Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 LUGLIO 2018
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Osservatorio violenza operatori sanitari. Lorenzin: “La prevenzione sia una priorità anche per chi prenderà il mio posto”. Anelli (Fnomceo): “Degrado strutture favorisce comportamenti violenti”

Costituito un Gruppo di Lavoro ristretto Ministero-Agenas che preparerà la bozza da condividere con le Federazioni degli Ordini. Anche le Regioni saranno richiamate alla necessità di una adeguata organizzazione del lavoro e al monitoraggio dei locali. Sarà poi attivato un indirizzo mail presso il Ministero della Salute al quale potranno essere inviate le segnalazioni degli eventi sentinella e delle condizioni di rischio. Infine, sarà attivata una campagna di Pubblicità progresso.

11 APR - Una sedia rotta, porte scardinate che non si chiudono, bagni sporchi e senza lavandini, sistemi di allarme e di sicurezza inesistenti. E poi, postazioni isolate, labirinti di stanze vuote o di cortili da superare per raggiungere i colleghi, spazi nei quali la tua solitudine risuona e ti porta a vedere chi bussa alla tua porta non solo come un paziente da accogliere e aiutare ma come un potenziale aggressore.

Sono storie di solitudine, di abbandono, ma anche fotografie di condizioni di lavoro indecorose e non sicure neppure per chi le cure le deve ricevere, figuriamoci per chi è chiamato a prestarle, quelle portate oggi alla seconda riunione dell’Osservatorio sulla violenza contro gli operatori sanitari insediato, su istanza della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), presso il Ministero della Salute.
 
A raccontare le loro drammatiche esperienze, portando la testimonianza di episodi vissuti sulla propria pelle, anche due dottoresse che hanno subito aggressioni mentre facevano il turno di guardia medica: Serafina Strano e Ombretta Silecchia. Guardia medica che – come è stato sottolineato – dovrebbe essere l’anello forte della catena dell’assistenza sanitaria, a metà tra il 118 e il Medico di Medicina Generale. Guardia medica che, se non si prendono provvedimenti urgenti ed efficaci, rischia invece di scomparire, o di essere vicariata, almeno nelle ore notturne, dallo stesso 118.


“Il servizio deve essere qualificato, svolto in una sede idonea, attrezzata con gli strumenti e i farmaci necessari e soprattutto a norma di sicurezza – ha affermato il Presidente della Fnomceo Filippo Anelli - . Ne va dell’autorevolezza stessa del medico: se il paziente viene ricevuto in una sede non decorosa, si sente quasi legittimato a trattare il medico come parte di quel contesto, alla stregua di un arredo rovinato o di una macchina che non funziona. Per questo ringraziamo ancora il Ministro per l’istituzione dell’Osservatorio e condividiamo le proposte lanciate oggi dal Ministero e da Agenas sull’implementazione del monitoraggio delle sedi”.

Eppure le norme ci sono, anche se restano spesso disattese o applicate a macchia di leopardo: la legge 81 del 2008, in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, e i relativi aggiornamenti, oltre alla raccomandazione del Ministero della Salute n° 8 del 2007 ‘per prevenire gli atti di violenza a danno degli operatori sanitari’.

Il primo atto del Ministero a seguito dell’insediamento dell’Osservatorio è stato proprio quello di inviare, il 26 marzo scorso, una comunicazione ufficiale a tutti gli assessori alla Sanità delle Regioni e province autonome – e per conoscenza al Direttore dell’Agenas Francesco Bevere – per chiedere loro di implementare il monitoraggio sulla sicurezza delle sedi e sugli episodi di violenza, considerati ‘eventi sentinella’ per una corretta gestione e prevenzione del rischio. Da Agenas, e in particolare dalla Commissione Ecm, è invece partita la delibera che permetterà di fare formazione accreditata Ecm sulla prevenzione della violenza.

Prossimo passo, l’aggiornamento delle raccomandazioni stesse: è stato costituito un Gruppo di Lavoro ristretto Ministero-Agenas che preparerà la bozza da condividere con le Federazioni degli Ordini. Sarà inoltre inviato una seconda comunicazione formale, questa volta alle Regioni, per richiamare la loro attenzione sulla necessità di una adeguata organizzazione del lavoro e sul monitoraggio dei locali e far comprendere che la sicurezza non può non essere una priorità. Sarà poi attivato un indirizzo mail presso il Ministero della Salute al quale potranno essere inviate le segnalazioni degli eventi sentinella e delle condizioni di rischio, ai fini di un monitoraggio: la segnalazione non sostituirà in alcun modo l’eventuale denuncia alle autorità. Infine, sarà attivata una campagna di Pubblicità progresso con spot TV sulla tematica.

“Grazie a tutti voi di essere qui – ha affermato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin – a lavorare insieme su queste tematiche così importanti. Andiamo avanti: ci sarà chi prenderà il mio posto, lascio nelle loro mani l’Osservatorio. In ogni caso, quello della prevenzione della violenza su tutti i luoghi di lavoro - non solo quelli della nostra sanità - e contro tutte le donne, deve essere una priorità di governo”.

11 aprile 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy