Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 30 OTTOBRE 2020
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Le epatiti. Le schede dell'Oms per riconoscerle: dati e caratteristiche 


28 LUG - Epatite A
L'epatite A è una malattia virale del fegato che può causare lieve a grave malattia.
A livello globale, ci sono circa 1,4 milioni di casi di epatite A ogni anno.
Il virus dell'epatite A si trasmette attraverso l'ingestione di cibo e acqua contaminati, o attraverso il contatto diretto con una persona contagiosa.
A differenza dell'epatite B e C, epatite A non causa la malattia cronica del fegato ed è raramente mortale, ma può causare sintomi debilitanti e epatite fulminante (insufficienza epatica acuta), che è associata ad alta mortalità.

Distribuzione geografica
Le aree con alti livelli di infezione
Nei paesi in via di sviluppo con condizioni sanitarie pessime e le pratiche igieniche, la maggior parte dei bambini (90%) sono stati infettati con il virus dell'epatite A prima dell'età di 10 anni. Quelli infettati in età infantile non si verificano sintomi evidenti. Le epidemie sono fuori del comune per bambini più grandi e gli adulti sono generalmente immuni. Sintomatici tassi di malattie in queste aree sono bassi e le epidemie sono rare.

Le aree con livelli intermedi di infezione
Nei paesi in via di sviluppo, i paesi con economie in transizione, e le regioni dove le condizioni sanitarie sono variabili, i bambini spesso sfuggono l'infezione nella prima infanzia. Ironia della sorte, queste migliorate condizioni economiche e sanitarie può portare ad una maggiore suscettibilità nei gruppi di età più avanzata e più alti tassi di malattie, come infezioni si verificano negli adolescenti e negli adulti, e possono verificarsi epidemie di grandi dimensioni.

Le aree con bassi livelli di infezione
Nei paesi sviluppati, con buone condizioni sanitarie e igieniche, i tassi di infezione sono bassi. La malattia può verificarsi tra gli adolescenti e gli adulti in gruppi ad alto rischio, quali l'iniezione-tossicodipendenti, uomini omosessuali, le persone che viaggiano in zone di alta endemia, e in popolazioni isolate, quali chiuse le comunità religiose.

Trasmissione
Il virus dell'epatite A si trasmette principalmente dalla fecale-orale. Questo è quando una persona non infetta ingerisce cibo o acqua che è stato contaminato con le feci di una persona infetta. Focolai a base acquosa, anche se poco frequenti, sono di solito associati a liquami contaminati o acqua trattata in modo inadeguato.
Il virus può anche essere trasmesso attraverso il contatto fisico con una persona contagiosa, anche se il contatto casuale tra le persone non diffondere il virus.
 
Epatite B
A livello mondiale, circa due miliardi di persone sono state infettate con il virus dell'epatite B e più di 240 milioni hanno cronici (a lungo termine), infezioni del fegato. Circa 600.000 persone muoiono ogni anno a causa delle conseguenze acute o croniche di epatite B.
Un vaccino contro l'epatite B è disponibile dal 1982 ed è efficace al 95% nel prevenire l'infezione e le sue conseguenze croniche.

Distribuzione geografica
Il virus dell'epatite B può causare una malattia acuta con sintomi che durano diverse settimane, tra cui ingiallimento della pelle e degli occhi (ittero), urine scure, dolore estremo affaticamento, nausea, vomito e addominale. La gente può epatite B è endemica in Cina e in altre parti dell'Asia. La maggior parte delle persone in questa regione essere infettati con il virus dell'epatite B durante l'infanzia e il 8-10% della popolazione adulta è cronicamente infetto. Il cancro del fegato causata dal virus dell'epatite B è tra le prime tre cause di morte per cancro negli uomini, e la principale causa di cancro nelle donne in questa regione.
Alti tassi di infezioni croniche si trovano anche in Amazzonia e le parti meridionali dell'Europa centrale e dell'Europa. In Medio Oriente e il subcontinente indiano, si stima che il 2-5% della popolazione è cronicamente infetto. Meno dell'1% della popolazione in Europa occidentale e in Nord America è cronicamente infetto.

Trasmissione
Il virus dell'epatite B si trasmette tra le persone di diretta sangue-sangue, contatto o sperma e fluido vaginale di una persona infetta. Modalità di trasmissione sono le stesse di quelle per il virus di immunodeficienza umana (HIV), ma il virus dell'epatite B è da 50 a 100 volte più contagiosa. A differenza di HIV, il virus dell'epatite B può sopravvivere al di fuori del corpo per almeno sette giorni. Durante questo tempo, il virus può ancora causare un'infezione se entra nel corpo di una persona che non è protetta dal vaccino.
Il virus dell'epatite B non si trasmette attraverso cibo contaminato o acqua, e non può essere diffuso casualmente sul posto di lavoro.
Il periodo di incubazione del virus dell'epatite B è di 90 giorni in media, ma può variare da 30 a 180 giorni. Il virus può essere rilevata da 30 a 60 giorni dopo l'infezione e persiste per periodi di tempo variabili.
In alcune persone, il virus dell'epatite B può causare un'infezione cronica del fegato che possono poi evolvere in cirrosi epatica o cancro del fegato.

Chi è a rischio per la malattia cronica?
La probabilità che l'infezione con il virus dell'epatite B diventa cronica dipende dall'età in cui una persona si infetta.
I bambini che si infettano con il virus dell'epatite B sono più probabilità di sviluppare infezioni croniche:
il 90% dei neonati infettati durante il primo anno di vita sviluppano infezioni croniche;
30-50% dei bambini infettati da uno a quattro anni di età sviluppare infezioni croniche.
Negli adulti:
25% degli adulti che diventano cronicamente infettati durante l'infanzia die da epatite B-cancro al fegato o cirrosi;
90% degli adulti sani che sono infettati con il virus dell'epatite B si riprenderà e sarà eliminare completamente il virus entro sei mesi.
Non esiste un trattamento specifico per epatite acuta B. La cura è intesa a mantenere comfort e un adeguato equilibrio nutrizionale, compresa la sostituzione dei liquidi che vengono persi da vomito e diarrea.

Alcune persone con epatite cronica B possono essere trattate con farmaci, tra cui l'interferone e agenti antivirali. Il trattamento può costare migliaia di dollari all'anno e non è disponibile per la maggior parte delle persone nei paesi in via di sviluppo.
Il cancro del fegato è quasi sempre fatale e spesso si sviluppa nelle persone in un'età in cui sono più produttivi e responsabilità familiari. Nei paesi in via di sviluppo, la maggior parte delle persone affette da cancro al fegato muore entro mesi dalla diagnosi. In paesi ad alto reddito, la chirurgia e la chemioterapia può prolungare la vita fino a pochi anni.
Le persone con cirrosi talvolta vengono prescritti i trapianti di fegato, con successo variabile.

Prevenzione
Il vaccino contro l'epatite B è il cardine della prevenzione contro l'epatite B. L'OMS raccomanda che tutti i bambini ricevono il vaccino contro l'epatite B.

Epatite C
Il virus dell'epatite C di solito si sviluppa quando il sangue di una persona infetta entra nel corpo di una persona suscettibile. E' tra i più comuni virus che infettano il fegato.
Ogni anno 3-4 milioni di persone sono state infettate dal virus dell'epatite C. Circa 150 milioni di persone sono cronicamente infetti e il rischio di sviluppare cirrosi epatica e / o cancro del fegato. Più di 350.000 persone muoiono a causa di epatite C per malattie legate al fegato ogni anno.

Distribuzione geografica
L'epatite C si trova in tutto il mondo. I paesi con alti tassi di infezione cronica sono l'Egitto (22%), Pakistan (4,8%) e Cina (3,2%). La modalità principale di trasmissione in questi paesi è attribuita a iniezioni non sicure che utilizzano attrezzature contaminate.

Trasmissione
Il virus dell'epatite C è più comunemente trasmesse attraverso l'esposizione a sangue infetto. Questo può avvenire attraverso:
ricevimento delle trasfusioni di sangue infetto, emoderivati ​​e trapianti di organi;
iniezioni con siringhe e aghi contaminati bastone lesioni a strutture sanitarie;
consumo di droga iniezione;
di essere nato da una madre infetta C-epatite.
L'epatite C può essere trasmesso attraverso rapporti sessuali con una persona infetta o la condivisione di oggetti personali contaminati con sangue infetto, ma questi sono meno comuni.
L'epatite C non si trasmette attraverso il latte materno, cibo o acqua o per contatto casuale come abbracciare, baciare e condividere il cibo o bevande con una persona infetta.

Sintomi
Il periodo di incubazione per l'epatite C è di 2 settimane a 6 mesi. Dopo l'infezione iniziale, circa l'80% delle persone non presentano alcun sintomo. Quelle persone che sono profondamente sintomatici possono presentare febbre, stanchezza, diminuzione dell'appetito, nausea, vomito, dolore addominale, urine scure, feci di colore grigio, dolori articolari e ittero (colorazione gialla della pelle e il bianco degli occhi).
Circa il 75-85% delle persone infettate sviluppano nuove malattie croniche e il 60-70% delle persone cronicamente infette sviluppano la malattia cronica del fegato; 5-20% sviluppa cirrosi e il 1-5% muoiono per cirrosi o cancro del fegato. Nel 25% dei malati di cancro del fegato, la causa di fondo è l'epatite C.

Ci sono 6 genotipi di epatite C e possono rispondere in modo diverso al trattamento. Lo screening è necessario un attento prima di iniziare il trattamento per determinare l'approccio più appropriato per il paziente.
La terapia antivirale di combinazione con interferone e ribavirina è stata il cardine del trattamento dell'epatite C. Purtroppo, l'interferone non è ampiamente disponibile a livello globale, non sempre è ben tollerato, alcuni genotipi del virus rispondere al meglio alle interferone di altri, e molte persone che prendono l'interferone non finiscono il loro trattamento. Ciò significa che mentre l'epatite C è generalmente considerata essere una malattia curabile, per molti questa non è una realtà.

Scoperte scientifiche hanno portato allo sviluppo di nuovi farmaci antivirali per l'epatite C, che possono essere più efficaci e meglio tollerati rispetto alle terapie esistenti. Due nuovi agenti terapeutici Telaprevir e boceprevir sono stati recentemente autorizzati in alcuni paesi. Molto deve essere fatto per garantire che questi progressi portare ad una maggiore accesso e di trattamento a livello globale.
 

28 luglio 2012
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy