Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 31 AGOSTO 2016
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Esclusiva. Addio Opg. La mappa a quattro giorni dalla chiusura. La maggior parte delle Regioni è pronta. Piemonte e Campania quelle più in affanno. E il Veneto va per conto suo

La situazione è in pieno movimento. E a regime ci saranno 34 strutture e 795 letti alternativi ai vecchi ospedali psichiatrici giudiziari. Non tutte le Regioni sono attive per lascadenza del 31 marzo quando è previsto che gli Opg debbano chiudere i battenti. In molte realtà la data sarà rispettata alla lettera. In altre situazioni l’apertura delle Rems slitterà anche fino a settembre come nel caso del Piemonte. E il Veneto sceglie un'altra via. Tutti i dati di Stop Opg.

27 MAR - Stavolta ci siamo. L’ennesima proroga, temutissima dagli addetti ai lavori, non ci dovrebbe proprio essere e il 31 marzo gli Opg finiranno di esistere. Almeno per legge. Come si può vedere dalla tabella che pubblichiamo in esclusiva, “elaborata con dati non completi né definitivi” - precisa però l’associazione Stop Opg che ha effettuato l’indagine e che fin dall’inizio della battaglia è stata in prima linea per la dismissione degli ospedali psichiatri giudiziari - non tutte le Regioni sono pronte a rispettare alla lettera la scadenza. Ma il processo è ormai effettivamente partito e anche laddove non troveremo chiusi i portoni dell’Opg dal 1 aprile, sono già state indicate date precise per l’apertura delle strutture alternative. Che, quando tutto sarà finito, saranno 34 con 795 posto letto in tutta Italia.
 
Restano le maglie nere del Veneto, che non ha ancora fatto nulla, ma volontariamente, esprimendo tutta la sua reticenza nei confronti dell’alternativa all’Opg con una linea che la Cgil definisce “pre riforma Basaglia” (accuse respinte dall’assessore Coletto, come riportiamo più avanti) e poi di Piemonte e Calabria in evidente ritardo.

 
Ma come già diceva ieri Stefano Cecconi, leader di Stop Opg "non è accettabile né giustificabile una proroga alla chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Per questo se necessario, come previsto in modo chiaro dalla legge, il governo può commissariare le Regioni che, a pochi giorni dalla scadenza del 31 marzo, non sono ancora pronte ad accogliere i propri cittadini internati. Non sarebbe una punizione ma un atto di responsabilità, visto che in molte realtà sono state trovate soluzioni, seppur transitorie".
 
Del resto lo stesso Cecconi è pronto a sottolineare che  "ritardi, incongruenze e difficoltà sono fisiologiche per una riforma di questa portata ma non la possono fermare. Serve una forte regia nazionale per attuare la legge 81/2014, norma che- spiega concludendo il dirigente sindacale- ha spostato il baricentro degli interventi per il superamento degli OPG dalle strutture (le Rems) ai percorsi di cura e inclusione sociale per ogni persona"
Ed oggi, a ormai solo 4 giorni dal 31marzo, per Cecconi, “se davvero, si rispetterà la scadenza per la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, come pare finalmente senza proroghe, il nostro Paese compie un altro passo in avanti per affermare diritti e cittadinanza. Ma non basta chiudere gli OPG, come non bastò chiudere i manicomi, bisogna investire nei servizi del welfare, nel lavoro delle operatrici e degli operatori, nel volontariato e nella partecipazione, per costruire nelle nostre comunità risposte concrete al diritto alla cura, alla salute e all’inclusione sociale”.  
 
Ma vediamo come stanno le cose, regione per regione secondo i dati raccolti da Stop Opg.
 
Regioni con strutture alternative all’Opg già attive o pronte ad aprire il 1 aprile 2015
Provincia di Bolzano già attiva dal 1 gennaio 2014 la Rems (Residenza per l’esecuzione di misure di sicurezza detentiva) di San Isidoro con una dotazione da 2 a 6 letti.
 
Valle d’Aosta e Lombardia dove dal 1 aprile 2015 sarà aperta la Rems di Castiglione delle Stiviere (presso ex Opg) con una dotazione di 160 posti.
 
Liguria che dal 1 aprile si appoggierà in via transitoria alla Rems di Castiglione delle Stiviere che riserverà 10 posti per i detenuti liguri.
 
Toscana dove sono già attive due Rems, una presso l’Area vasta centro (Usl 10 di Firenze) e l’altra presso l’Area vasta nord ovest (Usl 1 di Massa), rispettivamente con 8 e 10 posti.
Sempre in Toscana, dal 1 aprile aprirà un’altra Rems presso l’Area vasta nord ovest (Usl 5 di Pisa) con 12 posti.
E poi, dal 1 aprile, attiva un’altra Rems nell’Area Vasta centro (Usl 10 di Firenze) con altri 10 posti.
 
Più in ritardo rispetto alla scadenza è invece l’apertura di un’altra Rems che servirà anche l’Umbria prevista tra il 15 aprile e il 31 maggio a Careggi, presso l’Usl 10 di Firenze con 20 posti.
 
E per chiudere con la Toscana è prevista infine l’apertura di di altri due moduli in residenze sanitarie il 1 ottobre. Le strutture si collocheranno una ad Abbadia San Salvatore (SI) con 4 letti e l’altra ad Arezzo con altri 4 letti.
 
Lazio dove il 1 aprile apriranno 2 Rems afferenti alla Asl RMG, una a Subiaco e una a Palombara Sabina con, rispettivamente, 20 e 40 posti maschili.
Ancora nel Lazio, in provincia di Frosinone, dal 1 aprile al via altre 2 Rems a Ceccano e Pontecorvo con 20 posti per maschi, la prima, e 11 per femmine la seconda.
 
Abruzzo e Molise, programmata per il 30 marzo l’apertura temporanea di una Rems presso il Comune di Guardiagrele (CH) con 4 degenze da 4 posti letto e 2 da 1 posto letto.Ma si è in attesa della sentenza del Tar che non arriverà prima del 31 marzo.
 
Campania dove dal 1 aprile apriranno 3 Rems di cui una struttura intermedia residenziale in località Statigliano (Asl CE) con 20 posti. Sempre nel territorio dell’Asl di Caserta ci saranno 8 posti letto dedicati presso la Rsa di Mondragone. Infine aprirà la struttura intermedia residenziale di Bisaccia (Asl Avellino) con una dotazione di 10 posti letto dedicati.
 
In ritardo rispetto alla scadenza, invece, sempre in Campania, l’apertura di una Rems a San Nicola Baronia, (AV) prevista per il 31 maggio con 20 posti e un’altra a Calvi Risorta (CE) prevista per il 31 di agosto con 20 posti.
 
Basilicata dove il 31 marzo apre la Rems nella frazione di Tinchi (Comune di Pisticci) con 10 posti letto.
 
Sicilia dove il 1 aprile sono pronte a partire 2 Rems a Caltagirone (CT) e Naso (ME), entrambe con 20 posti ciascuna.
 
Sardegna dove il 31 marzo aprirà in via temporanea una porzione della struttura Rsa di Capoterra (CA), di proprietà dell’Asl 8 di Cagliari con 2 moduli di 8 posti letto.
 
Le Regioni in ritardo ma con aperture programmate entro il 2015
La prima regione a recuperare il ritardo saranno le Marche dove il 15 aprile apre la residenza di Montegrimano Terme (Provincia di Pesaro e Urbino) con 16 posti.
 
Seguirà il Friuli Venezia Giulia che il 4 maggio ha programmato l’apertura di 2 Rems unha a Duino Aresina (Trieste) con 2 posti e l’altra a Maniago (Pordenone) con altri 2 posti.
 
In Puglia, invece, la prima Rems aprirà il 30 maggio a Spinazzola (BAT) con 20 posti.
 
Il 1 luglio è invece prevista l’apertura di una Rems a Trento con 4 posti e di un’altra Rems in Calabria a santa Sofia Epiro (CS) con 20 posti.
 
In Piemonte si dovrà aspettare fino al 1 settembre quando è prevista l’apertura di 2 strutture, una a Grugliasco (TO) con 20 posti e l’altra a Biella con 15 posti.
 
Il caso Veneto. “Il Veneto è serio, non inadempiente. Noi i malati di mente giudicati pericolosi non li metteremo in dei lager improvvisati e insicuri, per rispetto della loro dignità e per la tranquillità sociale dei territori. Non si dimentichi che stiamo parlando di ‘Rems’, Residenze per l’Esecuzione della Misura di Sicurezza Sanitaria, provvisorie. Se il Governo vuole soluzioni tipo quelle di alcuni residui manicomiali tristemente assurti agli onori della cronaca anche recentemente, faccia pure. Se ne assumerà tutte le responsabilità”.

Così l’Assessore regionale alla Sanità del Veneto Luca Coletto commentava pochi giorni fa il ritardo del Veneto rispetto alla scadenza del 31 marzo, aggiungendo che “Il Veneto ha già individuato la sede e il progetto per la realizzazione di una nuova struttura definitiva con tutte le caratteristiche necessarie di sicurezza e di umanità, e questo il Governo lo deve sapere bene”.

“Nel frattempo – concludeva l’Assessore – soluzioni raffazzonate costituirebbero solo un’offesa a malati e ai territori. Strutture anche solo lontanamente rispondenti a caratteristiche pur minimali di sicurezza, accoglienza e umanità da usare provvisoriamente in Veneto non ce ne sono. Il Veneto non è inadempiente, è semplicemente contrario alle cose improvvisate e quindi ad alto rischio di essere fatte male”.
 

REGIONI


SEDE REMS

DATA PRESUNTA ATTIVAZIONE

POSTI


Piemonte

Grugliasco (TO)
Biella (BI)

01/09/2015??

Grugliasco: 20
Biella: 15


V. D'Aosta

Castiglione delle Stiviere (ex Opg !)

01/04/2015

160


Lombardia

P.A. Bolzano

S. Isidoro

Attiva dal 01/01/2014

da 2 a 6


P.A. Trento

Polo della riabilitazione di Pergine (TN)

01/07/2015

4


Veneto

 

 

 


F. Venezia Giulia

Duino Aurisina (TS)
Maniago (PN)

04/05/2015

Struttura di Duino Aurisina (TS): 2
Struttura di Maniago (PN): 2
(in gestione provvisoria)


Liguria

Castiglione delle Stiviere (transitoriamente)

01/04/2015

10


E. Romagna

Bologna:
Parma:

01/04/2015

Bologna: 14
Parma: 10


Toscana

Area Vasta Centro – Azienda USL 10 di Firenze - Residenza sanitaria … di Firenze (FI)

già attiva

8


Area Vasta Nord Ovest – Azienda USL 1 di Massa - Residenza sanitaria … di Aulla (MS)

già attiva

10


Area Vasta Nord Ovest – Azienda USL 5 di Pisa - Residenza sanitaria … c/o Ospedale di Volterra (PI)

01/04/2015

12


Area Vasta Sud Est – Azienda USL 7 di Siena – Modulo in residenza sanitaria … Abbadia S.Salvatore (SI)

01/10/2015

4


Area Vasta Sud Est – Azienda USL 8 di Arezzo – Modulo in residenza sanitaria aziendale Arezzo (AR)

01/10/2015

4


Area Vasta Centro – Azienda USL 10 di Firenze - Residenza “…” Firenze (FI)

01/04/2015

10


Toscana-Umbria

Azienda USL 10 di Firenze – Struttura sanitaria … Careggi - Firenze (FI)

15 aprile/31 maggio 2015

20


Marche

Montegrimano Terme PU.

15/04/2015

12 + 4


Lazio

Palombara Sabina (RMG)
Subiaco (RMG) Ospedale Angelucci …
Ceccano (FR) Borgo Santa Lucia …"
Pontecorvo ex SPDC (FR)

01/04/2015

Palombara Sabina (RMG): 40 p.l. per maschi
Subiaco (RMG): 20 p.l. per maschi
Ceccano (FR): 20 p.l. per maschi
Pontecorvo ex SPDC (FR): 11 p.l. per femmine


Abruzzo

Allocazione temporanea: Comune di Guardiagrele (CH) presso ex Unità pschiatrica del P.O…

Attivazione programmata per il 30/03/2015. Per la data di effettiva attivazione in attesa sentenza Tar

N. 4 degenze da 4 p.l. e N. 2 degenze da 1 p.l.


Molise

Campania

Struttura Intermedia Residenziale di … loc. Statigliano ASL CE (intera struttura)
RSA … ASL CE (parte di struttura attiva)
Struttura Intermedia Residenziale di Bisaccia ASL AV (parte di struttura attiva)

01/04/2015

Struttura Intermedia Residenziale di …loc. Statigliano ASL CE: 20
RSA Mondragone ASL CE: 8 p.l. dedicati
Struttura Intermedia Residenziale di Bisaccia ASL AV: 10 p.l. dedicati


San Nicola Baronia (AV)
Calvi Risorta (CE)

San Nicola Baronia: 31/05/2015
Calvi Risorta: 31/08/2015

San Nicola Baronia : 20
Calvi Risorta: 20
 


Puglia

Spinazzola

30/05/2015

20


Basilicata

Tinchi (Comune di Pisticci)

31/03/2015

5 + 5


Calabria

S. Sofia Epiro CS (già individuata come residenza post-REMS)

01/07/2015

20


Sicilia

Caltagirone (CT)
Naso (ME)

01/04/2015

Caltagirone: 20
Naso: 20


Sardegna

Per assicurare il rispetto del termine del 31 marzo 2015 è stata individuata…, un’analoga struttura temporanea costituita da una porzione della struttura denominata RSA di Capoterra (CA) di proprietà della ASL n. 8 di Cagliari

31 marzo 2015

due moduli di n. 8 posti letto ….gestione ASL n. 6 di Sanluri ospiti saranno trasferiti, successivamente, presso la struttura definitiva … nel territorio di competenza ASL n. 6



Fonte: Stop Opg

27 marzo 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy