Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 21 NOVEMBRE 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Oggi la Giornata mondiale della salute: “Dai campi alla tavola rendere il cibo sicuro”. Le 5 raccomandazioni dell'Oms

07 APR - Nuovi dati sul danno causato da malattie di origine alimentare sottolineano le minacce globali poste dai cibi non sicuri, e la necessità di coordinamento, compresa l'azione transfrontaliera sull'intera catena di approvvigionamento alimentare.
 
E proprio al cibo sicuro è dedicata la Giornata mondiale della salute 2015 dell’Oms che si celebra oggi. "Dai campi alla tavola, rendere il cibo sicuro", questo lo slogan della Giornata."La produzione alimentare è stata industrializzata e il suo commercio e la distribuzione sono stati globalizzata", dice il direttore generale Margaret Chan. "Questi cambiamenti introducono purtoppo molte nuove opportunità per il cibo di essere contaminato con batteri nocivi, virus, parassiti, o sostanze chimiche".
 
Chan aggiunge: "Un problema di sicurezza alimentare locale può rapidamente diventare un'emergenza internazionale. Un’indagine su un focolaio di malattia trasmessa dagli alimenti è molto più complicata quando il cibo contiene ingredienti provenienti da più paesi".

 
Il cibo non sicuro può contenere batteri nocivi, virus, parassiti o sostanze chimiche, e causare più di 200 malattie, che vanno dalla diarrea al cancro. Esempi di alimenti non sicuri includono alimenti di origine animale, frutta e verdura contaminate con feci, e molluschi crudi che contengono biotossine.
 
I primi risultati di una più ampia analisi in corso del carico globale di malattie di origine alimentare mostrano che:
· ci sono stati circa 582 milioni i casi di 22 diverse patologie enteriche di origine alimentare e 351.000 decessi associati;
· gli agenti patogeni enterici responsabili per la maggior parte morti erano Salmonella Typhi (52 000 morti), enteropatogena E. coli (37 000) e norovirus (35 000);
· la regione africana ha registrato il più alto carico di malattia per le malattie di origine alimentare enterica, seguita dal Sud-Est asiatico;
· oltre il 40% delle persone che soffrono di malattie enteriche causate da alimenti contaminati sono bambini di età inferiore a 5 anni.
Gli alimenti non sicuri, inoltre, pongonogravi rischi economici, soprattutto in un mondo globalizzato. Nel 2011 epidemia di E. Coli in Germania ha causato 1,3 miliardi di dollari di perdite per gli agricoltori e le industrie e 236.000.000 di dollari in pagamenti per gli aiuti di emergenza per i 22 Stati membri dell'Unione europea.
 
Gli sforzi per prevenire tali situazioni di emergenza possono essere rafforzate attraverso lo sviluppo di sistemi di sicurezza alimentare per la salvaguardia contro la contaminazione chimica o microbiologica degli alimenti. Possono essere adottate misure a livello globale e nazionale, tra cui l'uso di piattaforme internazionali, come la joint OMS-FAO International Food Safety Autorità Network (INFOSAN), per garantire una comunicazione efficace e rapida in caso di emergenza per la sicurezza alimentare.
 
Ma anche il consumatore finale della catena di approvvigionamento alimentare gioca un ruolo importante nel promuovere la sicurezza alimentare, dall’igiene alimentare e all’abitudine della giusta cottura di alimenti specifici che possono essere pericolosi (come il pollo crudo), alla lettura attenta delle etichette alimentari. 
 
Fonte: Oms
 
Vedi le 5 raccomandazioni dell'Oms per ottenere cibi sicuri

07 aprile 2015
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy