Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 SETTEMBRE 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

No ai tagli alla sanità. A Roma sfilano in 20 mila. Medici, operatori sanitari e cittadini

Successo indiscutibile della manifestazione per la difesa della sanità pubblica indetta da 24 sindacati medici e della dirigenza sanitaria pubblica e privata. Troise (Anaao): "Il Ssn è uno e indivisibile". Scaramuzza (Tdm): "Giù le mani dalla sanità". In corteo anche molti politici di maggioranza e opposizione. Vedi le foto della manifestazione.

27 OTT - E' partito stamattina alle 11 da piazza della Repubblica il corteo promosso da 24 sindacati della dirigenza medica, sanitaria e amministrativa della sanità pubblica e privata. La manifestazione "Diritto alla cura, diritto a curare" ha richiamato a Roma oltre 20 mila persone. Ai medici e agli altri operatori sanitari si sono aggiunti anche cittiadini e delegazioni delle forze politiche.

La protesta è stata indetta contro le ultime politiche dei Governi Berlusconi prima e Monti oggi, che complessivamente hanno tagliato la sanità di 31 miliardi da qui al 2014. Per i sindacati questi tagli - che colpiscono ospedali, beni e servizi, personale - metteranno in ginocchio la sanità pubblica in tutte le Regioni italiane, compromettendo il diritto alla salute.
 
Il corteo si è concluso intorno alle 13 al Colosseo con gli interventi di sindacalisti e cittadini. 
 
"Oggi - ha affermato Costantino Troise, segretario dell'Anaao Assomed, intervenendo a nome di tuttii medici e di tutti gli operatori del Ssn - dichiariamo la nostra intenzione a salvare il Servizio sanitario nazionale per farci carico della difesa di un sistema pubblico e nazionale, della sua funzione di coesione sociale e di garante della esigibilità del diritto alla salute, che è uno e indivisibile, e non può essere declinato in base al Codice di avviamento postale. Non so se questa manifestazione sarà in grado di cambiare il corso delle cose, ma so che certamente può cambiare noi stessi se smettiamo di rassegnarci: chi si rassegna perde ogni giorno".

 
"Oggi - ha aggiunto Troise - siamo qui insieme a tutti coloro che condividono il pensiero forte dell'articolo 32 della Costituzione per opporsi a chi vede nell'abbandono delle cure l'unica fonte di risparmio, a chi continua a legiferare frantumando la coesione sociale del Paese e restringendo il perimetro delle tutele. Da qui vogliamo ripartire per riscoprire il senso di identità professionale e di appartenenza. Non siamo palle da biliardo che si muovono sul tappeto assecondando i movimenti di chi ha in mano la stecca o, peggio ancora, operatori invisibili. Siamo una risorsa preziosa". Per Troise, "solo l'apertura di una nuova stagione da parte di tutte le forze che hanno a cuore il patrimonio e la sorte del Ssn potrà salvarlo. La sfida è per tutti: cittadini, istituzioni, partiti. Noi faremo la nostra parte".
 
A nome dei cittadini è intervenuto Giuseppe Scaramuzza, coordinatore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. "Sono qui oggi - ha detto - a rappresentare i cittadini che quotidianamente usufruiscono dei servizi sanitari, o forse sarebbe meglio dire ciò che rimane del nostro Ssn di tipo universalistico. Un tempo - ha proseguito Scaramuzza - ci battevamo e denunciavamo bagni e lenzuola sporche negli ospedali, oggi ci battiamo per il diritto a non aspettare 10 mesi per una risonanza magnetica o per fare la chemioterapia in modo dignitoso. Al Governo Monti e a tutti i Governi di turno i cittadini gridano 'Non siamo un peso o un costo, ma una risorsa di questo Paese'", ha aggiunto il coordinatore del Tdm secondo il quale "siamo di fronte a una situaaizone paradossale: la sanità è diventata quasi un onere di cui liberarsi e non un fattore di sviluppo di un Paese moderno come richiesto dalla Ue per gli obiettivi di sostenibilità del 2020. Il Governo - ha concluso Scaramuzza - non può pensare di salvare i conti e i bilanci dell'Italia distruggendo gli italiani. Il Governo era partito con rigore, sviluppo ed equità. Oggi è rimasto il rigore, ma si è perso per strada lo sviluppo e, soprattutto, l'equità".

27 ottobre 2012
© Riproduzione riservata


Gallerie fotografiche:

spacer GUARDA LE FOTO DELLA MANIFESTAZIONE

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy