Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 27 LUGLIO 2016
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Responsabilità professionale. Avvocati e medici: “No a visione mercatista”. E siglano “patto” per corretta informazione ai cittadini

“Un patto per la tutela dei diritti di difesa e salute”. Questa l’Intesa sottoscritta oggi tra il presidente del Consiglio nazionale Forense Mascherin e quello della Federazione dei medici Chersevani. Obiettivo: avviare un percorso comune per la tutela efficace dei diritti fondamentali di difesa e della salute e promuovere la corretta informazione presso i cittadini sui principi e sui valori che informano le due professioni.

22 GEN - Avviare un percorso comune per la tutela efficace dei diritti fondamentali di difesa e della salute e promuovere la corretta informazione presso i cittadini sui principi e sui valori che informano le due professioni di avvocato e medico, alla cui tutela i due diritti costituzionali sono affidati.
 
È questa l’intesa che è stata raggiunta oggi dal Presidente del Consiglio Nazionale Forense, Andrea Mascherin, e dalla Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Roberta Chersevani, in occasione di un incontro che si è tenuto nella sede del CNF, riunito in plenum. Con la presidente Chersevani, in rappresentanza della FNOMCeO anche il segretario generale Luigi Conte.
 
“Il patto tra le due professioni contribuirà a diffondere la loro comune cultura, il loro impegno e la loro assunzione di responsabilità a tutela di quei principi che sono espressamente riconosciuti nella Carta Costituzionale. Occorre contrastare  la visione esclusivamente mercatista, che produce gravi e negativi effetti proprio sulla tutela delle persone. Medici e Avvocati hanno la responsabilità di informare correttamente i cittadini soprattutto con riguardo alla responsabilità medica, evitando quelle distorsioni dannose per l’intero sistema”, ha dichiarato Mascherin nel saluto ai rappresentanti della Federazione.

 
La presidente Chersevani, ringraziando il Consiglio per la calorosa accoglienza ricevuta, ha dichiarato di “riporre grandi aspettative in questa collaborazione. Stamattina nasce qualcosa di nuovo in un momento di grandi difficoltà che mette in crisi l’esercizio delle nostre professioni. Questo percorso - sono certa - permetterà alle persone che si affidano ad Avvocati e Medici di guardare al nostro lavoro con rinnovata fiducia. Avvocati e Medici devono recuperare il senso dell’esercizio delle loro professioni, affermando l’autonomia e la libertà nel rigoroso rispetto dei principi normativi e deontologici”.
 
Il presidente Mascherin ha indicato i prossimi passi: la sigla di un Protocollo d’intesa e l’avvio di un tavolo di lavoro comune sui temi che riguardano entrambe le professioni. 

22 gennaio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy