Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 26 NOVEMBRE 2022
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Sara Pedri, lo stress dei medici e il convitato di pietra

di Biagio Papotto

27 LUG - Gentile Direttore,
la recente notizia della collega scomparsa a Trento, dopo le riportate condizioni di insostenibile stress (che peraltro pare abbiano interessato plurimi casi, stante il dato - davvero preoccupante - del numero delle dimissioni in un breve lasso di tempo tra i professionisti di quell’azienda) è solo l’ultima dimostrazione di come i medici (e i dipendenti della sanità in generale) siano costretti a lavorare e di quanto - purtroppo - le condizioni si siano fatte ormai intollerabili.
 
Chi pensasse all’emergenza Covid, o alla carenza cronica di borse di specializzazione, alla scarsa appetibilità del lavoro pubblico in Italia…non avrebbe svelato se non solo in parte quella che è la verità. La pandemia non ha fatto altro se non “scoperchiare il vaso” e mostrare in modo evidente quel che la Cisl Medici aveva sempre sostenuto.

I medici in ospedale sono pochi, mal pagati, sovra-utilizzati, con strumenti spesso fatiscenti e strutture organizzative non adeguate, ma questi sono discorsi di merito. Potremmo approfondirli ad uno ad uno, ma non riusciremmo a risolvere contestualmente quella che è la causa reale: una gestione politica che, riforma dopo riforma, si è impadronita di un ganglio vitale della società e ne soffoca in ogni modo la vita. Anche in modo non figurato, come si è purtroppo visto.
E nessuno creda che il fatto di cronaca riguardi solo la collega scomparsa e/o la realtà dove lavorava.
Si badi bene: si potrebbe miopemente mettersi a discutere se questa o quella regione siano o meno virtuose (e non stiamo scrivendo solo di calcoli economici, ma anche di buone pratiche di lavoro), ma non ci prestiamo ad allinearci ad un errore macroscopico di prospettiva: è esattamente il sistema di 20 diversi servizi sanitari la causa principale di quanto avviene.

Assistiamo a veri e propri “viaggi della speranza” con persone costrette a migrare per avere quelle cure che nel proprio territorio sono difficili o addirittura impossibili da avere. Allo stesso modo, ma non necessariamente in via direttamente parallela, vediamo anche mobilità di medici, forzati a “cercar fortuna altrove”, dato che nella loro azienda non trovano spazi, occasioni, rapporti umani e professionali di livello adeguato. Il tutto si acuisce nei confronti delle colleghe donne.

In cima a questa piramide dello scontento siede - appunto - quello che possiamo acconciamente definire “il convitato di pietra”, cioè la politica nella sua immagine peggiore, fatta di promesse e di prebende, di calcoli e di mire elettorali. E - soprattutto - di risparmi forzosi.
Non è di interesse di alcuno verificare se poi gli amministratori politici si fanno curare rispettando le liste di attesa nelle aziende che amministrano, accettando come i comuni cittadini il medico che tocca loro in sorte, oppure più probabilmente possono permettersi di infischiarsene e scegliere la clinica e il professionista che preferiscono. La curiosità sarebbe legittima, ma non aggiungerebbe alcunché al tema.
La CISL Medici vuole che “tutti” i cittadini, come recita la ns. bellissima Costituzione, siano uguali, di fronte alla legge e di fronte alla malattia, e il suo mai troppo apprezzato art. 32 deve essere rispettato e applicato alla lettera, assicurando cure degne di un Paese civile ad ogni contribuente e ad ogni indigente.
 
Lo abbiamo già scritto: vorremmo che i ns. medici, che hanno formazione e capacità di prim’ordine, fossero gestiti da politici di levatura almeno pari.
Perché il terribile evento che ci ha colpiti in questi giorni, con l’ennesima vittima dello stress e della prepotenza nelle corsie non svanisse dietro vacue parole di circostanza. Non vogliamo colpevoli solo per poi dimenticare il problema, perché sappiamo che - al di là dello scorretto atteggiamento di qualcuno (e su questo indagheranno gli organi competenti) - lo stress non è una prerogativa dei giovani colleghi. Noi vogliamo ambienti sereni perché il problema non si possa ripresentare.
 
Come CISL Medici abbiamo detto e scritto con chiarezza che le somme disponibili per il Pnrr non sono del tutto sufficienti e ancor di più abbiamo rivendicato un ruolo da co-protagonisti per individuare con certezza le priorità e vigilare che non un solo centesimo sia speso in modo sbagliato o peggio truffaldino.
Lo dobbiamo a tutti i colleghi e a tutti gli italiani.
 
Biagio Papotto
Segretario nazionale Cisl Medici
 

27 luglio 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy