Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 22 MAGGIO 2019
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Italia “hub” della sicurezza alimentare. Il convegno all’Expo

27 OTT - La seconda parte di “Nutrire il pianeta, nutrire in salute” chiama in causa gli esperti che hanno valutato i comportamenti e gli stili di vita in relazione alle diverse fasi della crescita umana e ad alcune patologie di grande impatto sociale. Dagli adulti ai bambini, dalle donne in gravidanza a chi soffre di patologie croniche, in particolare il diabete, considerata una pandemia. Ma gli esperti mollano le briglie: il diabetico deve vivere e nutrirsi come gli altri. Il problema è che gli altri si nutrono male.  
 
Punto chiave degli stili di vita, oggi, è l’attività fisica, elemento utile per tenere lontane le malattie. Ne ha parlato Livio Luzzi, dell’università di Milano, che ha spiegato come l’essere umano è predisposto a fare sport per tenere a bada il peso e per mettere in moto tutto l’apparato metabolico che produce benessere. Per avvalorare questa tesi basta pensare a che cosa è successo in Cina. “Negli anni ottanta – ha spiegato l’esperto - la Cina registrava uno 0% di obesità, ma nel giro di 20 anni, l’evoluzione industriale nella provincia di Pechino, ha portato l’indice di obesità a livello dei paesi occidentali. L’Italia non è da meno e gli errori sono da imputare alle Istituzioni perché la prescrizione di dieta è rimborsata, mentre la prescrizione di attività fisica è a carico dell’individuo”.

 
Ma perché l’attività fisica faccia bene occorre che sia prescritta bene e che si tenga conto di tutte le componenti che producono efficacia e benessere. Lo ha spiegato Giorgio Galanti dell’università di Firenze che ha posto l’accento sull’idratazione, una prassi quasi dimenticata. “I nostri muscoli sono fatti per il 75% di acqua – dice l’esperto - e quindi vanno idratati quando perdono questo elemento in seguito all’attività fisica. Ricordiamoci quindi di bere e di nutrirci con frutta e verdura. Ma nella dieta dello sportivo non devono mancare latte e cioccolata, magari alla sera prima di dormire per dare energia agli ormoni della crescita che lavorano di notte, oltre a ciliegie, barbabietole, vino e olio”. 
 
Ma alimentazione vuole anche dire nutrizione e integratori. Con quali vantaggi salutistici? Cristophe Didion della commissione europea, sottolinea che il messaggio salutistico è importante per l’industria e oggi, fortunatamente, i claim della salute sono sottoposti a regolamenti che verificano le evidenze scientifiche che possono essere descritte sulle etichette.
 
Per Lorenzo Morelli, evidenziare le caratteristiche nutrizionali sulle etichette costituisce arricchimento per le aziende produttrici ma anche per i fruitori. “Stiamo vivendo un eccesso di info alimentare – ha detto il biologo - blog, internet, tv che insegnano a cucinare e a dimagrire. Ma avere indicazioni in etichetta, valutate a livello scientifico, è sicuramente importante quando coinvolge la salute. Purtroppo il consumatore non è sempre garantito perchè, alcuni prodotti merceologico che non solo alimenti (shampo e detersivi) hanno il permesso di usare termini come probiotico”.
 
Analogo discorso per gli estratti vegetali, che inizialmente dovevano essere sottoposti agli stessi controlli degli integratori, ma quando ci si è resi conto che una pianta conteneva migliaia di molecole, tutto si è fermato e ogni Paese si regola autonomamente. “L’Italia ha deciso alcune locuzioni che si possono riportare in etichetta – spiega Maria Laura Colombo dell’università di Torino-, tenendo conto che molti integratori sono a base vegetale”. Ma quando si può ricorrere agli integratori? Risponde Mauro Picardo, dell’IFO di Roma: “Gli integratori servono per chi ha un deficit vitaminico o di minerali, per gli anziani, per dare una supplementazione di nutrienti specifici, che non interferiscono con le patologie e possono semplicemente integrare la dieta che deve essere corretta e bilanciata”.
 
Per finire, la sicurezza alimentare importante per la valutazione del rischio. “In Italia – dice Alberto Mantovani, dell’Istituto Superiore di Sanità - è alta. Abbiamo un organismo robusto, ma servono più conoscenze, un patrimonio di dati per intervenire sui processi anomali e modificarli”. Questo ha un costo, ma se rapportato ai benefici è un passaggio importante. Per Stefano Cinotti dell’Istituto zooprofilattico di Brescia, “in Italia si fanno 22 milioni di esami tra il settore alimentare e quello zooprofilattico, con 4.000 unità operative al costo di 290 milioni all’anno. Cinque euro per cittadino”.
L’Italia sembra quindi l’hub della sicurezza alimentare, della dieta per la salute e della qualità degli alimenti disponibili. Ma come sempre siamo anche il paese delle contraddizioni, abbiamo più coste di tutti i Paesi europei, produciamo più pesce, ma siamo quelli che ne consumano di meno. Abbiamo più terre coltivate, ma proprio al Sud i cittadini sono meno attenti alla dieta mediterranea.
Oggi nuovi modelli alimentari e proposte educazionali, con indicazioni delle priorità. Firma della Carta di Milano da parte dei Ministri della salute e dei capi delegazione.
 
Edoardo Stucchi

27 ottobre 2015
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy