Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 DICEMBRE 2021
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Bioterapia: la via italiana contro il melanoma


Parte uno studio per investigare le possibilità di combattere il tumore potenziando le difese immunitarie dell’organismo. Coinvolti 8 centri della Penisola.

14 SET - Si chiama bioterapia e rappresenta una nuova arma per sconfiggere il cancro. Agisce potenziando le difese immunitarie dell’organismo del paziente  per poter meglio vincere la neoplasia. Uno studio italiano (“NIBIT M1”) la sperimenterà contro il melanoma, un tumore della pelle particolarmente aggressivo e in costante crescita. Ogni anno i nuovi casi registrati nel nostro Paese sono 7mila, 1.500 i decessi. Lo studio arruolerà 84 pazienti colpiti da melanoma in fase metastatica, includendo sia quelli mai trattati prima sia quelli già sottoposti in precedenza a una terapia.

La ricerca, presentata oggi a Milano, è condotta dal NIBIT, il Network Italiano per la Bioterapia dei Tumori, costituito nel 2004 con la finalità di riunire in rete i più importanti centri italiani che si occupano di questo tipo di trattamento, ed è realizzata grazie alla partnership con Bristol-Myers Squibb (BMS). “NIBIT M1” utilizzerà ipilimumab, un nuovo anticorpo monoclonale di BMS, associandolo alla fotemustina, un chemioterapico standard per il melanoma.
“Finora ipilimumab è stato studiato prevalentemente in monoterapia con ottimi risultati”, ha affermato Michele Maio, direttore dell’Immunoterapia Oncologica del Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena-Istituto Toscano Tumori e coordinatore dello studio, spiegando che “le potenzialità di questa nuova molecola sono enormi e la stiamo utilizzando anche nel cancro della prostata e del polmone. Dal 4 giugno scorso BMS l’ha resa disponibile per uso compassionevole per i pazienti affetti da melanoma anche in Italia. Quanto già emerso dai trial internazionali evidenzia che siamo di fronte al primo significativo passo in avanti nella lotta contro questa neoplasia, che negli ultimi 30 anni non ha fatto registrare alcun progresso”.



“Con il nostro Network – spiegato. Giorgio Parmiani, presidente del NIBIT e direttore dell’Unità di Immuno-Bioterapia del Melanoma e Tumori Solidi dell’Istituto Scientifico Fondazione San Raffaele – vogliamo favorire l’interazione scientifica e operativa dei ricercatori pre-clinici e clinici impegnati nella definizione di nuovi studi per combattere il cancro con un approccio immuno-biologico. In particolare l’immunoterapia rappresenta una forma di bioterapia: quest’ultima comprende tutti quei trattamenti che inducono modificazioni nel nostro organismo per favorire una forte reazione contro il tumore, senza distruggere direttamente le cellule malate. ‘NIBIT M1’ è il primo studio clinico al mondo destinato a valutare in maniera prospettica nuovi criteri di risposta clinica, quelli caratteristici dell’immunoterapia. Un approccio che nei prossimi 5 anni  potrà cambiare in maniera significativa le modalità di valutazione della efficacia delle terapie biologiche in oncologia. Ed il melanoma rappresenta il candidato ideale per la sua applicazione”.

Il melanoma rappresenta il 4% dei tumori della pelle ma è responsabile dell’80% dei decessi per cancro della cute. Un paziente su cinque sviluppa la forma aggressiva e avanzata della malattia, con una prognosi infausta, caratterizzata da una sopravvivenza mediana di circa 6 mesi. La sua incidenza è cresciuta ad un ritmo superiore a qualsiasi altro tipo di tumore, ad eccezione delle neoplasie maligne del polmone nelle donne, con un aumento di 10 volte nell’ultimo mezzo secolo. E colpisce persone sempre più giovani, di età compresa tra i 30 e i 50 anni.

Una ricerca presentata all’ultimo congresso americano di oncologia (ASCO), che si è svolto a Chicago lo scorso giugno, ha messo in luce i risultati straordinari ottenuti grazie a ipilimumab: la sopravvivenza a un anno è quasi raddoppiata, passando dal 25% al 46%. Alla luce di questi dati, l’ente regolatorio americano per i farmaci (FDA) ha sottoposto ipilimumab a una procedura di controllo prioritario: un meccanismo riservato solo a quelle molecole che offrono importanti avanzamenti terapeutici. Anche in Europa BMS ha avviato le procedure per l’approvazione. “Il nostro studio – conclude Parmiani – è la naturale continuazione di importanti trial internazionali ed è la conferma dell’eccellenza raggiunta dalla ricerca scientifica italiana, in grado di farsi valere grazie alla qualità del lavoro svolto”.  
 

14 settembre 2010
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy