Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 OTTOBRE 2017
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Il mondo avrà più bambini e adolescenti obesi  che sottopeso entro il 2022. Nel 2016 erano obesi 50 milioni di ragazze e 75 milioni di ragazzi. I dati Oms per il World Obesity Day. Colpa anche del marketing alimentare

Il numero di adulti obesi è aumentato da 100 milioni nel 1975 (69 milioni di donne, 31 milioni di uomini) a 671 milioni nel 2016 (390 milioni di donne, 281 milioni di uomini). Altri 1,3 miliardi di adulti erano in sovrappeso, ma sono scesi sotto la soglia dell'obesità. Questi alcuni dati diffusi dall’Oms nel World Obesity Day che oggi dedica la sua giornata ai risultati internazionali, dopo che ieri si è concentrato su quelli delle singole nazioni. IL PIANO DI AZIONE OMS; LO STUDIO SU LANCET.

11 OTT - Nel 2016 c'erano 50 milioni di ragazze e 74 milioni di ragazzi con obesità nel mondo, mentre il numero globale di ragazze e ragazzi moderatamente o gravemente sottopeso era rispettivamente di 75 milioni e 117 milioni.

Il numero di adulti obesi è aumentato da 100 milioni nel 1975 (69 milioni di donne, 31 milioni di uomini) a 671 milioni nel 2016 (390 milioni di donne, 281 milioni di uomini). Altri 1,3 miliardi di adulti erano in sovrappeso, ma sono scesi sotto la soglia dell'obesità.

L'aumento dei tassi di obesità infantile e adolescenziale nei paesi a basso e medio reddito, in particolare in Asia, è recentemente accelerato. D'altra parte, l'aumento dell'infanzia e dell'adolescenza nei paesi ad alto reddito è rallentato.

Nel 2016, il tasso di obesità era più elevato si è registrato in Polinesia e Micronesia in ragazzi e ragazze, al 25,4% nelle ragazze e nel 22,4% nei ragazzi, seguito dalla regione inglese ad alto reddito che comprende Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda , Irlanda e Regno Unito.
Le aree del mondo con il maggiore aumento del numero di bambini e adolescenti obesi sono stati l'Asia orientale, la regione inglese ad alto reddito, il Medio Oriente e il Nord Africa.

Nauru era il paese con la più alta prevalenza di obesità per le ragazze (33,4%), e le isole Cook hanno avuto il più alto per i ragazzi (33,3%).

Questi alcuni dati (consultabili on line) diffusi dall’Oms nel World Obesity Day che oggi dedica la sua giornata ai risultati internazionali, dopo che ieri si è concentrato su quelli delle singole nazioni.

In Europa, le ragazze a Malta e i ragazzi in Grecia avevano i tassi di obesità più elevati, compresi rispettivamente del 11,3% e del 16,7% della popolazione. Le ragazze e i ragazzi in Moldova avevano i tassi di obesità più bassi, pari rispettivamente al 3,2% e al 5% della popolazione.
Le ragazze nel Regno Unito hanno avuto il 73° tasso di obesità più elevato al mondo (6° in Europa); i ragazzi avevano l'84esima obesità più alta del mondo (18° in Europa).

 Le ragazze negli Stati Uniti hanno avuto il 15° tasso di obesità più alto al mondo; i ragazzi avevano la dodicesima più alta obesità nel mondo.

Tra i paesi ad alto reddito, gli Stati Uniti d'America avevano i tassi di obesità più elevati per ragazze e ragazzi.

L'aumento più elevato di BMI (indice di massa corporea) dei bambini e degli adolescenti durante i quattro decenni si è registrato in Polinesia e Micronesia per ragazzi e ragazze, e in America Latina centrale per le ragazze. Il più piccolo aumento del BMI dei bambini e degli adolescenti durante i quattro decenni coperti dallo studio è stato visto in Europa orientale.

Il paese con l'aumento più elevato di BMI per le ragazze è stato Samoa, che è aumentato di 5,6 kg / m2 e per i ragazzi erano le isole Cook, che sono aumentate di 4,4 kg / m 2 .

Il numero di bambini obesi e degli adolescenti (dai 5 ai 19 anni) in tutto il mondo è salito dieci volte negli ultimi quattro decenni. Se le tendenze attuali continueranno, più bambini e adolescenti saranno obesi di moderatamente o gravemente sottopeso entro il 2022, secondo un nuovo studio condotto da Imperial College London e dall'Oms.

Lo studio è stato pubblicato in The Lancet prima del Day Obesity World (11 ottobre). Ha analizzato le misure di peso e altezza da quasi 130 milioni di persone di età superiore ai cinque anni (31,5 milioni di persone dai 5 ai 19 anni e 97,4 milioni di età compresa tra i 20 anni e più), rendendolo il più grande numero di partecipanti coinvolti in uno studio epidemiologico. Lo  studio ha esaminato l'indice di massa corporea (BMI) e come l'obesità è cambiata in tutto il mondo dal 1975 al 2016.
Lo studio, pubblicato su Lancet, in occasione della giornata mondiale dell’Obesità, è stato realizzato dall’Imperial College di Londra e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Anche l’Italia ha contribuito alla realizzazione di questa ricerca senza precedenti, fornendo i risultati di alcuni studi portati avanti dall’Istituto Superiore di Sanità. I dati sono stati misurati con procedure standardizzate grazie alla Sorveglianza OKkio alla Salute sui bambini e sui ragazzi e al Progetto Cuore sugli adulti ed anziani.

I tassi di obesità nei bambini e negli adolescenti del mondo sono aumentati da meno dell'1% (pari a cinque milioni di ragazze e sei milioni di ragazzi) nel 1975 a quasi il 6% nelle ragazze (50 milioni) e quasi l'8% nei ragazzi (74 milioni) nel 2016. In combinazione, il numero di cinque o 19 anni di età obesi è aumentato più di dieci volte a livello mondiale, da 11 milioni nel 1975 a 124 milioni nel 2016. Un ulteriore 213 milioni sono stati in sovrappeso nel 2016, ma sono scesi sotto la soglia per l'obesità.

Il marketing alimentare, le politiche, i prezzi dietro l'obesità aumentano
L'autore principale, il professor Majid Ezzati, della Scuola di salute pubblica dell'Imperial College, afferma: "Negli ultimi quattro decenni i tassi di obesità nei bambini e negli adolescenti sono aumentati a livello mondiale e continuano a farlo nei paesi a basso e medio reddito. Più di recente, hanno coinvolto paesi a reddito superiore, anche se i livelli di obesità rimangono in generale inaccettabilmente elevati ".
Il professor Ezzati aggiunge: "Queste tendenze preoccupanti riflettono l'impatto del marketing e delle politiche alimentari in tutto il mondo, con cibi sani nutrienti troppo costosi per le famiglie povere e le comunità. La tendenza prevede una generazione di bambini e adolescenti che crescono obesi e a maggior rischio di malattie , come il diabete: abbiamo bisogno di metodi per rendere più disponibili cibo sano e nutriente a casa e in scuola, specialmente nelle famiglie povere e nelle comunità, e regolamenti e tasse per proteggere i bambini da alimenti non sani ".

Più obesi che  sottopeso dai 5 ai 19 anni entro il 2022, ma il sottopeso resta  nelle regioni povere
Gli autori affermano che se le tendenze post-2000 continueranno, i livelli globali di obesità infantile e adolescente supereranno quelli per i giovani moderatamente e gravemente sottopeso della stessa fascia di età entro il 2022. Nel 2016, il numero globale di ragazze e ragazzi moderatamente o gravemente sottopeso era di 75 milioni e 117 milioni rispettivamente.

Tuttavia, nel 2016 il numero elevato di bambini e adolescenti moderatamente o gravemente sottopeso rappresenta ancora una grande sfida per la salute pubblica, soprattutto nelle zone più povere del mondo. Ciò riflette la minaccia della malnutrizione in tutte le sue forme, con i giovani sottopeso e sovrappeso che vivono nelle stesse comunità.
I bambini e gli adolescenti sono rapidamente passati da in gran parte in sovrappeso in molti paesi a reddito medio, tra cui in Asia orientale, in America Latina e nei Caraibi. Gli autori dicono che ciò potrebbe riflettere un aumento del consumo di alimenti denso, in particolare i carboidrati altamente elaborati, che portano a un aumento di peso e a risultati di salute scadenti.

Fiona Bull, coordinatore del programma per la sorveglianza e la prevenzione delle malattie non trasmissibili basato sulla popolazione (Oms), afferma: "Questi dati evidenziano, ricordano e rafforzano che il sovrappeso e l'obesità sono oggi una crisi sanitaria globale e minaccia di peggiorare nei prossimi anni a meno che non iniziamo ad intraprendere azioni drastiche ".

Esistono soluzioni per ridurre l'obesità infantile e adolescente
In combinato disposto con il rilascio delle nuove stime dell'obesità, l'Oms sta pubblicando un riepilogo del piano di implementazione per l'obesità dell'infanzia (ECHO). Il piano offre ai paesi indicazioni chiare su azioni efficaci per frenare l'obesità infantile e adolescente. L'Oms ha anche rilasciato linee guida che invitano i lavoratori sanitari in prima linea a identificare e gestire attivamente i bambini in sovrappeso o obesi.
Bull aggiunge: "L'Oms incoraggia i paesi ad attuare gli sforzi per affrontare gli ambienti che oggi stanno aumentando le possibilità dei nostri bambini di obesità. I paesi dovrebbero soprattutto mirare a ridurre il consumo di alimenti poveri, ultra-elaborati, calorici duri e nutrienti poveri. Dovrebbero anche ridurre il tempo trascorso dai bambini a attività di svago sullo schermo e sedentarie promuovendo una maggiore partecipazione all'attività fisica attraverso la ricreazione e lo sport attivi ".

La carta presenta i primi dati su sottopeso fino all'obesità per bambini e adolescenti di età compresa tra i cinque ei 19 anni e fornisce risultati sorprendenti sul crescente numero e sui tassi dei giovani affetti da obesità.

Lo studio ha calcolato e confrontato l'indice di massa corporea (BMI) tra i bambini, gli adolescenti e gli adulti dal 1975 al 2016 e ha fatto proiezioni sulla base delle attuali tendenze nei tassi di obesità.

Il calcolo del BMI è il modo più semplice per valutare lo stato di peso di una persona e lo strumento più comune utilizzato per determinare la malattia sottostante, sana e sovrappeso e l'obesità. Per i bambini e gli adolescenti, il loro BMI viene regolato per età e sesso utilizzando le curve di riferimento della crescita dell'Oms.

L'azione per contrastare l'obesità è un elemento chiave dell'Agenda del 2030 per lo sviluppo sostenibile. Obiettivo  di sviluppo sostenibile (SDG) 3.4 impegna il mondo a ridurre di un terzo i decessi precoci di NCD entro il 2030, anche attraverso la prevenzione dell'obesità.
L'obiettivo SDG 2.2 impegna il mondo a concludere tutte le forme di malnutrizione entro il 2030, tra cui il sovrappeso e l'obesità. Inoltre, l'obiettivo della Decennio d'azione per l'alimentazione (2016-2025) delle Nazioni Unite è quello di promuovere la collaborazione in tutti i settori e le parti interessate per porre fine alla malnutrizione in tutte le sue forme.

Sottopeso
Sul versante opposto dell’obesità però, l’Oms considera anche chi invece registra forti tassi di sottopeso. L'India ha avuto la più alta prevalenza di sottopeso moderato e grave durante questi quattro decenni (il 24,4% delle ragazze e il 39,3% dei ragazzi erano moderatamente o gravemente sottopeso nel 1975 e il 22,7% e il 30,7% nel 2016). 97 milioni di bambini e adolescenti moderatamente o gravemente sottopeso nel mondo hanno vissuto in India nel 2016.

11 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy