Quotidiano on line
di informazione sanitaria
29 MAGGIO 2016
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Stabilità. Pronto l’emendamento del Governo: arrivano 6.000 assunzioni. Si pagheranno con 320 mln di risparmi sulla medicina difensiva

In tutto 3.000 medici e 3.000 infermieri. Per il 50% saranno nuove assunzioni per il resto si tratterà di stabilizzazioni. Già da gennaio le Regioni potranno avviare le assunzioni a tempo determinato con la formula del 3 più 3. Da febbraio le amministrazioni territoriali dovranno presentare al Governo il fabbisogno di operatori per le proprie aziende. I bandi per le assunzioni a tempo indeterminato partiranno da marzo

09 DIC - Dopo l'approvazione da parte delle Regioni, la scorsa settimana, nel corso di un incontro con il Governo, anche il Ministero dell'Economia e Finanze dà il suo via libera all'inserimento nella legge di stabilità di alcune norme del disegno di legge Gelli sulla responsabilità professionale. Dovrebbero essere dunque inserite, in un emendamento governativo che verrà depositato probabilmente giá domani in commissione Bilancio alla Camera, tutte quelle norme del ddl che potranno avere una ricaduta economica in termini di risparmio per il Servizio sanitario grazie alla riduzione delle pratiche di medicina difensiva, che vuol dire meno esami diagnostici, meno farmaci, meno prestazioni mediche e sanitarie non necessarie insomma.
 
In questo modo si conta di poter ottenere risparmi per circa 300 mln utili all'assunzione di 6000 nuove unità di personale sanitario. Le aziende sanitarie potranno così assumere 3000 medici e 3000 infermieri. Per il 50% saranno nuove assunzioni mentre per l'altra metà si tratterà di stabilizzazioni di personale precario. Il testo dell'emendamento attualmente all'esame dal Mef disopne che le Regioni, già da gennaio, potranno assumere personale a tempo determinato con la formula del 3 più 3 in modo da poter garantire i turni di riposo previsti dalla direttiva europea sugli orari di lavoro. Entro febbraio, poi, ogni Regione dovrà presentare al Governo il fabbisogno di operatori necessario per le proprie aziende. Infine, già da marzo 2016, potrebbero essere avviati i bandi dei concorsi straordinari per le assunzioni a tempo indeterminato. 

 
E le restanti norme sulla responsabilità professionale? Nei prossimi giorni sono attesi i pareri delle commissioni della Camera. L'esame da parte dell'Aula è stato calendarizzato al 15 dicembre, quindi il provvedimento verrà discusso subito dopo l'approvazione della legge di stabilità. Rassicurazioni sull'approvazione anche delle restanti norme del ddl sono arrivate dallo stesso relatore del provvedimento in commissione Affari Sociali, Federico Gelli (Pd): "Il processo non si ferma con l'inserimento di alcune norme in stabilità. Si manterrà fede all'impegno di proseguire l'esame fino all'approvazione delle parti residuali del provvedimento, in modo da portare a compemimento l'intero lavoro fatto in commissione in tutti questi mesi. L'ultima parola spetta dunque al Parlamento. Qui ci sarà spazio per le ultime integrazioni e limature del testo prima della sua approvazione".
 
 
Giovanni Rodriquez

09 dicembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy