farmacie di comunità”, il progetto lanciato a giugno da Federfarma Modena e Unimore-Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, per la raccolta e l’analisi dei dati relativi all’interazione fra farmaci, nei pazienti sottoposti a trattamenti politerapici. Ancora per un mese il paziente che accede ad una delle 34 farmacie della rete Federfarma Modena aderenti alla sperimentazione, può fare richiesta o essere invitato dal farmacista a partecipare allo studio, mettendo a disposizione, in modo totalmente anonimo, le informazioni sulle proprie patologie e sui farmaci o altri prodotti farmaceutici (ad es. integratori) in uso.

Dopo uno step iniziale che ha visto una prima raccolta di informazioni, ora le 34 farmacie aderenti al progetto, distribuite sul territorio provinciale, sono state dotate di un database relazionale dotato di una mole ingente di dati sulle interazioni farmaco con farmaco e farmaco con altro principio attivo, costantemente aggiornato sulla base di quattro fonti di dati: foglietti illustrativi, studi clinici, studi in vitro, case reports. Il database, spiegano i promotori del progetto, “rappresenta una fonte informativa fondamentale per i farmacisti che sono facilitati nell'individuare, sia nell'immediato il pericolo di interazioni nel paziente, sia a contribuire allo studio statistico più ampio, dedicato all'incidenza delle interazioni, che si calcola causino fino al 5 percento dei ricoveri ospedalieri, in coloro che sono sottoposti a trattamenti multiterapici. L'operatore è infatti in grado di individuare rapidamente eventuali interazioni non solo fra farmaco e farmaco, ma fra un più complesso gruppo di elementi. Davanti all’eventuale alert fornito dal programma il farmacista, in caso di rischio per la salute, segnala il problema al medico di famiglia”.


“Alcuni pazienti - ha dichiarato Silvia Lodi consigliere Federfarma e farmacista impegnata nella raccolta dati - sono scrupolosi nel seguire la prescrizione medica, ma aggiungono in buona fede qualcosa che potrebbe modificare o attenuare la riuscita del trattamento, ad esempio assumendo integratori per il controllo del peso in concomitanza con medicine salvavita. Altri pazienti sono invece facilmente suggestionabili dagli stimoli televisivi, percui per curare più malanni di stagione entrano in farmacia richiedendo vari tipi di antinfiammatori, come recita la pubblicità: uno per il mal di testa, uno per il mal di gola, uno per il mal di schiena e uno per la febbre, incuranti del fatto che contengano sostanze simili e con il rischio di un sovraccarico decisamente dannoso. Si dimostra ogni giorno che la consegna del farmaco è solo l'ultimo passaggio di una professionalità basata sulla consulenza specifica che si integra con il lavoro degli altri operatori sanitari nell'interesse della salute del paziente.

“L'indagine – sottolinea ancora Federfarma Modena - è fra le prime in Italia per il coinvolgimento delle farmacie territoriali nella raccolta diretta dei dati e nasce dalla consapevolezza che il problema delle interazioni cresce straordinariamente con l'aumentare dei prodotti farmacologici assunti, soprattutto in pazienti seguiti da diversi medici specialisti o che fanno uso di prodotti nutraceutici ed integratori senza alcun controllo medico. Le farmacie rappresentano, in questo contesto, un presidio di controllo e monitoraggio che non ha eguali, grazie alla conoscenza che spesso il farmacista ha del paziente e del suo complessivo quadro clinico”.

“Il progetto Interazioni – ha spiegato la Presidente di Federfarma Modena, Silvana Casale - rappresenta una straordinaria occasione: consolida infatti la concezione di nuovo modello di farmacia che prende forma sempre più attraverso la dispensazione di servizi alla salute pubblica con attenzione al paziente nella sua globalità. E' fondamentale quindi, per la buona riuscita dello studio che in questo ultimo mese, i cittadini partecipino fornendo alle farmacie aderenti i dati necessari alla riuscita dell’indagine.

Impegnati nell’analisi dei dati raccolti saranno successivamente ricercatori del Dipartimento di Scienze della Vita di Unimore, la prof.ssa Nicoletta Brunello e la dott.ssa Silvia Alboni.


Ecco l’elenco delle farmacie aderenti al progetto

DISTRETTO MODENA:
Farmacia Bernasconi (Modena), Farmacia Santa Filomena (Modena), Farmacia Santa Caterina (Modena), Farmacia B.V. del Popolo Modena (Modena), Farmacia Sant’Elena (Modena), Farmacia Autodromo (Modena), Farmacia Buon Pastore (Modena), Farmacia Torrenova (Modena), Farmacia Della Bona (San Damaso), Farmacia Baggiovara (Baggiovara)

DISTRETTO CASTELFRANCO:
Farmacia Rosa (San Cesario SP), Farmacia Sant’Anna (San Cesario sp), Farmacia Guarino (Castelfranco Emilia)

DISTRETTO VIGNOLA:
Farmacia San Michele (Castelnuovo Rangone), Farmacia Sapori (Vignola), Farmacia Vittorio Veneto (Vignola), Farmacia San Lorenzo (Montese), Farmacia Martinelli (Guiglia)

DISTRETTO CARPI:
Farmacia Dell’Assunta  (Carpi),Farmacia San Benedetto (Carpi),Farmacia Della Speranza (Carpi), Farmacia Santa Caterina (Carpi), Farmacia Lodi (Soliera)

DISTRETTO MIRANDOLA:
Farmacia Pacchioni (Cavezzo), Farmacia Zona (Finale Emilia), Farmacia Del Borghetto (Cividale- Mirandola)

DISTRETTO SASSUOLO:
Farmacia San Silvestro (Casinalbo), Farmacia San Carlo (Sassuolo), Farmacia Bavutti (Fiorano) Farmacia San Michele (San Michele dei Mucchietti- Sassuolo), Farmacia Mori (Montefiorino)

DISTRETTO PAVULLO:
Farmacia Montecreto (Montecreto), Farmacia San Bartolomeo (Pavullo), Farmacia Sant’Anna (Polinago)

11 novembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Emilia Romagna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy