Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 03 DICEMBRE 2021
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medicina convenzionata. Via libera da Comitato di Settore delle Regioni al nuovo Atto d’indirizzo. Milillo: “Se entro il 13 non arriva convocazione Sisac sarà sciopero”


Nel nuovo testo recepite le modifiche contenute nell’intesa politica dello scorso marzo. Restano gli studi medici ma ogni AFT dovrà avere almeno una sede di riferimento. Tempi però ancora lunghi. Ora il testo dovrà essere approvato da Conferenza Regioni e poi dal Governo. A meno di passi indietro, si fa quindi sempre più concreto il rischio dello sciopero minacciato dai medici di famiglia Fimmg.

08 APR - Via libera dal Comitato di Settore Sanità delle Regioni al nuovo atto d’indirizzo per il rinnovo delle convenzioni di medici di famiglia, pediatri di libera scelta e specialisti ambulatoriali. Il Comitato, nella riunione di oggi, ha di fatto recepito l’intesa politica firmata lo scorso 4 marzo con i sindacati e la supervisione del Ministero della Salute, finalizzata alla riapertura delle trattative per il rinnovo. Trattative che si erano bloccate a causa del forte scontro tra la Fimmg e la Sisac. 
 
Il nodo più grande da sciogliere riguardava in particolar modo il destino degli studi dei medici di medicina generale e il finanziamento delle Aggregazioni funzionali territoriali (AFT).
 
Gli studi, come da intesa sottoscritta il 4 marzo resteranno e l’AFT potrà, a seconda delle esigenze del territorio, essere concentrata in unica sede o articolata su diversi studi dei medici per garantire la capillarità del servizio. In ogni caso dovrà avere una sede di riferimento presso la quale vengono svolte le funzioni di coordinamento, di audit, e che può essere luogo unificato di erogazione di servizi della stessa AFT e dell’Azienda sanitaria.

 
Per finanziare le AFT viene specificato nel nuovo Atto d’indirizzo che verrà individuata la quota da risorse (senza oneri aggiuntivi per la finanza pubblica) da destinare al finanziamento dei fattori produttivi, distinguendo quella destinata al supporto dell’attività del singolo medico da quella riferita al finanziamento di standard organizzativi più complessi già esistenti. Quindi, a seconda delle esigenze dei vari territori, le indennità e gli incentivi ora erogati per lo sviluppo strumentale ed organizzativo saranno indirizzati a finanziare i fattori produttivi delle nuove AFT.
 
Altro punto caldo recepito dal nuovo Atto d’indirizzo riguarderà poi la possibilità per le Regioni di finanziare le nuove forme organizzative territoriali attraverso l’utilizzo dei risparmi provenienti dalla riorganizzazione ospedaliera.
 
A questo punto, dopo il semaforo verde del Comitato di Settore sanità, ora il nuovo atto d’indirizzo approderà, forse già la prossima settimana, in Conferenza delle Regioni. Una volta approvato il sì definitivo spetterà al Governo.
 
In questa situazione cresce quindi la probabilità che lo sciopero minacciato dalla Fimmg possa effettivamente realizzarsi (mancano 5 giorni alla scadenza fissata dal Sindacato) anche perché sembra difficile una convocazione entro breve della Sisac per la riapertura del Tavolo. "Se entro il 13 aprile non arriverà la convocazione da parte della Sisac sarà sciopero", ci ha detto il segretario nazionale della Fimmg, Giacomo Milillo.

08 aprile 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy