Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 29 SETTEMBRE 2016
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Sigarette elettroniche. Il parere del Css: "Da vietare nelle scuole"

L'atteso parere del Consiglio superiore di sanità è arrivato. Contrariamente a quanto anticipato il divieto proposto riguarda solo le scuole e non tutti i luoghi pubblici.Il parere non è vincolante. Spetterà al ministro Lorenzin decidere se e come attuare le limitazioni all'uso delle sigarette elettroniche.

04 GIU - La notizia era stata anticipata questo pomeriggio dall'Adn Kronos Salute che aveva parlato di un orientamento del Css favorevole al divieto delle sigarette elettroniche nei luoghi pubblici, come già deciso in Francia. Poco fa il parere è arrivato ma per il massimo organo di consulenza scientifica del ministro della Salute il divieto, chiariscono dal ministero della Salute, andrebbe limitato alle sole scuole e non a tutti i luoghi pubblici come ventilato dalle prime indiscrezioni. Ora la decisione se attuare o meno il divieto e in che forme spetta al ministro. 

Per Silvio Garattini, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, che era intervenuto alla vigila della riunione del Consiglio, è necessaria “una regolamentazione più rigida anche in Italia perché non si sa con certezza quanta nicotina viene aspirata con la sigaretta elettronica. E poi ci sono modelli che rilasciano nicotina e altri che impiegano sostanze chimiche che producono la sensazione di aspirare vaniglia, fragola o cioccolata e non ci sono studi che attestino la sicurezza di questi composti, e gli eventuali danni a lungo termine".


Per Garattini deve poi rappresentare un campanello d’allarme il fatto che “molti giovani inizino a fumare proprio con le sigarette elettroniche, come se fosse un accessorio di tendenza, rischiando di diventare dipendenti dal tabacco senza aver di fatto mai fumato una sigaretta vera”.  
 
E in un comunicato del ministero della Salute viene chiarito che il Css propone che le sigarette non siano utilizzate dalle donne in gravidanza o in allattamento; che ne venga vietato l’utilizzo nelle scuole (al fine di non esporre la popolazione scolastica a comportamenti che evocano il tabagismo); che venga regolamentata la pubblicità di tali dispositivi, al fine di evitare il rischio di induzione al tabagismo e che le ricariche abbiano la chiusura di sicurezza a prova di bambino.

04 giugno 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy