Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 07 OTTOBRE 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Quel medico che “odiava” i computer

di Saffi Giustini

Pur rispettando opinioni differenti, come quella del collega di Como in polemica con la sua Asl per l'uso del computer, è sotto gli occhi di tutti che oggi abbiamo oltre 50 contatti/assistiti al giorno; un prontuario da gestire con migliaia di farmaci. Per non parlare del passaggio alla ricetta "elettronica". E così via. Tutto a memoria?

16 AGO - Posso comprendere il collega di Como (vedi articolo sul Corriere) sull’idiosincresia e lo sconforto riguardo il “carico burocratico” che la categoria dei medici di famiglia, sta subendo da troppi anni.
Tuttavia lo scenario assistenziale del nostro paese ha bisogno di un’assistenza primaria all’altezza della sfida che invecchiamento della popolazione, patologie croniche e non autosufficienza rappresentano.
 
E’ pertanto necessario potenziare la medicina generale e l’assistenza primaria sia dal punto di vista organizzativo sia da quello tecnologico e strutturale.
Pur rispettando opinioni differenti è sotto gli occhi di tutti che oggi abbiamo oltre 50 contatti/assistiti al giorno; che da un prontuario di poche decine di farmaci siamo passati a migliaia principi; da una libera prescrizione, (ricetta bianca, quanti farmaci vuoi e quanti ne vuoi) alla ricetta “elettronica” e al certificato INPS telematico, per non parlare del diario clinico anamnestico da inviare al consulente specialista, al reparto ospedaliero, etc …
E ancora come ricordare gli esami ematochimici, i referti radiologici ….
Tutto a mente … tutto a memoria ..?
 
A questo punto è chiaro che se non altro per non incorrere in “disguidi non solo burocratico-amministrativi” che il Personal computer e un buon software gestionale, è non solo necessario ma anche utile per svolgere quelle attività anche burocratiche che il cittadino richiede e che il PC può memorizzare, nell’interesse anche del medico.
Come è evidente che ci occorre uno strumento agile e veloce  che in tempo reale ci permetta di controllare il nostro operato e di conseguenza correggere velocemente gli omissis o gli errori di valutazione o quant’altro, senza che questo impedisca mai di guardare in volto il paziente e  di “toccare, auscultare il torace e mettere le mani sulla pancia” di chi necessita di una visita.
 
Saffi Giustini
Medico MG, modulo eCCM Montale (PT)
Consulente AIFA Cure Primarie

16 agosto 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy