Quotidiano on line
di informazione sanitaria
07 AGOSTO 2022
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Mondiali di calcio in Russia. L’Ecdc alza i livelli di sorveglianza per le malattie trasmissibili nell’Ue


Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha predisposto un documento con i consigli per chi interverrà all'evento e le prassi sanitarie da seguire in caso di contagi. Previsti anche precisi criteri di valutazione dei rischi. Le maggiori preoccupazioni per tuberscolsi e morbillo. IL DOCUMENTO.

29 MAG - Campionati del mondo di calcio in Russia: l’Ecdc (il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) ha predisposto un vademecum  per valutare i rischi per la salute legati alle malattie trasmissibili per i cittadini Ue/SEE durante il loro eventuale soggiorno in Russia e le implicazioni per la salute pubblica per i paesi europei dopo il rientro dei viaggiatori nei loro paesi.

Prima di andare alla Coppa del Mondo FIFA 2018 in Russia, che si svolgerà dal 14 giugno al 15 luglio, i visitatori secondo le indicazioni Ecdc dovrebbero assicurarsi che tutte le loro vaccinazioni siano aggiornate secondo il programma di vaccinazione raccomandato nel loro paese di residenza.

Questo è particolarmente importante per la protezione contro malattie come difterite, epatite A, epatite B, morbillo, infezione da meningococco, parotite, pertosse, poliomielite rosolia e tetano.

Come spesso accade negli eventi di raccolta di massa, durante la Coppa del Mondo FIFA 2018 in Russia i visitatori potrebbero essere maggiormente a rischio di malattie gastrointestinali e infezioni prevenibili da vaccino.

Il rischio di essere affetti da malattie gastrointestinali può essere ridotto adottando misure igieniche standard, tra cui il regolare lavaggio delle mani con sapone, acqua potabile sicura (imbottigliata, clorata o bollita prima del consumo).

Il documento consiglia poi di mangiare cibi ben cotti e lavare accuratamente frutta e verdura con acqua potabile sicura prima del consumo.
Ai visitatori della Coppa del Mondo FIFA 2018 in Russia è consigliato l'uso di preservativi con partner sessuali nuovi o casuali al fine di ridurre il rischio di infezioni trasmesse sessualmente, incluso l'HIV. 

I viaggiatori che richiedono il ricovero in ospedale nell'Ue dopo essere stati ricoverati in Russia devono riportare il loro precedente ricovero in ospedale in modo da non ritardare il possibile accertamento delle recenti infezioni associate all'assistenza sanitaria.

Le epidemie e la diffusione di malattie prevenibili con vaccino sono particolarmente preoccupanti durante gli eventi di massa, ma non vi sono indicazioni che il rischio sia più elevato del solito.

Una vaccinazione adeguata in anticipo è un modo efficace per prevenire il contagio e l'ulteriore diffusione di infezioni prevenibili da vaccino. Quindi, chi intende partecipare dovrebbe consultare il responsabile dei servizi sanitari, competente nel proprio paese in merito allo stato di vaccinazione.

Esiste la possibilità che i viaggiatori possano importare o esportare malattie trasmissibili. La sorveglianza per le malattie trasmissibili in Russia e nei paesi dell'Ue dove tornano i viaggiatori e i partecipanti alla Coppa del mondo, dovrebbe essere abbastanza accurata da rilevare le minacce in una fase in cui gli interventi possono essere prevenuti per eventualmente ridurre l'impatto delle epidemie.

Il rischio che le malattie trasmesse da vettori vengano introdotte in Europa dalla Russia è comunque molto basso, ma si innalza per i viaggiatori dell'Ue ospedalizzati in Russia.

Il rischio di tubercolosi dipende dai pazienti con tubercolosi che si mescolano con i tifosi e gli spettatori di calcio, le circostanze del contatto (ad esempio all'aperto o al chiuso) e l'infettività del paziente.

Dato che la tubercolosi multiresistente è prevalente in Russia, i medici dovrebbero essere vigili per qualsiasi segno o sintomo compatibile nelle persone che si sono recate alla Coppa del Mondo, poiché potrebbero aver contratto una forma resistente della malattia.

C'è anche un rischio significativo di morbillo che viene importato al momento del rientro a casa in seguito alla contrazione della malattia da parte dei viaggiatori infetti dell'Ue che hanno visitato la Russia da paesi in cui è in corso la trasmissione del morbillo.

Il rischio di importazione di altre malattie prevenibili con vaccini è considerato molto basso.

L’Ecdc adatterà comunque il processo ordinario di intelligence epidemica per il periodo di tempo dal 7 giugno (una settimana prima dell'inizio) al 22 luglio (una settimana dopo la cerimonia di chiusura).

Le attività ordinarie di intelligence epidemica saranno potenziate espandendo le fonti di informazione, utilizzando un approccio di screening mirato e sistematico con strumenti come MediSys, che confermano o meno eventuali infezioni.

Sarà stabilito un processo quotidiano di analisi e comunicazione con partner sanitari e lo sviluppo di rapporti. L'ECDC pubblicherà inoltre rapporti giornalieri di informazioni raccolte mediante la scansione di un'ampia gamma di fonti.

L'ECDC condividerà queste relazioni con la Commissione europea, il quartier generale dell'Oms e l'Ufficio regionale dell'Oms per l'Europa.
Per valutare le informazioni relative alla salute pubblica durante il torneo saranno utilizzati precisi criteri:

• casi sospetti o confermati di malattie trasmissibili di rilevanza per la salute pubblica in Russia (rischio per l'Ue visitatori / partecipanti, rischio di importazione nell'Ue);

• incidenti in Russia relativi alla sicurezza internazionale, come il possibile rilascio intenzionale di agenti biologici o eventi nucleari e chimici;

• casi sospetti o confermati di malattie trasmissibili di rilevanza per la salute pubblica per la Coppa del mondo nei paesi con le squadre nazionali che partecipano al torneo e nei paesi confinanti con la Russia (rischio di esportazione verso la Russia e diffusione locale);

• incidenti in Russia che attirano l'attenzione dei media nell'Ue, come i focolai nelle aree turistiche, gli infortuni della folla e la diffusione di malattie trasmissibili tra visitatori o partecipanti.

29 maggio 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy