Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 17 DICEMBRE 2018
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Osteopati. Ecco il primo “manifesto” con i principi base della professione

Dopo il via libera in commissione Igiene e Sanità al Ddl che riconosce l’osteopatia come professione, il Registro degli osteopati italiani lancia il primo manifesto con i principi alla base della professione e gli elementi indispensabili per il suo esercizio. Un documento “a tutela di due milioni di italiani che ricorrono alle cure osteopatiche e di seimila osteopati italiani”. IL MANIFESTO

29 APR - Dopo un iter iniziato due anni fa, questa settimana è stato approvato dalla XII Commissione Sanità del Senato l’emendamento al Ddl Lorenzin della Senatrice Emilia De Biasi con cui si istituisce la professione sanitaria di osteopata in Italia.
 
“In questi due anni il ROI – Registro degli Osteopati d’Italia, l’Associazione più antica e rappresentativa in Italia, ha sempre sostenuto l’esigenza del riconoscimento dell’osteopatia come professione sanitaria, nell’interesse dei cittadini-pazienti e di tutti gli osteopati. E per sostenere ancora una volta l’importanza di fare chiarezza sulla professione, a tutela degli oltre due milioni di italiani che ogni anno ricorrono alle cure osteopatiche e dei seimila professionisti che la esercitano in Italia, il ROI ha redatto un “Manifesto” dell’osteopata in cui sono raccolti i principi alla base della professione e gli elementi indispensabili per il suo esercizio”. È quanto comunica il Roi in una nota.  
 
Il “Manifesto del ROI per una nuova professione” fa riferimento alla norma europea Osteopathic Healthcare Provision del Comitato Europeo di Normazione (CEN), alla cui stesura il ROI ha partecipato attivamente, e che ha “l’obiettivo di armonizzare in tutta Europa la professione dell’osteopata”. La norma definisce la professione e il trattamento osteopatico, le competenze per la pratica osteopatica e i requisiti formativi per l’esercizio della professione.


Il “Manifesto” individua quattro punti fondamentali.
Cos’è l’osteopatia L’osteopatia è una disciplina sanitaria indipendente di primo contatto. Il paziente può rivolgersi direttamente all’osteopata per la valutazione osteopatica, il trattamento e la cura. L'osteopatia è distinta dalle altre discipline dell'ambito sanitario che si avvalgono di tecniche manuali. L'osteopatia infatti interviene in tutte quelle condizioni cliniche in cui c’è un’alternazione della funzionalità della struttura, ma senza una lesione del tessuto o dell’organo stesso. Non interviene quindi nel recupero di mobilità persa in seguito a patologie neurologiche od ortopediche, traumi o interventi chirurgici, e non può quindi essere inserita tra gli interventi riabilitativi. È per questo complementare alle altre professioni sanitarie.
 
Cosa cura l’osteopata L’osteopata agisce principalmente sui disturbi associati alle malattie che causano alterazioni funzionali ad organi e apparati, ossia sulle disfunzioni somatiche. L’osteopata effettua interventi mirati a migliorare e conservare la salute.
 
L’osteopata:
- effettua una valutazione osteopatica
- raccoglie informazioni
- effettua il trattamento sul paziente
- predispone il piano terapeutico in funzione della disfunzione somatica individuata.
 
In particolare l’osteopata cura i disturbi strutturali e meccanici di tipo muscolo-scheletrico a cui possono associarsi alterazioni funzionali di organi, viscere e del sistema craniale. Disturbi come cervicalgie, lombalgie, sciatalgie, artrosi, discopatie, cefalee, dolori articolari e muscolari da traumi, alterazioni dell’equilibrio, nevralgie, stanchezza cronica, affezioni congestizie come otiti, sinusiti, disturbi ginecologici e digestivi possono essere risolti con l’osteopatia. L’osteopata può intervenire su persone di tutte le età, dal neonato all’anziano, dalla donna in gravidanza ai soggetti sportivi.
 
La formazione L’osteopatia deve acquisire la padronanza di un ampio bagaglio di conoscenze e competenze tecnicoscientifiche e deve essere in grado di integrare ed applicare tali conoscenze e competenze con una pratica clinica sicura ed efficace. Gli osteopati devono mantenere e sviluppare le conoscenze e le competenze relative al trattamento ed alla scienza dell'osteopatia mediante lo sviluppo professionale continuo.
 
Tutela dei cittadini Ai pazienti che scelgono il trattamento osteopatico deve essere garantita l'erogazione di servizi secondo criteri qualitativi e normativi uniformi, in quanto la tutela della salute è un fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività.

29 aprile 2016
© Riproduzione riservata


Allegati:

spacer Manifesto ROI

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy