Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 22 SETTEMBRE 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Centrali uniche d’acquisto in sanità. Gutgeld: “Ottenuto un risparmio medio del 23%. Tutti soldi da reinvestire in efficienza e innovazione nel Ssn”

di Ester Maragò

Garantita qualità e professionalità e i risparmi realizzati saranno investiti in innovazione. Questo il bilancio dell’incontro tra il Commissario del Governo per la spending review e le Regioni per fare il punto sull’attività svolta dai soggetti aggregatori e rendere il sistema sempre più collaborativo

09 NOV - Un risparmio medio del 23% realizzato grazie alle centrali uniche d’acquisto. Un risultato importante per un sistema che ha offerto garanzie di qualità, professionalità e che assicurerà in futuro un sempre maggiore sostegno all’innovazione.
 
A tirare le somme sui risultati conquistati dalle Centrali uniche di acquisto in sanità, il Commissario del Governo per la spending review, Yoram Gutgeld, al termine dell’incontro in Conferenza delle Regioni voluto per fare il punto sull’attività svolta dai soggetti aggregatori.
 
“Abbiamo messo in piedi un sistema di misurazioni dei risparmi dai quali è scaturito un risparmio medio del 23% – ha detto – con percentuali che vanno dall’8% fino al 50% per un sistema che ha portato benefici a tutte le Regioni. Si tratta di gare per decine di miliardi che hanno riguardato in generale tutte le categorie, in particolare i dispositivi ma anche i servizi. I risparmi ottenuti saranno reimmessi nella sanità per investire in innovazione e in nuove attività fondamentali per modernizzare la sanità italiana”.

 
E un esempio paradigmatico di quanto realizzato grazie al sistema degli acquisti centralizzati sono i nuovi farmaci per l’epatite C. “Non sarebbe stato possibile creare il fondo per gli innovativi senza i risparmi ottenuti con questa operazione” ha sottolineato.
 
Soprattutto, ha ricordato Gutgeld, il sistema ha offerto garanzie di qualità: “Per ogni categoria abbiamo creato dei gruppi di lavoro di professionisti esperti con i quali sono state definite le linee guida e le impostazioni delle gare”.
 
Per il Commissario alla spending review infine bisogna uscire fuori dallo stereotipo delle differenze tra Nord e Sud, e tra Regioni più o meno efficienti. “Alcune regioni sono più avanti perché avevano centrali di acquisto già rodate – ha aggiunto – ma non si può parlare di Regioni più o meno efficienti in quanto esistono differenze importanti tra le Aziende di una stessa Regione. Per questo l’obiettivo della riunione di oggi è creare una maggiore collaborazione tra le relatà locali per fare in modo che lavorino tra di loro”.
 
Prossimi step? “Dal prossimo anno il sistema allargherà il raggio di azione ad altre categorie – ha concluso – per questo sarà emanato un Dpcm ad hoc. Ma l’obiettivo ultimo è rendere il sistema sempre più collaborativo tra le varie Regioni”.

Ester Maragò
 

09 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy