Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 27 GENNAIO 2023
Calabria
segui quotidianosanita.it

Medici cubani in Calabria. Occhiuto in Consiglio: “Tocco enormi interessi, dall’Ordine comportamenti ignobili. Procura apra inchiesta sulle cooperative”. Anelli (Fnomceo): “Ci tenga fuori dalla campagna elettorale”

Il governatore attacca: “Una delle cooperative che offrono medici per la Calabria ha chiesto per un anestesista rianimatore 150 euro l’ora, per un medico di pronto soccorso 150 euro l’ora, per un ortopedico 150 euro l’ora. Significa 1.200 euro al giorno, 50.000 euro al mese. Per questo ci criticano sui medici da Cuba”. Anelli (Fnomceo): “Toni e contenuti del tutto fuori luogo. Ci aspettiamo che il Presidente chieda scusa. La norma va corretta”.

31 AGO -

“Gli Ordini dei medici sono Enti sussidiari dello Stato, che difendono interessi generali, quali la tutela della salute e il corretto esercizio della professione. Non accettiamo in nessuna maniera che, per finalità forse di propaganda elettorale, o per qualunque altro fine estraneo a questi obiettivi, si gettino ombre, sospetti, sull’operato delle nostre istituzioni”.

È durissima la reazione del Presidente della Fnomceo, la Federazione degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Filippo Anelli, al discorso pronunciato in Consiglio regionale dal Presidente della Calabria, Roberto Occhiuto. Durante la seduta infatti, come mostrato anche in un video sulla sua pagina Facebook, il governatore giustifica la decisione di assumere in via temporanea medici cubani, aprendo di fatto una polemica contro gli Ordini calabresi.

L’attacco del governatore
Forte la foga di Occhiuto nel video e in Consiglio: “Sono stanco, lo abbiamo detto mille volte: abbiamo fatto concorsi e altri ne faremo, i medici cubani non toglieranno un solo posto di lavoro. Non trovo giusto si faccia campagna elettorale sulla salute dei calabresi. L’ordini dei medici, su questa vicenda, ha tenuto un atteggiamento ignobile, soprattutto l’Ordine di Cosenza. Perché questo? Perché stiamo toccando grandi interessi. Vorrei che la Procura aprisse un’inchiesta, per chiarire questi aspetti”.


Occhiuto si scaglia contro le cooperative con altri medici “come procacciatori, magari vicini agli ordini. Una delle cooperative che offrono medici per la Calabria ha chiesto per un anestesista rianimatore 150 euro l’ora, per un medico di pronto soccorso 150 euro l’ora, per un ortopedico 150 euro l’ora. Significa 1.200 euro al giorno, 50.000 euro al mese. Queste cooperative stanno sottraendo al sistema della sanità pubblica centinaia e centinaia di milioni di euro con la compiacenza degli Ordini dei medici. Vorrei che la Procura aprisse un’inchiesta”.

Occhiuto ha esortato anche i sindacati medici i quali “a volte non comprendono. Se questo sistema non si corregge loro non avranno più interessi da rappresentare, perché un medico che va a lavorare in una società interinale a 20.000 euro o 50.000 euro al mese, non ha bisogno del sindacato. Stiamo toccando grandi interessi che reagiscono facendo diventare questa iniziativa un’iniziativa da contestare in modo assoluto. Io però vado avanti senza tentennamenti”.



La risposta dell’Ordine
“I toni e i contenuti utilizzati dal Presidente Occhiuto ci sembrano del tutto fuori luogo – continua Anelli - nei confronti di enti che hanno sempre fatto il loro dovere, al di sopra di ogni interesse di parte, come dimostrato nella gestione della pandemia. Ci aspettiamo pubbliche scuse. Ci aspettiamo che il Presidente chieda scusa a chi, come noi, come gli Ordini, come la Fnomceo, combatte da tanti anni, in un silenzio assordante da parte della politica, contro le disuguaglianze e per la tutela della salute”.

“Riconosciamo al Presidente Occhiuto il merito di aver portato alla luce un problema importante – aggiunge il presidente degli Ordini - quello della carenza di medici specialisti, che, come Ordini e come Fnomceo, denunciamo e preannunciamo, anche qui inascoltati, da decenni. Da quando ci sarebbero stati i tempi per evitare il peggio. Problema che ha portato a quelle che abbiamo definito, senza reticenze, aberrazioni del sistema, come i medici a gettone gestiti dalle cooperative. E che porta ora a cercare in fretta situazioni emergenziali, rispetto alle quali non possiamo, ancora una volta, tacere le nostre perplessità, sempre con l’obiettivo ultimo – e unico – della tutela della salute pubblica”.

“Non siamo, come Ordini, contrari a che vengano impiegati, in via temporanea, medici stranieri – prosegue Anelli – siamo contrari a un doppio binario, se questo rischia di portare a un abbassamento della qualità dell’assistenza”.

“I medici italiani – spiega - seguono un percorso formativo che va dai nove agli undici anni e sono sottoposti a obblighi quali, ad esempio, quello vaccinale e quelli deontologici. E chi certifica le competenze e i requisiti necessari al corretto svolgimento della professione? Gli Ordini, con l’iscrizione agli Albi. I medici stranieri, cubani, argentini, albanesi, assunti tramite una norma che aveva un senso durante l’emergenza Covid ma che non può essere ora prorogata sic et simpliciter, portandola a sistema, sono assunti derogando a due controlli fondamentali. Il riconoscimento dei titoli secondo il normale iter, affidato al ministero della Salute, che accerta l’equivalenza dei percorsi formativi rispetto a quelli italiani, e chiede, se necessario, di superare esami integrativi. E l’iscrizione ai nostri Ordini, che accertano, tra l’altro, l’ottemperanza all’obbligo di vaccinazione con vaccini riconosciuti nel nostro paese e la conoscenza adeguata della lingua italiana. Particolare non di poco conto, se consideriamo che la Legge considera il tempo dedicato alla comunicazione quale parte integrante della cura”.

“La norma che, con troppe deroghe, consente l’impiego dei medici stranieri va dunque corretta – chiosa - restituendo al ministero della Salute il compito che gli è proprio, di riconoscere l’equivalenza dei titoli, e prevedendo, per i medici e gli odontoiatri che si rendono disponibili a esercitare in Italia, l’iscrizione ai nostri Ordini. Inoltre, non possono rimanere inascoltate le osservazioni avanzate da alcune associazioni che rileverebbero violazioni dei diritti umani nei confronti dei medici cubani: invitiamo il ministero degli Esteri a porre in atto le opportune verifiche”.

“Infine – conclude Anelli - una riflessione. La carenza di specialisti e di medici di medicina generale, da cui nascono tutte le storture del sistema - medici a gettone, cooperative che si sostituiscono al Servizio sanitario nazionale, medici stranieri, e, più a monte, “camici grigi”, laureati, abilitati, costretti ad attendere per anni di poter accedere alle scuole di specializzazione – nasce da decenni di errata programmazione, da parte delle Regioni, che hanno preferito risparmiare lesinando le borse ai medici, rimandando sine die la risoluzione strutturale del problema. Non si cerchi ora, per rimescolare le carte e non assumersi le proprie responsabilità, di trascinare gli Ordini in una bagarre elettorale alla quale sono, per loro natura, estranei. Troviamo invece, tutti insieme, soluzioni condivise per un’assistenza di qualità a tutela della salute. Cominciando dal rendere strutturale l’aumento delle borse voluto dal Ministro della Salute Roberto Speranza, di concerto con i ministri Messa e Franco, con una norma di legge che preveda, per ogni laurea in Medicina, un posto nelle Scuole di Specializzazione o al Corso per la Medicina Generale”.   



31 agosto 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in QS Calabria

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy