Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 02 APRILE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Guerrini (Neuropsichiatra): “L’importanza della vitamina D nei bambini”

18 OTT - Intervento Renzo Guerrini, professore Ordinario di Neuropsichiatria Infantile Università di Firenze Direttore della Uoc di Neurologia Pediatrica presso l’AOU Meyer di Firenze

La vitamina D è può essere necessaria a tutte le età, ma sicuramente può esserlo maggiormente in chi, come i bambini, sta costruendo il proprio scheletro. Basta pensare che, quando ancora non si conosceva la vitamina D, una delle patologie più osservate era il rachitismo. Malattia frequente in larghe fasce della popolazione infantile in un’epoca in cui la nutrizione era inadeguata. Il quadro del rachitismo, con le sue deformità scheletriche è, infatti, riscontrabile in chi ha sofferto di carenza di vitamina D da bambino. In questi casi, l’adulto presenta osteomalacia, un rammollimento dello scheletro che non si deforma essendo già formato, ma che diventa più fragile con un maggiore rischio di frattura anche per traumi lievi o, in casi estremi, anche in assenza di traumi.

È allora sui bambini che dobbiamo concentrare la massima attenzione. La supplementazione con vitamina D nel nostro Paese viene fatta nel primo anno di vita, mentre in altri Paesi, come ad esempio la Svizzera, è somministrata anche durante l’infanzia.


È poi particolarmente raccomandabile seguire i bambini che hanno un potenziale deficit di metabolismo della vitamina D, gli epatopatici, i nefropatici. Così come occorre prestare attenzione ai bambini sottoposti a terapie con farmaci antiepilettici, in quanto alcune di queste molecole, importanti per il controllo delle crisi epilettiche, possono causare un incremento della clearance della vitamina D, ma possono anche avere un effetto diretto sulle cellule del tessuto osseo. In questi casi è opportuno trattare i bambini con calcifediolo. A rischio di carenza di demineralizzazione ossea sono inoltre i bambini affetti da gravi encefalopatie che riducono l’attività motoria. In questi casi, la somministrazione di calcifediolo può aiutare.

Infine, vanno anche trattati con la vitamina D i bambini che per malattie gravi e croniche non sono sufficientemente esposti alla luce solare.



 

18 ottobre 2011
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy