Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 30 MARZO 2017
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Fumo. Rapporto Oms: “Ogni anno 6 milioni di morti. Sì ad aumento tasse su tabacco. Più guadagni per Stati e calo 9% dei fumatori”

I numeri pubblicati nel report su Economia e controllo del tabacco. “I ricavi annuali dal consumo di sigarette a livello globale potrebbero aumentare del 47% se tutti i paesi elevassero le accise di circa 0,80 dollari per confezione. Inoltre, l’aumento delle tasse farebbe aumentare i prezzi di vendita in media del 42%, portando ad un calo del 9% del tasso di fumatori”. LO STUDIO

10 GEN - Il fumo uccide più di 6 mln di individui l’anno e tra spese sanitarie e perdita di produttività costa alla collettività più di 1.000 miliardi di dollari. Sono questi i numeri dell’ultimo studio ‘Economia e controllo del tabacco’ pubblicato dall’Organizzazione mondiale per la sanità e dall'Istituto Nazionale contro il cancro degli Stati Uniti d'America.
 
La ricerca in ogni caso evidenzia come funzionano le politiche di innalzamento delle imposte per frenare i consumi. “Tali misure possono anche ridurre notevolmente il consumo di tabacco e proteggere la salute delle persone dai principali assassini del mondo, come il cancro e le malattie cardiache”.
 
"L'impatto economico di tabacco sui paesi, e il pubblico in generale, è enorme, come questo nuovo rapporto mostra", spiega Oleg Chestnov, OMS Vice Direttore Generale per le malattie non trasmissibili (MNT) e la salute mentale. "L'industria del tabacco produce e commercializza prodotti che uccidono milioni di persone prematuramente, derubano le famiglie delle risorsre che avrebbero potuto essere utilizzate per il cibo e l'istruzione, e imporre costi sanitari immense sulle famiglie, comunità e paesi”.

 
A livello globale, ci sono 1,1 miliardi di fumatori di tabacco di età compresa tra 15 anni o più, con circa l'80% vive nei paesi a basso e medio reddito. E circa 226 milioni i fumatori vivono in condizioni di povertà.
 
La monografia, citando uno studio 2016, afferma che i ricavi annuali di consumo di sigarette a livello globale potrebbero aumentare del 47%, o 140 miliardi di dollari se tutti i paesi elevassero le accise di circa  0,80 dollari per confezione. Inoltre, questo aumento delle tasse farebbe aumentare i prezzi di vendita al dettaglio di sigarette in media del 42%, portando ad un calo del 9% a tassi di fumatori e riducendo fino a 66 milioni il numero di fumatori adulti.
 
Ma non sempre le risorse delle tasse vengono investite in salute
. Nel 2013-2014, le accise sul tabacco hanno generato quasi 269 mld di fatturato ai governi. Di questi, però meno di 1 miliardo è stato investito nel controllo del tabacco.

"La ricerca riassunta in questa monografia conferma che gli interventi di controllo del tabacco evidence-based hanno senso dal punto di vista economico, nonché un punto di vista della salute pubblica," dice il co-editore della monografia, Frank Chaloupka, del Dipartimento di Economia presso l'Università di Illinois a Chicago.

“Si stanno facendo progressi nel controllare l'epidemia globale del tabacco – rileva l’Oms -, ma sono necessari sforzi concertati per garantire che il progresso venga mantenuto o accelerato. Nella maggior parte delle regioni, l'uso del tabacco la prevalenza è stagnante o in diminuzione”.
 
Il rapporto evidenzia anche come “il potere di mercato delle aziende produttrici di tabacco è aumentata negli ultimi anni, creando nuove sfide per gli sforzi di controllo del tabacco. A partire dal 2014, le 5 maggiori aziende produttrici di tabacco hanno rappresentato il 85% del mercato globale delle ‘bionde’. 
  
“Questo rapporto - afferma Douglas Bettcher, direttore dell'OMS per la prevenzione delle malattie non trasmissibili - dimostra come le vite possono essere salvate e le economie possano prosperare quando i governi attuano politiche di costo-efficacia, e misure collaudate, come l’aumento in modo significativo delle tasse e dei prezzi sui prodotti del tabacco, e il divieto di commercializzazione del tabacco e il fumo in pubblico”.

10 gennaio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy