Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 20 MAGGIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Giorda (AMD): “Le regioni si mettano una mano sulla coscienza: il Piano va applicato”

16 FEB - “Si tratta della più grande novità legislativa sul diabete negli ultimi 25 anni”. Così Carlo Giorda, Presidente dell’Associazione Medici Diabetologi, descrive la stesura del Piano Nazionale per la malattia diabetica, pubblicato in Gazzetta Ufficiale appena una settimana fa. “Era dalla legge 115 del 1987 che non si prendeva una posizione ufficiale sulla malattia in Italia, un risultato che è partito dalla richiesta dell’Unione Europea, dell’Onu e dell’Oms: si chiedeva di affrontare uno dei maggiori problemi sanitari del secolo, con politiche specifiche e ben pianificate. Questo Piano mette in pratica esattamente quelle direttive. Oggi abbiamo sancito definitivamente che il modello di cura del diabete italiano, basato sull’integrazione tra servizi di diabetologia e medico di famiglia, è quello da seguire, basato su evidenze cliniche: è dimostrato scientificamente che questo approccio può ridurre del 30% la mortalità e le complicanze”.

C’è da dire, infatti, che la cura del diabete in Italia era già all’avanguardia nel mondo e che il sistema di assistenza per la persona diabetica era già ottimo. “Dall’estero guardano al nostro modello di cura, che è uno dei più evoluti anche grazie ai circa 650 centri di erogazione dell’assistenza che sono già attivi su territorio nazionale”, ha spiegato Giorda. “Già prima della stesura ufficiale di questo Piano la cura basata su un’interazione tra la rete dei diversi servizi di diabetologia e i medici generalisti o altri specialisti che si occupano di questa malattia: oggi tutto ciò è sancito per legge. In più, all’interno di questo percorso di empowerment si inserisce l’importante contributo delle associazioni dei pazienti, coinvolte in maniera importante nel processo decisionale e il cui intervento è oggi indispensabile. Non è un caso che Diabete Italia sia stato un attore così importante per la stesura del Piano Nazionale”.

 
Il messaggio dunque oggi non è tanto di cambiare registro, quanto di mantenere l’alto livello di cura che già viene offerto. “Il messaggio chiaro che deve arrivare ai politici è quello di non smantellare la rete di assistenza, anche se stiamo affrontando un momento di crisi e ingenti tagli”, ha continuato il presidente AMD. “Il problema è sopravvivere. Per capire qual è la portata delle difficoltà basta pensare che il personale che va in pensione ad oggi sistematicamente non viene rimpiazzato, sia che si tratti di medici che di infermieri. È chiaro che il problema cruciale di questo Piano e della Sanità italiana oggi è che non ci sono finanziamenti”.
Infine, l’applicazione della legge. “Bisogna evitare la frammentazione e la disomogeneità delle cure che talvolta derivano dal federalismo in Sanità”, ha concluso Giorda. “Se il Piano è stato approvato dalla conferenza Stato-Regioni, ora che le regioni si mettano una mano sulla coscienza e si impegnino nella sua applicazione.”
 
Laura Berardi

16 febbraio 2013
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy