Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 16 SETTEMBRE 2021
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Enpav. I ministeri bocciano le modifiche allo Statuto e al Regolamento elettorale

di C. Intersimone, M. Venza e altri

26 MAG - Gentile Direttore,
con la presente vogliamo rende nota la bocciatura dei Ministeri vigilanti del Lavoro e dell’Economia in merito alle proposte di modifica dello Statuto e del regolamento elettorale dell’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Veterinari (ENPAV). I ministeri, pochi mesi dopo il via libera dato, il 25 luglio 2020, dall’Assemblea dei Delegati provinciali con il voto contrario di circa un terzo dei presenti (fra i quali i firmatari di questo documento), hanno fatto recapitare all’Ente i propri rilievi (vedi nota allegata) bocciando, senza mezzi termini, una parte sostanziale delle modifiche proposte, ritenendole sostanzialmente inopportune. Richiami, questi, che rimettono in discussione il progetto di modifica, mentre si avvicinano le prossime votazioni, programmate per il mese di aprile 2022.

I campanelli di allarme dei ministeri riguardano soprattutto la proposta di estensione dei mandati dei rappresentanti degli Organi, nonché la decisione dell’Ente di giocare le partite elettorali su liste contrapposte per poi attribuire tutti i posti di membro del Consiglio di Amministrazione e del Collegio sindacale ai soli candidati presenti nella lista maggioritaria. Insomma, chi vince, prende tutto.


Entrando nel dettaglio delle contestazioni, i primi dubbi dei ministeriali rispetto alle proposte di modifica dello Statuto arrivano con l’articolo 10, in materia, appunto, di durata delle cariche e rinnovo dei mandati degli Organi degli Enti. In particolare, al comma 1 dell’articolo, la nuova versione dello Statuto prevede che “I componenti l’Assemblea Nazionale dei Delegati durano in carica cinque anni e sono eleggibili nella medesima carica per non più di quattro mandati anche se non consecutivi”. In pratica viene aumentato da tre a quattro il numero dei mandati elettorali quinquennali espletabili “nella medesima carica” da ciascun componente dell’Assemblea Nazionale dei Delegati, per un periodo potenziale di 20 anni nella stessa carica, salvo eventuale ulteriore periodo quale componente di altro organo statutario.

Una modifica bocciata dal ministero del Lavoro che, acquisito il parere del Mef, rileva come “l’aumento del numero dei mandati dell’Assemblea si muove in   direzione opposta rispetto alla necessità di evitare il consolidamento (in questo caso pluridecennale) di posizioni di potere e garantire il necessario ricambio generazionale e l’avvicendamento democratico nelle cariche”.

Il covigilante Ministero dell’Economia non usa mezzi termini nel segnalare come la proposta appaia, in poche parole, “una decisione degli organi attuali, sostanzialmente, in favore di un prolungamento delle proprie cariche”.

Discorso simile per gli articoli 13, 21, 24 e 26, che stabiliscono l’aumento del numero dei mandati quinquennali, da due a tre, per i membri del Consiglio di Amministrazione, per quelli del Collegio sindacale, per il Presidente e per il Vice Presidente, pur con la precisazione “anche se non consecutivi”. La scure dei ministeri si abbatte poi sull’articolo 12 in materia di norme per l’elezione del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale, del Presidente. In particolare, per il Ministero del Lavoro le liste contrapposte e la previsione, contenuta nell’ultimo periodo del comma 3 (“Le elezioni si considerano valide anche nel caso di presentazione di una sola lista, ove questa abbia raggiunto il 50% più uno dei voti spettanti”), non garantirebbero una maggiore partecipazione e quindi il pluralismo nella rappresentanza degli  interessi della categoria.

Non solo. L’art. 12 al comma 4 prevede che ad essere eletti Presidente, componenti del Consiglio di Amministrazione, Sindaci effettivi e Sindaci supplenti, siano “i candidati facenti parte della lista che ha ottenuto il maggior numero di voti e che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze per le rispettive cariche, nel rispetto della rappresentatività delle componenti veterinarie libero professionale e pubblica”.  Ipotesi bocciata senza possibilità di appello dai ministeri. Perché, osservano Lavoro e Mef, con le nuove norme, il Consiglio di Amministrazione e il Collegio sindacale diventerebbero, in pratica, espressione di un’unica lista elettorale - la maggioritaria, appunto. In questo modo non sarebbe evidentemente garantita alcuna rappresentanza alle minoranze.

Quanto all’elezione del vice presidente, il comma 7 dello stesso articolo prevede che sia “il Consiglio di Amministrazione nella prima riunione successiva alla sua proclamazione elegge tra i suoi componenti, con la maggioranza semplice dei voti, il Vice Presidente ed il componente del  Comitato Esecutivo”. Ma è evidente che così anche il Vice Presidente non sarebbe espressione dell’Assemblea, bensì del solo CdA che lo elegge a maggioranza semplice e che, ricordiamo, sarebbe a sua volta composto solo da membri della lista vincitrice: un'ulteriore rafforzamento del concetto del “chi vince prende tutto”, senza alcuna possibilità di contraddittorio.

Dai ministeri arriva anche il no all’estensione dei casi in cui spetta ai rappresentanti degli organi l’indennità di presenza. Se il vecchio Statuto attribuisce questa possibilità per “ciascuna riunione dei rispettivi Organi di appartenenza, nonché per la partecipazione alle riunioni convocate per singole zone territoriali per il tramite degli Ordini professionali”, le modifiche proposte estenderebbero l’indennità ad ulteriori cinque casi:

a) per la partecipazione alle giornate di formazione organizzate per gli studenti dei Dipartimenti di Medicina Veterinaria;

b) per la partecipazione alle riunioni di altre Associazioni e Organismi alle quali i componenti degli Organi dell’Ente prendono parte in rappresentanza dell’ENPAV, ove non sia già prevista la corresponsione di un’indennità di presenza da parte di dette Associazioni e Organismi;

c) per la partecipazione ai Congressi di Categoria individuati di volta in volta dal Consiglio di Amministrazione;

d) per la partecipazione ad altri Congressi, per i quali sia stata richiesta la presenza di un componente di un Organo in qualità di relatore;

e) per la partecipazione a giornate di formazione e aggiornamento su temi di tipo economico- finanziario e previdenziale e comunque attinenti l’attività dell’Ente.  
 Per il Mef una proposta che non può essere ritenuta assentibile in quanto “la proposta di estendere l’indennità di presenza agli ulteriori casi quali quelli elencati dalla lettera a), lettera d), ed alla lettera e) ... oltre a comportare ulteriori costi per l’ente, appare ascrivibile a motivazioni di carattere non necessario ai fini istituzionali dell’Ente”.

Infine, no dei ministeri al comma 4 dell’articolo 34 che prevede: “Per coloro che sono in carica alla data di entrata in vigore delle modifiche allo Statuto deliberate dall’Assemblea Nazionale dei Delegati del 25 luglio 2020, il computo del numero di mandati di cui ai precedenti articoli 10, 13, 21, 24 e 26 si effettua dal mandato in cui è stato introdotto nello Statuto per la prima volta il limite stesso dei mandati nella medesima carica, ossia dalle elezioni relative al mandato 2012/2017”. In pratica, in base a questa norma, il computo dei mandati per gli organi in carica decorrerebbe dal 2012/2017. E dunque coloro che sono in carica alla data di entrata in vigore delle modifiche allo Statuto, sono al contempo i destinatari delle disposizioni che ampliano il numero dei mandati. Una proposta che il Ministero del Lavoro definisce “irragionevole e solo strumentale al prolungamento del mandato di coloro che siedono attualmente nelle cariche dell’ente”.


Carmelo Intersimone
delegato ENPAV Udine
 
Massimo Venza
delegato ENPAV Messina

Cosimo De Vita

delegato ENPAV Taranto

Maurizio Sciuto

delegato ENPAV Enna

Massimo Campagna

delegato ENPAV di Latina

Franco Bitossi

delegato ENPAV Forlì-Cesena

Mario Bruno

delegato ENPAV Trapani

Ignazio Sudano

delegato ENPAV Ragusa

Fabio Negretto

Delegato ENPAV Venezia

Donatella Beer

delegato ENPAV Verbano Cusio Ossola

Paolo Guida

delegato ENPAV Ferrara

Davide D’Ambrosi

delegato ENPAV Reggio Calabria

Francesco De Miccolis Angelini

delegato ENPAV Bari

Diego Fabris

delegato ENPAV Vicenza

Alberto Brizzi

delegato ENPAV Parma

Manuela Pasquali

delegato ENPAV Aquila

Romina Di Costanzo

delegato ENPAV Teramo

Giuseppe Torzi

delegato ENPAV Chieti 1

Andrea Puce

delegato ENPAV Lecce

Luigi Morena

delegato ENPAV Salerno

Angelo Raffaele Lanza

delegato ENPAV Avellino

Marco Betti

delegato ENPAV Siena

Piero Zizzi

delegato ENPAV Brindisi

26 maggio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy