Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 17 GENNAIO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Dalla Simg la proposta di una Conferenza nazionale sulle cure primaria nel 2022 con tutti gli attori del sistema. Cricelli: “PNRR opportunità per consolidare la sanità del territorio”


“Dobbiamo ridefinire l’entità dell’allocazione delle risorse del fondo Sanitario di parte corrente per la Medicina Generale, cui vanno aggiunte le risorse una tantum del PNRR. Le risorse aggiuntive servono agli investimenti utili alle trasformazioni radicali dei modelli organizzativi della medicina territoriale. È necessaria una riflessione ampia che riguardi tutte le componenti delle medicina, ma anche la società civile”, ha detto il Presidente SIMG

27 NOV - La nuova fase dell’emergenza pandemica ha acuito nuovamente i limiti della medicina generale, già messa a dura prova dall’inizio della pandemia. L’influenza stagionale, le patologie croniche, le campagne vaccinali sono impegni che richiedono un grande sforzo ai medici di famiglia. Per questo dal 38° Congresso della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie – SIMG in corso a Firenze parte l’appello per nuova organizzazione della medicina del territorio con la proposta di una Conferenza nazionale sulle cure primarie nel 2022.
 
La proposta è stata lanciata ieri dal presidente della Simg Claudio Cricelli al termine della sessione politica del congresso apertasi con un video messaggio del ministro Roberto Speranza, cui hanno partecipato il Capo della Segretaria tecnica del ministro della Salute Antonio Gaudioso, il consigliere del Ministro Speranza Walter Ricciardi, il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, un rappresentante del Comitato centrale della Fnopi, Nicola Draoli, il segretario nazionale della Fimmg, Silvestro Scotti, il presidente dell’Enpam Alberto Oliveti, il segretario della Simg del Veneto e membro dell’Esecutivo Maurizio Cancian e i direttori generale delle Usl Umbria 1 Gilberto Gentili e della Azienda Usl Toscana sud est Antonio D’Urso, interventuo anche in qualità di vice presidente della Fiaso.

 
“Una revisione organizzativa del sistema sanitario e in particolare delle cure territoriali è indispensabile – sottolinea Claudio Cricelli –. Dobbiamo definire le priorità nell’allocazione delle risorse del PNRR, che resta comunque un piano straordinario Devono essere delineati gli investimenti necessari, utili alle trasformazioni radicali dei modelli organizzativi della medicina territoriale. È necessaria una riflessione ampia che riguardi tutte le componenti della medicina, ma anche la società civile”.
 
I tre punti proposti da Simg. La posizione della SIMG si articola in tre elementi che fanno parte di un discorso unico, visto che i problemi vanno affrontati contestualmente e non a compartimenti stagni. “Anzitutto, devono essere definiti al dettaglio i compiti della Medicina Generale, alla luce soprattutto di un percorso di formazione adeguato – aggiunge Ovidio Brignoli, Vice Presidente della SIMG – Si deve strutturare una specializzazione vera e propria, che porti al superamento dell’attuale Diploma del corso di medicina generale e, come avviene per i medici specializzandi, anche i MMG in formazione devono poter accedere a un percorso di formazione e lavoro, senza essere relegati a un ruolo di osservatori passivi, per poter essere subito pronti a esercitare la professione. In secondo luogo, la qualità della professione dipende dall’organizzazione e dagli strumenti: dobbiamo definire quale sia il modello di lavoro del medico di famiglia, quali siano i locali in cui deve operare, quali debbano essere gli standard di uno studio medico, senza dimenticare le novità provocate dalla pandemia, che ha reso di fatto inagibili studi troppo piccoli. Ci vogliono spazi, percorsi dedicati, aree di accoglienza, apparecchiature, diagnostica; lo studio del MMG deve diventare anche luogo di insegnamento. Ci sono varie soluzioni di riferimento che costituiscono le “ Best Practices “ in molte parti del Paese”.
 
“È fondamentale - sottolinea Cricelli - che inizi una riflessione totalmente nuova che definisca i servizi, le risorse economiche e umane sulle nuove strutture della Medicina Generale. I MMG con i loro studi coprono tutto il territorio nazionale con una vicinanza al cittadino che non ha eguali. La MG generale esprime oggi una grande maturità ed è in grado di colmare lo storico divario con la Medicina Specialistica come ha dimostrato l’esperienza pandemica. Esse sono interconnesse e devono essere rese interoperabili con una continuità di funzioni facilitata da un ampia evoluzione digitale”.
 
“Per completare il quadro di riforme auspicato dalla SIMG – conclude Cricelli – dal nostro congresso lanciamo la proposta dell’organizzazione, entro il primo semestre del 2022, della prima Conferenza Nazionale della medicina generale e delle cure territoriali nel SSN e nel sistema Italia. La SIMG sarà promotrice dell’iniziativa e avrà un ruolo fondamentale nel definire un metodo analitico dei bisogni evolutivi della popolazione del Paese”.
 
Il Next Generation della medicina generale. Nell’ottica di un miglioramento nella formazione e di un efficace ricambio generazionale, la SIMG ha lanciato anche il progetto del Next Generation della Medicina Generale.
 
“Il Next Generation della Medicina Generale si basa su 5 punti – sottolinea Maurizio Cancian – Anzitutto, si devono definire i nuovi bisogni di salute della popolazione; in secondo luogo, devono essere identificate le competenze del MMG; inoltre, va chiarito come debbano essere acquisite queste competenze nella formazione post laurea; poi si deve intervenire sulla nuova organizzazione, intesa come processi di cura all’interno delle strutture per passare dalla medicina di attesa alla medicina di iniziativa; infine, il team che si occupa della medicina generale deve integrarsi con altri snodi della rete dei servizi, sul territorio e in ospedale”.

27 novembre 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy