Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 21 AGOSTO 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Conferenza delle Regioni. Sergio Venturi è il nuovo Presidente del Comitato di settore

Sarà l’assessore alla sanità della regione Emilia Romagna a guidare l’organismo responsabile dei contratti del personale sanitario. Una nomina che scongiura il blocco dell’accordo raggiunto tra Sisac e sindacati del personale convenzionato. Venturi: “Garavaglia ha fatto un ottimo lavoro e ora lo porteremo a compimento. Dobbiamo ritrovare con i medici una rinnovata partecipazione”

19 APR - Cambio della guardia al Comitato di Settore dalla Lombardia all’Emilia Romagna. Alla guida dell’organismo responsabile dei contratti del personale sanitario è stato nominato l’assessore emiliano alla sanità Sergio Venturi che raccoglie il testimone da Massimo Garavaglia, ex assessore all’Economia della regione del Nord.
 
Una nomina, attesissima da tutto il personale sanitario che scongiura un temuto blocco degli iter previsti dando quindi il via libera alla trasmissione degli atti alla Corte dei conti incaricata di esaminare contratto e convenzioni.
 
Insomma, rispetto alle varie opzioni che circolavano ieri tra gli addetti ai lavori (e che andavano dalla possibilità che la guida del Comitato di settore potesse rimanere alla Regione Lombardia, come peraltro auspicava lo stesso Garavaglia, a quella di temporeggiare attendendo l’esito delle elezioni in Molise e in Friuli Venezia Giulia, fino alla possibile nomina di un “facente funzioni” che evitasse un empasse sui contratti) ha prevalso non solo la necessità di garantire il prosieguo dei rinnovi contrattuali, ma anche quella di passare le redini del Comitato di settore a un assessore di comprovata esperienza (Venturi è già membro del Comitato di settore).

 
“Garavaglia ha fatto un ottimo lavoro e ora c’è bisogno di portarlo a compimento – ha dichiarato il neo presidente a Quotidiano Sanità – il percorso è in una fase avanzata, c’è solo la necessità di una definizione finale anche nei particolari. Un’attesa questa, durata dieci anni sia per i medici dipendenti che per i convenzionati. E finalmente il momento è arrivato. Ora bisogna stringere con i medici un nuovo patto. È evidente che il Ssn si regge sul lavoro di persone che in questo arco temporale non hanno avuto molti argomenti per consolidare la loro fidelizzazione. I nuovi contratti non sono tutto – ha aggiunto –, ma sicuramente sono una buona cosa insieme al fatto che dobbiamo ritrovare con i professionisti una rinnovata partecipazione per renderli protagonisti di quello che fanno, anche nelle scelte di programmazione”.
 
Per quanto riguarda il rinnovo dei contratti della dipendenza del Ssn “anche se non spetta a noi portare avanti direttamente le trattative – ha concluso Venturi – parleremo con il presidente di Aran e ragioneremo con i sindacati. Sicuramente ci metteremo del nostro per fare in modo che anche questa partita contrattuale si chiuda il più rapidamente possibile per passare poi al tema delle contrattazioni regionali”.

Per quanto concerne invece la composizione dei membri del Comitato di Settore, non è esclusa la possibilita che alcune Regioni (Sicilia e Veneto in particolare) possano chiederne a stretto giro una revisione.

19 aprile 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy