Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 14 LUGLIO 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Il lento declino del Ssn. In 10 anni tagliati 200 ospedali, 45 mila letti, 10 mila medici e 11 mila infermieri. In Terapia intensiva un leggero aumento ma i posti letto sono poco più di 5.200

di Luciano Fassari

Tra chiusura di strutture, riduzioni di personale, privato in crescita e finanziamenti inadeguati anche negli anni '10 del nuovo millennio il Servizio sanitario ha proseguito la sua opera di dimagrimento. E proprio oggi in piena emergenza il Coronavirus ci sta presentando il conto, con il paradosso che il prezzo più alto lo stanno pagando i più fragili e gli operatori sanitari che proprio questa dieta per anni hanno denunciato 

19 MAR - Tra il 2007 e il 2017 il nostro Servizio sanitario nazionale ha subito una drastica dieta: in 10 anni sono stati chiusi circa 200 ospedali, tagliati 45 mila posti letto, ridotto di 10 mila unità il personale medico (tra ospedalieri e convenzionati) e di 11 mila quello infermieristico.
 
Certamente sono gli anni della lunga crisi economica ma purtroppo il trend è lo stesso che già nei dieci anni precedenti registrammo in una nostra analisi. Insomma una parabola che dagli anni 2000 ha visto ogni anno una lenta ed inesorabile erosione della nostra sanità (soprattutto pubblica come vedremo).
 
È migliorata l’appropriatezza delle cure e ci sono nuove tecnologie, per cui si ricovera di meno. E sono anche cresciute (poco) le strutture territoriali ma è purtroppo sotto gli occhi di tutti in questo periodo di emergenza che gli investimenti in sanità negli ultimi 10 anni sono stati inadeguati (nonostante il fondo sanitario tra il 2007 e il 2017 sia cresciuto di 15 miliardi).
 
E oggi, purtroppo in piena emergenza se ne sono accorti 60 milioni di italiani facendo tornare molti nodi al pettine.

 
Partiamo dagli ospedali: secondo i dati dell’Annuario del Ssn del Ministero della Salute nel 2007 il Ssn poteva contare su 1.197 strutture ospedaliere mentre nel 2017 sono scese a 1.000, quasi 200 ospedali in meno, il 16%.
 
Nel 2007 c’erano poi 9.820 strutture per l’assistenza specialistica ambulatoriale. Un numero che nel 2017 è sceso a 8.867, ovvero 953 ambulatori in meno (il 10%).
 
Trend inverso per l’assistenza territoriale nel 2007 c’erano 5.105 strutture per l’assistenza territoriale residenziale mentre nel 2017 se ne registrano 7.372 (+2.267 pari al 44% in più). In aumento anche le strutture per l’assistenza territoriale semiresidenziale, nel 2007 erano 2.280 mentre nel 2017 sono 3.086. In calo invece le altre strutture di assistenza territoriale (erano 5236 nel 2007 e sono 5.586 nel 2017). In aumento infine le strutture per l’assistenza riabilitativa (erano 912 nel 2007 e sono 1.122 nel 2017).
 
In generale però si è assistito ad un aumento in percentuale della componente privata. Un esempio per tutti nel 2007 gli ospedali privati erano il 45% mentre nel 2017 sono il 48%.
 
Meno ospedali ma anche meno posti letto. In totale il Ssn nel 2007 poteva contare su 259.476 posti letto contro i 213.669 del 2017, circa 45 mila in meno (il 17%). Un calo in tutti i comparti: degenza ordinaria, day hospital e day surgery.
 
Di contro le terapie intensive sono aumentate nel 2007 c’erano 4.392 posti letto di terapia intensiva (7,4 per 100.000 ab.) mentre nel 2017 se ne registrano 5.090 (8,42 per 100.000 ab.), ovvero ve ne sono 698 in più (il 16%) anche se, come stiamo vedendo, il numero è in ogni caso insufficiente a gestire un'emergenza come quella causata da Covid-19. Dagli ultimi dati poi risulta che nel 2018 sono saliti fino a 5.284. 
 
Meno ospedali, meno letti e ovviamente anche meno personale.
 
Nel 2007 il Ssn poteva contare su 649.248 unità e risultava così ripartito: il 69,7% ruolo sanitario, il 18,3% ruolo tecnico, il 11,7% ruolo amministrativo e lo 0,2% ruolo professionale. Nel 2017 se ne contano quasi 46 mila in meno. Ovvero ammonta a 603.375 unità e risulta ripartito: il 71,5% ruolo sanitario, il 17,6% ruolo tecnico, il 10,7% ruolo amministrativo e lo 0,2% ruolo professionale.
 
Nello specifico i medici sono scesi dai 106,8 mila del 2007 ai 101,1 mila del 2017 (-5,7 mila) mentre gli infermieri sono passati dalle 264.177 unità del 2007 ai 253.430 del 2017.
 
In calo anche i medici del territorio. I medici di famiglia nel 2007 erano 46.961, dieci anni dopo 43.731 (-3.230, il 6,8%). I medici titolari di guardia medica erano 13.109 nel 2007 che sono scesi a 11.688 nel 2017 (-1.421, il 10%). Si sono ridotti anche i pediatri (dai 7.657 del 2007 ai 7.590 del 2017).
 
Non è certamente questo il momento per attribuire colpe e responsabilità di quello che in tutta evidenza è il declino di uno dei nostri capisaldi di protezione sociale. Ma la dura realtà dei numeri impone certamente a tutti che non possiamo continuare a prestare attenzione al nostro Stato solo quando ci sono le emergenze.
 
Luciano Fassari

19 marzo 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy