Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 17 DICEMBRE 2018
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Risonanze magnetiche. Tar sospende decreto del Ministero della Salute su nuovi standard

Con un’ordinanza il Tribunale amministrativo ha sospeso il provvedimento (che era entrato in vigore lo scorso 9 novembre) che disciplina gli aspetti relativi alla messa in esercizio dell'apparecchiatura di risonanza magnetica. Accolta la richiesta dell’azienda Esaote. L’udienza per la trattazione nel merito è fissata per il 29 gennaio 2019. Beux (Tsrm): "Non sciupare occasione sospensiva per rilettura decreto". L’ORDINANZA

15 NOV - Con un’ordinanza pubblicata il 14 novembre 2018 il TAR Lazio ha sospeso il Decreto del Ministero della Salute del 10 agosto 2018 entrato in vigore il 9 novembre scorso sulla Determinazione degli standard di sicurezza e impiego per le apparecchiature a risonanza magnetica. Il ricorso avverso il provvedimento è stato presentato da Esaote S.p.A. azienda italiana con sede a Genova che opera nel settore biomedicale, e che si occupa di progettazione, produzione, vendita e manutenzione di apparecchiature per la diagnostica medica. Per il Tar, che ha fissato l’udienza per la trattazione nel merito il prossimo 29 gennaio, “l’Amministrazione non ha in alcun modo evidenziato problemi concernenti la salute pubblica in relazione all’utilizzo dei macchinari della ricorrente per le parti anatomiche non ricomprese nel gravato provvedimento”.
 
Una delle prime dichiarazioni è stata quella del Presidente della Federazione dei TSRM Alessandro Beux (che avevano criticato il decreto) che ha auspicato di “non sciupare l’occasione della sospensiva per una rilettura del Decreto prestando una attenzioni alle riflessioni e considerazioni avanzate dai professionisti tecnici di radiologia nei documenti inviati da settembre scorso al Ministero della Salute. I TSRM sono formati, qualificati e preposti a svolgere tutti gli interventi che richiedono l’uso di risonanza magnetica all’interno del sito RM, anche considerato che la gestione del rischio clinico è un processo che richiede un approccio strutturato e sistemico nel gestire l’incertezza, ha precisato Beux, in quanto i problemi legati alla sicurezza dei trattamenti medici devono essere affrontati con una logica di squadra. La prestazione di risonanza magnetica coinvolge diverse figure professionali (in particolar modo il medico ed il TSRM) inserendosi nell’ambito delle prestazioni di équipe, caratterizzate dalla contestualità degli interventi e da una serie di atti consequenziali”.

15 novembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy