Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 29 FEBBRAIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medico di famiglia H24, tutti i giorni? Si può fare, ecco come. La proposta della Fimmg Lazio


Presentata sabato a Roma la proposta del sindacato dei medici di famiglia per un nuovo modello che mette a regime tutte le iniziative da anni presenti sul territorio e si propone di garantire un’assistenza capillare su tutto il territorio attraverso il mantenimento e la messa in rete degli studi medici in coordinamento con le Case della Comunità. IL DOCUMENTO

14 NOV -

Un nuovo modello che raccoglie e ottimizza tutte le iniziative che negli anni strutturate e messe in atto, assieme a quelle intraprese nel periodo del COVID. Un insieme che ottimizzato, darà luogo ad un nuovo tipo di assistenza in cui il cittadino potrà avere un’uniformità nelle prestazioni erogate e risposte più pronte. È stata presentata Sabato mattina nella sede della Fimmg Roma e Lazio all'Eur la proposta per un accordo integrativo regionale per la Medicina Generale della Regione. Una proposta che però potrebbe essere anche essere esportata in altre realtà regionali

Si è parlato delle unità di cure primarie nate anni fa degli ambulatori di cure primarie dei prefestivi, sabato e domenica, della continuità assistenziale ex guardia medica, della diagnostica di laboratorio come i tamponi, delle vaccinazioni e della domiciliarità, tenendo in debito conto anche la capillarità e realtà difficili come paesi isolati o zone periferiche, il tutto con un occhio alle nuove tecnologie di comunicazione riorganizzando un nuovo sistema di accoglienza front office . “Insomma – spiegano dalla Fimmg - , una revisione con una nuova concezione ottimizzata della medicina di famiglia del territorio, per rispondere , razionalizzando, ai bisogni del cittadino”. Alla manifestazione è intervenuto anche l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'amato che ha appoggiato l'iniziativa dichiarando l'apertura di un tavolo di contrattazione sin da lunedì per portare in tempi brevi alla firma di un Accordo che renda operativo quando proposto.

I servizi del territorio:

Vaccinazioni (influenza, Sars-CoV 2, Pneumococcica, Herpes Zoster , antitetanica,HPV ) Diagnostica ambulatoriale di 1° livello: tamponi, analisi per i controlli delle principali patologie corniche : creatinina Hb Glicata, Indici di flogosi, emocromo ecc. ecc.

Esami di 1° livello di tipo strumentale (spirometrie, ecg, ecografia ecc. Forniti direttamente o tramite telemedicina).

Presa in carico del paziente cronico rivisitando i PDTA partendo dalle AFT/UCP in collegamento Hub/spoke con le case di comunità.

Assistenza primaria e di continuità per tutti gli assistiti dei medici associati Collegamento in rete , mediante cooperazione applicativa con i gestionali dei MMG e PLS oltre ai sistemi informative del servizio sanitario regionale e il FSE

campagne di screening: consegna della provetta per il SO fecale , esecuzione test rapido per HCV invito ad eseguire mammografia pap test ed altro.

Nella proposta Fimmg si parla anche della creazione di un numero unico della medicina generale con notizie dettagliate relative alla singola AFT e alle risposte che la stessa può dare al cittadino: orari, modalità di erogazione delle prestazioni ordinarie ed indifferibili, a chi e come rivolgersi negli orari di chiusura degli studi (continuità dell’assistenza) in accordo con 112 e altri numeri telefonici regionali e aziendali.

Continuità dell’assistenza e Ruolo unico

La continuità assistenziale andrà garantita nell’ambito delle AFT, che assumerà su di sé anche il ruolo di centrale di ascolto per il bacino di utenza interessato garantendo le prestazioni previste dal nuovo ACN, ogni AFT potrà svolgere le funzioni di Ambufest in tal modo verrà garantita una effettiva continuità assistenziale per tutti i cittadini del Lazio. (Ove non fosse possibile festivi e prefestivi saranno assicurati in ambito distrettuale)

Il ruolo unico tra medici di assistenza primaria a quota capitaria e medici a quota oraria dovrà garantire attraverso una unica contrattazione l’uniforme applicazione su tutto il territorio regionale dei LEA della medicina generale, a tal fine la durata della copertura oraria della continuità assistenziale sarà determinata in relazione alla disponibilità dei fondi disponibili, della forza lavoro impiegabile ed alle esigenze territoriali.

Le AFT dovranno garantire l’esecuzione delle prestazioni di primo livello necessarie alla presa in carico dei pazienti cronici, verranno mantenuti gli studi medici per garantire la massima prossimità della medicina generale ai cittadini, le case di comunità rappresenteranno quindi gli hub dove concentrare le attrezzature ed il personale sanitario necessario alla esecuzione dei pdta. Si dovranno identificare le modalità migliori per coprire il territorio anche in considerazione del rapporto con l’emergenza e i reparti di pronto soccorso

La notte e i weekend. La continuità dell’assistenza nelle ore notturne nei festivi e prefestivi sarà garantita con medici di medicina generale a rapporto orario coadiuvati da medici a basso numero di scelte, fino al raggiungimento del massimale, oltre che da medici che volessero integrare il rapporto fiduciario. u Tale servizio si lega alle unità di cura, AFT/UCP, integrandosi tra studi medici, case di comunità e della salute in modo da garantire copertura assistenziale da parte dello stesso team di medici u Ogni UCP/AFT dovrebbe avere un medico garante della continuità dell’assistenza nella misura di 1 medico ogni 8

“Il cittadino avrebbe pertanto un medico di riferimento che sarebbe a sua volta tutelato essendo a conoscenza dei problemi clinici del paziente tramite la condivisione delle cartelle cliniche della forma associativa. Tale rimodellamento del ruolo del medico ad attività oraria potrà prevedere attività di prevenzione, screening, vaccinazione, prestazioni strumentali di primo livello e consentirebbe l’ingresso nel rapporto fiduciario dopo cessazioni di altri MMG componenti della stessa forma associativa”, conclude la Fimmg.




14 novembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy