Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 OTTOBRE 2017
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Specializzazioni mediche. Iscrizioni dal 5 al 16 ottobre. Ad anestesia record di posti (653), per medicina termale solo 1 posto. Ecco il bando

C'è tempo  tempo da giovedì 5 ottobre 2017 fino (“inderogabilmente”) alle ore 15.00 di  lunedì 16 ottobre 2017 per l'iscrizione al bando per uno dei 6.676 posti nelle scuole di specializzazione medica, siano essi finanziati dallo Stato che dalle Regioni o da privati. Con tutte le riserve (236 posti) e le regole da rispettare per italiani, comunitari ed extracomunitari. L'AVVISO DEL BANDO, IL BANDO, GLI ALLEGATI AL BANDO:  ALLEGATO 1ALLEGATO 2ALLEGATO 3ALLEGATO 4ALLEGATO 5ALLEGATO 6.

30 SET - In tutto 6.676 contratti di specializzazione medica, di cui 6.105 pagati dallo Stato, 499 dalle Regioni, 72 da altri enti pubblici o privati. Di questi 236 sono riservati, 210 al Ssn (personale medico titolare di rapporto a tempo indeterminato in servizio presso strutture pubbliche e private accreditate dal Servizio Sanitario Nazionale diverse da quelle inserite nella rete formativa della scuola), 21 ai militari, 4 ala Polizia e 1 alla Cooperazione internazionale riservato a un chirurgo pediatrico haitiano.

I candidati hanno tempo da giovedì 5 ottobre 2017 fino (“inderogabilmente”) alle ore 15.00 di  lunedì 16 ottobre 2017. La data di inizio delle attività didattiche per i medici immatricolati è  fissata al 29 dicembre  2017.

E’ pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29 settembre l’“Avviso relativo al bando per l'ammissione dei medici alle Scuole di specializzazione di area sanitaria, per l'a.a. 2016/2017” che rimanda al sito http://www.miur.gov.it/   e   al    sito www.universitaly.it per il testo integrale del bando e tutti gli allegati.


La parte del leone tra le specializzazioni la fa Anestesia, Rianimazione e Terapia intensiva e del dolore con 653 posti a bando, seguita da Radiodiagnostica con 420, mentre c’è un solo posto per Medicina termale e due per Statistica sanitaria.

I posti coperti con contratti aggiuntivi finanziati dalle Regioni e dalle Province autonome sono assegnati, in ordine di graduatoria, successivamente ai posti coperti con contratti finanziati dallo Stato. I posti coperti con contratti aggiuntivi finanziati da altri enti pubblici/privati sono assegnati, in ordine di graduatoria, successivamente ai posti coperti con contratti finanziati dallo Stato, dalle Regioni e dalle Province autonome. I posti aggiuntivi coperti con finanziamenti che prevedono il possesso di specifici requisiti, sono assegnati, in ordine di graduatoria, ai candidati in possesso degli specifici requisiti richiesti dalle rispettive normative di riferimento degli Enti finanziatori (riguarda Trento, Bolzano, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Veneto, Valle d’Aosta, Sicilia, Sardegna, e Repubblica di San Marino). E’ vietato lo scambio di sede tra i vincitori dei posti a concorso.

I cittadini comunitari medici e i rifugiati politici medici accedono alle Scuole di specializzazione alle stesse condizioni e con gli stessi requisiti dei cittadini italiani (laurea e abilitazione all'esercizio professionale, ovvero possesso del decreto di riconoscimento del titolo ai fini dell'esercizio della professione medica rilasciato dal Ministero della Salute).

I cittadini extracomunitari medici, titolari di carta di soggiorno, o di permesso di soggiorno per lavoro subordinato o per lavoro autonomo, per motivi familiari, per asilo politico, per asilo umanitario, o per motivi religiosi, o i medici non comunitari regolarmente soggiornanti in possesso del diploma di laurea e abilitazione italiana, o con diploma di laurea equipollente e abilitazione italiana, o i medici in possesso del decreto di riconoscimento del titolo per l'esercizio della professione medica rilasciato dal ministero della Salute.

Eventuali cittadini extracomunitari medici (in possesso di laurea e abilitazione all'esercizio professionale, o del decreto di riconoscimento del titolo per l'esercizio della professione medica rilasciato dal ministero della Salute) che non rientrano nelle  fattispecie elencate, potranno partecipare al concorso entro il termine e con le stesse modalità previste per i cittadini italiani e previa verifica delle capacità ricettive delle strutture universitarie, per posti in sovrannumero che siano comunicati dalle Rappresentanze diplomatiche attraverso il ministero degli Affari Esteri.

Per iscriversi al concorso si deve utilizzare solo la modalità on line accedendo al portale Universitaly (www.universitaly.it).

Al momento dell’iscrizione on line il candidato deve dichiarare  una serie di informazioni sulla laurea,  in Italia o all’estero, l'eventuale iscrizione a una Scuola di specializzazione, indicando la Scuola a cui è iscritto e l’anno di corso o l’eventuale possesso di un diploma di specializzazione, indicando la tipologia di specializzazione. Chi vuole concorrere per i posti finanziati con contratti aggiuntivi, deve attestare il possesso dei requisiti richiesti e quelli con requisiti per accedere ai posti riservati devono specificare la categoria riservataria. I dipendenti di ruolo del Servizio sanitario dovranno inoltre dichiarare di esserlo a tempo indeterminato, specificando l’Ente sanitario pubblico o privato accreditato di appartenenza.

Naturalmente oltre la domanda debitamente compilata il  candidato  deve  procedere al versamento di un contributo di iscrizione alla prova  di  100,00 euro ed entro lunedì 16 ottobre 2017  deve  caricare  il  file .pdf  della  ricevuta  nell'apposita  sezione della  procedura on line.

La prova d’esame si svolge in modalità informatica ed è identica a livello nazionale.  Consiste in una prova scritta che prevede la soluzione di  140 quesiti a risposta multipla, ciascuno dei quali con cinque possibili risposte. 

Il punteggio complessivo (massimo  147  punti) è stabilito in relazione alla somma del punteggio attribuito ai titoli (massimo 7 punti) e al punteggio conseguito nella prova (massimo 140 punti) che si svolgerà martedì 28 novembre 2017 in un tempo di 210 minuti.

Dopo la prova di esame è definita la graduatoria di merito unica nazionale, in cui sono ammessi anche i candidati comunitari e non comunitari secondo l'ordine decrescente del punteggio dato dalla somma del punteggio dei titoli e della prova.

In caso di parità, prevale il candidato che ha ottenuto il maggior punteggio nella prova di esame; in caso di ulteriore parità, il candidato con minore età anagrafica. In caso di ulteriori situazioni di parità prevale il candidato che risulta in possesso della media degli esami più alta, quindi, in caso di ulteriore parità, il candidato che risulta in possesso del voto di laurea più alto.

Per quanto riguarda il compenso, al medico in formazione specialistica, salvo le eccezioni per l’appartenenza a specifiche categorie, è corrisposto, per tutta la durata del corso, un trattamento economico annuo omnicomprensivo, costituito da una parte fissa, uguale per tutte le specializzazioni e per tutta la durata del corso, e da una parte variabile, differenziata per tipologie di specializzazioni, per la loro durata e per anno di corso, il cui importo viene definito con apposito Dpcm. La parte fissa annua lorda è attualmente determinata in 22.700,00 euro per ciascun anno di formazione specialistica. La parte variabile annua lorda, calcolata in modo che non ecceda il 15% di quella fissa, è determinata in 2.300,00 euro per ciascuno dei primi due anni di formazione specialistica, mentre per ciascuno dei successivi anni di formazione specialistica è determinata in 3.300,00 euro annui lordi.

Il medico in formazione specialistica ai fini previdenziali è iscritto alla gestione ed il trattamento economico è esente dall'imposta sul reddito delle persone fisiche.

Il bando, comunque, riporta nel dettaglio tutte le specificità delle varie voci.
 

 
 
 
 
 
              

30 settembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy